giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaAprire la strada agli investimenti ESG nel settore dell'iGaming

Aprire la strada agli investimenti ESG nel settore dell’iGaming

Tutti vogliono diventare verdi: a tutte le aziende e a tutte le imprese piace l’idea di una strategia con un forte impegno in materia di ESG (ambientale, sociale e di governance). Le aziende sentono la pressione perché l’ESG è un obiettivo in divenire. Alcune sono proattive e vogliono essere tra le prime a diventare conformi alle norme ESG, mentre altre sono in ritardo, ma alla fine non avranno altra scelta che seguirle.

Conformarsi alle norme ESG è una priorità per l’autorità di regolamentazione del gioco d’azzardo di Malta. La Malta Gaming Authority (MGA) ha lanciato una piattaforma di rendicontazione ESG volontaria per le società di iGaming registrate nella giurisdizione per riferire i loro risultati ESG e monitorare i progressi. La Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) impone alle aziende di riferire sulle performance ESG a partire dal 2024.

Il degrado ambientale ostacola la crescita economica

Il presidente del Consiglio per lo Sviluppo Economico e Sociale di Malta, David Xuereb, intervenendo alla conferenza PKF sulle energie rinnovabili e l’ESG tenutasi a Malta ad aprile, ha affermato che un gran numero di organizzazioni ha iniziato a implementare una strategia ESG. Su base volontaria, senza alcun finanziamento, molte aziende hanno avviato il processo di transizione. Di solito ciò significa che gli amministratori delegati e i consigli di amministrazione di queste aziende hanno una visione matura e hanno condotto valutazioni del rischio pertinenti. Misurando l’impronta di carbonio dell’azienda, possono confrontare il benchmark dell’azienda con quello dei suoi concorrenti. Con una previsione buona e accurata, possono implementare il piano giusto per avviare il processo di transizione dal punto in cui si trova l’azienda e ambire a zero entro una certa data.

Xuereb è intervenuto alla conferenza parlando della transizione verso un’economia più verde e sostenibile. Ha affermato che l’impegno nei confronti delle nostre comunità creerà un cambiamento culturale e tutte le aziende dovranno avere una strategia ESG. Le società quotate in borsa sono tenute a formalizzare la procedura di rendicontazione dell’intera catena di fornitura. Xuereb ha sottolineato che la crescita economica avrà sempre bisogno di utilizzare le risorse naturali, ma la natura ha la capacità di rigenerarsi da sola. Anche le energie rinnovabili richiedono l’estrazione mineraria, quindi la transizione non è così semplice, aggiunge.

“Il rischio principale dell’ESG è il green washing. Ho imparato che se non c’è qualcosa di misurato, ad esempio azioni con KPI, eccetera, si tratta di green washing. Sappiamo di voler raggiungere un’economia a zero emissioni di carbonio entro il 2050. Non vorrei che un Paese non facesse altrettanto”David Xuereb, Presidente del Consiglio per lo Sviluppo Economico e Sociale di Malta (MCESD)

Xuereb ha spiegato che la transizione si basa molto sulla collaborazione tra il settore pubblico e quello privato. I governi svolgono un ruolo fondamentale nello stabilire le condizioni normative e fiscali che sosterranno l’attuazione dei cambiamenti necessari per diventare neutrali dal punto di vista del carbonio. La portata di questo cambiamento è stata paragonata alla rivoluzione industriale e il passaggio richiede enormi investimenti. Chi desidera portare avanti questa agenda dovrà spingere in tutte le direzioni per creare opportunità che portino alla crescita economica.

Implementare la “E” di ESG

“Abbiamo scoperto che, al di là delle questioni normative, ci sono molte buone ragioni per cui l’ESG è una necessità”, ha detto il presidente del MCESD, aggiungendo che la ragione più convincente per cui la “E” di ESG è importante è che c’è già molta conoscenza e consapevolezza sull’argomento. È convinto che le giovani generazioni siano più impegnate per un futuro verde e ben informate su questo tema. Anche per questo motivo, l’istruzione, la riqualificazione e la formazione sono fondamentali per il successo di questo mega cambiamento, in modo che “ci rendiamo conto che i modi del passato sono finiti e che le strade per un futuro più pulito sono qui per restare”. È fermamente convinto che i responsabili politici debbano trovare nuovi modi per educare il pubblico su questo tema.

