I passeggeri dei traghetti sono diminuiti di due terzi dal 2019

L’utilizzo del traghetto tra La Valletta, Sliema e Cottonera è diminuito di quasi due terzi tra il 2019 e il 2021, secondo le statistiche sui trasporti pubblicate ieri dalla NSO.

Il traghetto tra La Valletta e Sliema è stato utilizzato regolarmente da quasi un milione di persone ogni anno fino al 2019, mentre quello tra La Valletta e Cottonera è cresciuto gradualmente in popolarità, raggiungendo un picco di 570.000 utenti nel 2019.

Queste cifre sono crollate nel corso del 2020, con le chiusure e le restrizioni del COVID-19 che hanno bloccato l’uso del trasporto pubblico.

I dati suggeriscono che, mentre le persone hanno iniziato a tornare gradualmente ai trasporti pubblici nel 2021, con l’aumento dei tassi di vaccinazione e l’allentamento delle restrizioni pandemiche, il numero di utenti dei traghetti è rimasto notevolmente basso.

In totale, poco più di 570.000 passeggeri hanno utilizzato i due traghetti nel 2021, con un calo di oltre il 61% rispetto ai quasi 1,5 milioni di utenti registrati nel 2019.

Solo il traghetto tra La Valletta e Sliema ha perso oltre mezzo milione di passeggeri tra questi due anni, mentre quello tra La Valletta e Cottonera è stato utilizzato da 370.000 persone in meno.

Resta da vedere se il numero di passeggeri tornerà alla normalità nel 2022, il primo anno completo senza restrizioni dovute alla pandemia.

I traghetti sono soprattutto un servizio turistico?

La riduzione dei passeggeri dei traghetti indica che la rete di trasporto marittimo di Malta è stata particolarmente colpita dal calo dei turisti durante la pandemia, sollevando il dubbio che il sistema di traghetti del porto interno funzioni principalmente come servizio per i turisti, piuttosto che per i pendolari locali.

L’esperta di trasporti Maria Attard, direttrice dell’Istituto per il cambiamento climatico e lo sviluppo sostenibile dell’Università di Malta, ritiene che questo possa essere il caso.

Non stiamo ancora sfruttando appieno il potenziale dei traghetti, soprattutto per quanto riguarda la quota modale dei pendolari. È evidente che la maggior parte dei passeggeri dei traghetti sono turisti e c’è una forte possibilità che i numeri del 2021 siano influenzati dalla loro bassa affluenzaMaria Attard

Secondo Attard, le ricerche condotte nel 2018 e nel 2019 mostrano che la maggior parte degli utenti del traghetto sono turisti e solo poco più di un terzo della popolazione della Valletta ha mai utilizzato il traghetto.

Investimenti “non altrettanto efficaci” senza disincentivi all’uso delle automobili

Attard ha descritto l’adozione di modalità di trasporto alternative come “abissale”, affermando che poco è cambiato negli ultimi dieci anni nonostante le autorità abbiano “fatto molto per tenere conto dei problemi di accessibilità dei traghetti”.

Le autorità dei trasporti hanno cercato di migliorare il servizio di traghetti nel corso degli anni, rinnovando i terminal , estendendo i tempi di percorrenza e migliorando il collegamento.

Ha avvertito che questi sforzi per cambiare le scelte di trasporto delle persone sono destinati a fallire “a meno che non vengano introdotti disincentivi all’uso dell’automobile”.

Attard ha indicato la possibile introduzione di tariffe per i parcheggi su strada, la revisione della struttura tariffaria del CVA e una migliore integrazione delle varie forme di trasporto pubblico come passi fondamentali per incoraggiare il trasferimento modale.

“Questo è l’ennesimo esempio di come fornire solo la carota (investimenti significativi nei traghetti e l’aggiunta di ulteriori infrastrutture) non sia altrettanto efficace se non si aggiungono i bastoni e se non si sviluppa una strategia completa che integri i vari modi di trasporto”.