domenica, Aprile 14, 2024
HomeMaltaAttualitàIl sacerdote dietro i mosaici di Ta' Pinu è stato licenziato dai...

Il sacerdote dietro i mosaici di Ta’ Pinu è stato licenziato dai gesuiti dopo le denunce di abusi sessuali

Il sacerdote che ha creato i mosaici che adornano l’ingresso del Santuario di Ta’ Pinu a Gozo è stato allontanato dalla comunità dei gesuiti dopo essere stato accusato di aver abusato sessualmente delle suore.

L’importante artista sloveno Marko Rupnik, noto in tutto il mondo per i suoi mosaici, è stato allontanato dalla Compagnia di Gesù per mancanza di obbedienza dopo essersi rifiutato di seguire gli ordini dei suoi superiori in seguito alle accuse mosse nei suoi confronti.

È accusato di aver abusato psicologicamente e sessualmente di alcune suore della Comunità Loyola di Lubiana negli anni Novanta.

Non saranno presentate accuse penali contro di lui perché i reati sono caduti in prescrizione. Tuttavia, al sacerdote 68enne sono state imposte restrizioni al suo ministero, tra cui il divieto di ascoltare le confessioni e di svolgere la direzione spirituale.

La Compagnia di Gesù ha annunciato questa settimana che Rupnik è stato dimesso dall’ordine religioso in conformità al diritto canonico, e questo “… a causa del suo ostinato rifiuto di osservare il voto di obbedienza”.

L’ordine ha dichiarato in un decreto che la decisione è stata presa dopo aver ricevuto un dossier contenente “numerose denunce di ogni tipo” contro Rupnik, relative a presunti incidenti avvenuti in un periodo di oltre 30 anni.

Di conseguenza, a Rupnik è stato ordinato di cambiare comunità e di accettare una nuova missione “in cui gli abbiamo offerto un’ultima possibilità come gesuita di fare i conti con il suo passato e di dare un segno chiaro a molte persone lese che stavano testimoniando contro di lui che era entrato in un percorso di verità”, si legge nel decreto.

Tuttavia, Rupnik si è ripetutamente rifiutato di obbedire all’ordine e di rispettare il suo mandato, lasciando al suo superiore l’unica opzione rimasta: la dimissione dalla Compagnia di Gesù.

Secondo le fonti, la decisione di espellere Rupnik sarebbe stata approvata dal Vaticano, poiché il diritto canonico prevede che un decreto di licenziamento debba essere confermato dal Vaticano prima di entrare in vigore.

L’artista è stato al centro di uno scandalo che ha scosso il mondo cattolico dal novembre 2022, quando i media italiani hanno riferito che Rupnik era stato accusato di aver abusato spiritualmente di alcune religiose negli anni Novanta.

Un mosaico di Rupnik raffigurante la Madonna che presenta Gesù è installato sopra la porta principale del santuario di Ta’ Pinu, mentre altre opere del sacerdote sono state montate sulle pareti del sagrato della chiesa. I mosaici sono stati inaugurati nel 2017.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

BNF Bank lancia l’onboarding digitale dei clienti

Il set aggiornato di strumenti virtuali è stato progettato per migliorare l'esperienza bancaria dei clienti. Foto fornita da BNF BankBNF Bank ha lanciato una...