“Non sono un esperto in questo campo e preferisco concentrarmi su quella che deve essere la nostra missione. Perché la “E” di ESG è una priorità? L’opinione pubblica le attribuisce molta più importanza di quanto non facesse prima e questo rende più facile capire di cosa tratta l’ESG. Vorrei lavorare con il maggior numero possibile di persone per la transizione. Questa è la mia vocazione principale. Mi impegno” David Xuereb, Presidente del Consiglio per lo Sviluppo Economico e Sociale di Malta (MCESD).

In parole povere, Xuereb riassume l’importanza per gli stakeholder di mantenere il massimo livello di integrità con un approccio etico alla governance aziendale. Alle aziende viene chiesto di essere responsabili e di applicare questo approccio a ogni aspetto delle loro operazioni, fino alle interazioni con gli stakeholder.

IA e nuove tecnologie emergenti

Il modo in cui il quadro di rendicontazione non finanziaria dell’UE può aiutare a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità di Malta è stato uno degli argomenti esplorati da un panel alla conferenza, moderato dall’avvocato specializzato in servizi finanziari Robert Spiteri. Xuereb, uno dei sei partecipanti al panel che comprendeva anche la partecipazione di Marthese Portelli, CEO della Camera di Commercio di Malta, si è concentrato sulle tecnologie emergenti e ha affermato che l’AI svolgerà un ruolo importante per supportare e misurare l’ESG. La trasformazione digitale per l’ESG sarà guidata da strumenti “intelligenti” che utilizzano le tecnologie più recenti per registrare e ottimizzare l’uso dell’energia, ridurre le emissioni di carbonio e aumentare l’efficienza idrica. “La tecnologia da sola non risolverà i nostri problemi di cambiamento climatico né comprometterà i rendimenti”, ha sostenuto Xuereb, “in realtà la tecnologia trasformerà l’economia e trasformerà il Paese”.

Il panel esplora il quadro di rendicontazione non finanziaria dell’UE durante la conferenza ESG di PKF

Alleanza ESG di Malta

La Malta ESG Alliance (MESGA) è stata istituita nel 2022 come piattaforma per sostenere le imprese a raggiungere un obiettivo ESG globale. I 13 membri fondatori della collaborazione, che danno l’esempio, provengono da diversi settori industriali. L’alleanza funge da collegamento, lavorando con i responsabili politici per attirare “piccole, medie e grandi aziende a unire le forze e contribuire a una comunità imprenditoriale resiliente e responsabile”.

Caso di studio: Boyd Gaming

La storia. L’operatore di casinò Boyd Gaming gestisce attualmente 28 proprietà di gioco e intrattenimento in dieci Stati degli USA. Gestisce un casinò tribale nel nord della California e possiede e gestisce Boyd Interactive, un’attività di gioco d’azzardo online B2B e B2C. La società è anche un partner strategico del gigante delle scommesse sportive FanDuel, con una partecipazione azionaria del 5%.

La sfida. L’azienda si è impegnata costantemente a proteggere l’ambiente e a trattare gli stakeholder con “rispetto e integrità”, fornendo al contempo i migliori interessi alla comunità. La sua agenda ESG si è impegnata a ridurre il consumo di energia e di acqua e a combattere il cambiamento climatico riducendo l’impronta di carbonio e minimizzando il volume di rifiuti inviati alle discariche. In qualità di società di gioco d’azzardo, Boyd promette inoltre di implementare e promuovere il gioco responsabile in tutte le sue attività.

L’azienda ha inoltre investito molto nelle risorse umane per garantire l’assunzione di un maggior numero di asiatici americani, isole del Pacifico, ispanici e latino-americani per una forza lavoro più diversificata.

