Arnold Cassola propone una nuova coalizione “centro-verdi-sinistra”: “Non escludo nessuno”

Arnold Cassola, nella foto mentre vota alle elezioni di sabato, ha dichiarato di non escludere nessuno dalla coalizione proposta. Foto: Chris Sant Fournier

Il candidato indipendente Arnold Cassola ha chiesto la formazione di una coalizione di “centro-verdi-sinistra” dopo aver perso un seggio alle recenti elezioni del Parlamento europeo.

In un articolo pubblicato oggi su Times of Malta, Cassola ha sottolineato il crescente sostegno ai candidati indipendenti e ai partiti alternativi, affermando che i tempi sono “maturi per… una coalizione di centro-verdi-sinistra”.

Definendo le elezioni “la nascita di un movimento di speranza”, il candidato indipendente ha affermato che costruire sui risultati ottenuti è “il prossimo passo”, prima di invitare “persone ben intenzionate” a manifestare il loro interesse per la formazione di una coalizione.

Contattato per approfondire i suoi commenti, Cassola non ha voluto commentare la sua disponibilità a lavorare con candidati specifici, dicendo invece che non escludeva nessuno.

Ma, in commenti separati a Times of Malta, la leader dell’ADPD Sandra Gauci ha detto di “non considerare la formazione di una coalizione in questo momento”.

Riflettendo sui risultati delle elezioni nel suo articolo, Cassola ha scritto che, nonostante la sua sconfitta personale, il panorama politico del Paese è stato scosso da una “scossa tettonica”, con il 13% degli elettori che ha optato per i terzi partiti e gli indipendenti.

Il candidato indipendente ha perso un seggio nonostante abbia ottenuto il terzo maggior numero di voti al primo conteggio, un vantaggio iniziale che è stato annullato dopo che non ha raccolto abbastanza voti in ulteriori conteggi.

Commentando la sua sconfitta, ha scritto di aver trovato “profondo conforto” nel crescente sostegno alle alternative ai due principali partiti politici, prima di lanciare un appello a creare una coalizione incentrata su politiche di centro-sinistra e verdi.

Cassola ha dichiarato a Times of Malta che la coalizione si concentrerà sulla creazione di una compagnia basata sulla meritocrazia e sull’arresto della “diffusione del cemento” nel Paese. Alla domanda su chi potrebbe partecipare alla coalizione, ha detto di non escludere nessuno, sottolineando di ritenere che ci siano molte persone in tutto il Paese che condividono obiettivi simili.

La proposta di coalizione è “non esclusiva, aperta a tutti”

Quando gli è stato chiesto se avrebbe preso in considerazione la possibilità di unire le forze con il collega candidato indipendente Conrad Borg Manché o con l’ADPD, Cassola ha detto che la coalizione proposta non è “esclusiva… [e] aperta a tutti”.

Alla domanda su Borg Manché, che ha dichiarato che, se eletto, si sarebbe unito ai Conservatori e Riformisti Europei (ECR) al Parlamento europeo – un gruppo euroscettico di destra – Cassola ha detto che Times of Malta poteva “trarre le proprie conclusioni”, ma che non avrebbe commentato la sua posizione.

Rispondendo alla domanda se avrebbe lavorato con coloro che condividono punti di vista diversi su argomenti controversi come l’aborto – una questione che lo ha spinto a dimettersi da Alternattiva Demokratika, un precursore dell’ADPD, a causa di divergenze con altri nel partito – Cassola ha sottolineato che la coalizione avrebbe permesso ai membri di esercitare il loro diritto al “voto di coscienza” (voto libero) su tali argomenti.

Alla domanda se la coalizione proposta godrebbe di un ampio sostegno nel contesto di un’impennata di consensi per i partiti di destra in tutto il continente, Cassola ha respinto il suggerimento, affermando di ritenere che a Malta ci siano “molte persone di buon senso”.

Commentando i risultati delle elezioni degli eurodeputati, Cassola ha descritto il risultato come una sconfitta per i laburisti piuttosto che una vittoria per il PN e ha sottolineato l’importanza del voto trasversale, piuttosto che votare semplicemente secondo le linee di partito.

Alla domanda se ritenesse giusto aver perso un seggio da europarlamentare pur avendo ottenuto il maggior numero di voti di prima preferenza, Cassola ha dichiarato di essere a favore della riforma elettorale, ma ha detto che è “solo un pio desiderio senza volontà politica” di cambiare il sistema.