mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaAttualitàI cannabis club sono sicuri di ricevere il sostegno delle banche locali

I cannabis club sono sicuri di ricevere il sostegno delle banche locali

All’Autorità per la Cannabis è stato assicurato che le banche locali non rifiuteranno i potenziali cannabis club per il fatto che vendono marijuana, dopo che le associazioni hanno sollevato la preoccupazione che l’industria possa essere considerata troppo rischiosa.

Leonid McKay, che dirige l’Autorità per l’Uso Responsabile della Cannabis, ha detto che la questione è stata sollevata durante vari incontri con le parti interessate, tra cui banche e organizzazioni non governative.

Da questi incontri è emerso un feedback da contatti informali con le banche, secondo cui queste potrebbero rifiutarsi di aprire conti bancari per i potenziali cannabis club – soprannominati Cannabis Harm Reduction Associations.

Le associazioni sono l’unico modo per acquistare legalmente la droga, che è stata legalizzata nel dicembre 2021. Le potenziali associazioni hanno iniziato a fare domanda per vendere marijuana coltivata in casa dal 28 febbraio e, finora, l’autorità ha ricevuto 26 domande.

Nessuna licenza è ancora stata concessa.

Troppo rischioso

Le fonti hanno spiegato che, per operare, questi club avrebbero dovuto aprire dei conti bancari per occuparsi delle buste paga, pagare i servizi e gestire i pagamenti, tra le altre cose. Ma le banche locali hanno ritenuto l’industria della cannabis troppo rischiosa.

McKay ha spiegato che, in seguito a queste preoccupazioni, l’Autorità ha contattato le banche e “ha spiegato la solidità del nostro processo di regolamentazione e quali controlli e contrappesi avrebbe comportato”.

“L’autorità ha inoltre illustrato i principi ispiratori di questa riforma e il modo in cui intende raggiungere il suo obiettivo: avere associazioni composte da una comunità locale di individui (non aziende) che lavorano senza scopo di lucro e il cui obiettivo è promuovere la salute pubblica e la riduzione dei danni”.

“L’autorità è soddisfatta che un certo numero di banche abbia indicato che non rifiuterebbe, in linea di principio, una richiesta di apertura di un conto bancario per il solo motivo che lo scopo dell’associazione è quello di coltivare e distribuire cannabis per uso non medico. Non è quindi previsto che questa questione ritardi il rilascio delle licenze alle potenziali associazioni”, ha detto.

I cannabis club devono essere senza scopo di lucro e possono vendere solo i propri prodotti, il che significa che solo i semi possono essere importati dall’estero. Ciò significa che la cannabis venduta legalmente a Malta deve essere coltivata nel Paese.

Regole dei club

I cannabis club devono avere un massimo di 500 soci e non possono trovarsi nel raggio di 250 metri da una scuola o da un centro giovanile. Inoltre, non possono farsi pubblicità e non possono includere la parola “cannabis” o incitare all’uso della cannabis.

I richiedenti devono pagare una tassa di registrazione di 1.000 euro e la tassa di licenza parte da 8.750 euro per i primi 50 membri. La cannabis venduta deve essere accompagnata da un’etichetta che scoraggi il consumo di cannabis e deve riportare i dettagli della pianta utilizzata.

Una persona può aderire a un solo club. Chiunque abbia più di 18 anni può iscriversi a un club. Tuttavia, c’è un limite al livello di THC – il composto della cannabis che fa sballare le persone – per chiunque abbia meno di 21 anni.

Tutte le entrate devono essere reinvestite nell’organizzazione o negli stipendi. Le associazioni contribuiranno anche con una parte delle vendite a un fondo per la riduzione del danno.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Rilasciati i più potenti minatori di criptovalute

I minatori ASICRUN vantano un consumo energetico basso o moderato. Foto: Shutterstock Il panorama del mining di criptovalute a livello globale ha subito una...