Boyd sostiene la diversità. L’azienda sensibilizza costantemente alla diversità e all’inclusione dei gruppi di minoranza, che rappresentano il 63% della forza lavoro dell’azienda e il 55% dei dipendenti sono donne. Boyd Gaming ha anche formalizzato e implementato una politica globale sui diritti umani. In termini di comunità, Boyd Gaming vanta con orgoglio che la sua forza lavoro riflette la diversità nella sua composizione, con almeno il 17% dei suoi dipendenti che sono asiatici-americani e abitanti delle isole del Pacifico, mentre gli afroamericani rappresentano il 16% della forza lavoro del marchio. Il 14% del personale permanente è ispanico o latinoamericano.

L’approccio ESG. La filosofia ESG dell’azienda è il “Caring the Boyd way“. Boyd Gaming ha annunciato i risultati positivi della sua strategia ESG pubblicando un Rapporto sull’Ambiente, il Sociale e la Corporate Governance con i progressi delle sue iniziative chiave. I risultati hanno riportato una diminuzione del consumo di energia del 31% rispetto all’utilizzo del 2017.

Il presidente e amministratore delegato Keith Smith si è impegnato a operare con la massima integrità e condizione etica.

“Come evidenziato nel rapporto di quest’anno, l’intero team di Boyd ha compiuto eccellenti progressi nel portare avanti le nostre iniziative strategiche ESG nel 2022, continuando ad avere un impatto positivo sui nostri stakeholder e sulle comunità che chiamiamo casaKeith Smith, presidente e amministratore delegato di Boyd Gaming

Il risultato. Le emissioni di gas serra dell’azienda sono diminuite del 35% e il consumo di acqua è stato ridotto di oltre il 30%. I rifiuti sono stati ridotti grazie a iniziative di riciclaggio per “riutilizzare piuttosto che scartare” e nel 2022 il tasso di diversione totale è stato registrato a quasi il 54%. Tale diversione ha incluso oltre 2 milioni di chili di materiali dai rifiuti in discarica anno dopo anno.

Conformità ESG nella giurisdizione iGaming di Malta

La Malta Gaming Authority (MGA) ha annunciato che a partire dal 2024 tutte le grandi società quotate in borsa saranno tenute a seguire un codice di condotta ai sensi della direttiva sul reporting di sostenibilità aziendale. In un’iniziativa volta a migliorare la reputazione di Malta come giurisdizione leader nel settore del gioco d’azzardo e a “rimanere all’avanguardia nell’innovazione”, verrà sviluppato un codice volontario di buone pratiche ESG per il settore dell’iGaming.

Questo aiuterà i licenziatari della giurisdizione maltese a essere conformi alla legislazione ESG e a beneficiare di un approccio sostenibile al business. La MGA ha aggiunto che la direttiva per il settore del gioco d’azzardo si applicherà a tutti i soggetti interessati affinché tengano conto del loro impatto ESG sulla comunità.

L’MGA ha lanciato un sondaggio con la consultazione dei licenziatari e dei principali stakeholder per sensibilizzare e promuovere la trasparenza e la responsabilità nel settore.

David Xuereb è presidente del Consiglio per lo sviluppo economico e sociale di Malta (MVESD). È intervenuto alla conferenza PKF “Exploring the Links between ESG and Renewable Energy”, tenutasi il 12 aprile a Malta. Architetto di professione, Xuereb è ex presidente della Camera di Commercio di Malta.

PKF è un’organizzazione internazionale con oltre 400 uffici in tutto il mondo, che opera in 150 Paesi in cinque regioni ed è specializzata in servizi di revisione contabile, assicurazione, fiscalità e consulenza.

Il Consiglio maltese per lo sviluppo economico e sociale (MCESD) è un consiglio consultivo che formula pareri e raccomandazioni al governo maltese su questioni di rilevanza economica e sociale.

SourceSiGMA
RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...