giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaAccordo sugli ospedali: Vitals, il comportamento di Steward "probabilmente criminale" - tribunale

Accordo sugli ospedali: Vitals, il comportamento di Steward “probabilmente criminale” – tribunale

Venerdì scorso un tribunale ha condannato Steward Health Care, che ha rilevato la concessione degli ospedali da Vitals, per aver inteso “arricchirsi ingiustamente a spese dei cittadini” e per aver messo in atto un “comportamento probabilmente criminale”.

Il tribunale ha annullato il controverso accordo di privatizzazione degli ospedali originariamente firmato con Vitals, dichiarandolo “fraudolento”, e ha ordinato che gli ospedali St Luke, Karin Grech e Gozo siano restituiti al governo entro tre mesi.

Steward voleva arricchirsi ingiustamente a spese del governo e dei cittadini maltesi e gozitani– Il giudice Francesco Depasquale

Il giudice Francesco Depasquale ha emesso una sentenza drammatica e forte dopo 44 udienze nella causa intentata dall’ex leader dell’opposizione Adrian Delia.

Delia ha condotto una battaglia legale di cinque anni per contestare l’accordo e chiedere che gli ospedali siano “restituiti al popolo”.

Il tribunale ha dichiarato che Vitals Global Healthcare Limited, il concessionario originario, ha “abusato delle informazioni” precedentemente ottenute dai suoi investitori tramite un memorandum d’intesa firmato con il governo nell’ottobre 2014, per presentare una proposta che “non poteva che essere accettata”.

Leggendo pezzi della sentenza di 136 pagine, il giudice ha respinto tutti i motivi sollevati dai convenuti e ha accolto la tesi di Delia secondo cui non solo Vitals, e il suo successore nella concessione Steward Health care, non hanno adempiuto ai loro obblighi contrattuali ma, inoltre, l’accordo era viziato da frode.

Vitals “ha approfittato delle ambizioni del governo

Sapendo bene che la neoeletta amministrazione laburista si era impegnata nel suo manifesto elettorale a migliorare lo stato degli ospedali e non poteva fare marcia indietro su questa promessa politica, Vitals “ha approfittato delle ambizioni politiche del governo portandolo a scegliere il suo progetto”.

Ma lo hanno fatto per mezzo di “trucchi e manovre ben congegnati”, ha detto il giudice, adottando una cronologia degli eventi stilata dal revisore generale nel suo rapporto sull’affare degli ospedali.

Dopo aver firmato il memorandum d’ intesa per l’ospedale di Gozo e aver vincolato il governo a non negoziare con terzi, gli investitori di VGH hanno utilizzato le informazioni ottenute per presentare una proposta.

Questa proposta è stata poi descritta dal comitato di valutazione come “un quadro reale e dettagliato dell’assistenza sanitaria a Malta e Gozo”.

Il governo aveva insistito sul fatto che tutti gli investitori dovevano essere sottoposti a controlli di due diligence.

Konrad <strong>Mizzi</strong>, then in charge of health, did not make a public announcement on the concession, the court observed.Konrad Mizzi, all’epoca responsabile della salute, non ha fatto un annuncio pubblico sulla concessione, ha osservato il tribunale.

Un mese dopo, gli stessi investitori hanno firmato un accordo con la Medical Associates of Northern Virginia (MANV), che includeva un riferimento alle modalità di condivisione dei profitti derivanti dalla concessione degli ospedali.

L’accordo faceva anche riferimento alla “potenziale acquisizione del St Philips e/o del St Luke’s Hospital a Malta”.

Nel gennaio 2015, l’allora ministro Konrad Mizzi, responsabile del portafoglio sanitario, dichiarò che il governo non era più interessato alla proposta di Vitals.

All’epoca non c’era stato alcun annuncio pubblico sull’operazione di privatizzazione, ha osservato il tribunale. Inoltre, “la documentazione a sostegno delle affermazioni di [Mizzi] non era reperibile da nessuna parte”.

Inoltre, in nessun momento VGH ha informato Projects Malta di un possibile conflitto di interessi.

Nel maggio 2015, tre offerenti hanno presentato una richiesta di proposte per la concessione degli ospedali, ma di questi tre, VGH è stato l’unico a includere una garanzia di offerta, rendendolo così idoneo ad aggiudicarsi l’affare.

Vitals “ha preso tutti per il culo, ha fatto credere alle autorità le sue bugie”

La corte non ha potuto fare a meno di osservare che la metodologia adottata dalle persone incaricate dal governo di valutare e giudicare il progetto era “approssimativa e totalmente non professionale, quasi dilettantesca”.

È evidente che il comitato di valutazione “non ha affatto valutato la due diligence finanziaria di VGH, ma si è basato esclusivamente su ‘lettere di conforto’ di banche internazionali”.

In seguito è emerso che l’unica fonte finanziaria di Vitals era una banca locale, la Bank of Valletta, il cui azionista principale era il governo.

Il tribunale era convinto che la richiesta di proposte fosse “semplicemente parte del piano concepito e concertato esclusivamente dagli investitori”.

Vitals ha fatto ricorso a trucchi e ha affermato di avere una leva finanziaria di miliardi di euro, “prendendo così tutti in giro e facendo credere alle autorità le loro bugie, ottenendo così il progetto finale”.

Alla fine questi trucchi si sono trasformati in un nulla di fatto e le loro numerose promesse non sono state mantenute.

A banner reading 'corruption' is held up in front of St Luke's hospital during a protest held by rule-of-law NGO <strong>Repubblika</strong> last year.Uno striscione con la scritta “corruzione” viene esposto davanti all’ospedale St Luke durante una protesta organizzata dalla ONG Repubblika, che si occupa di diritto, l’anno scorso.

Per quanto riguarda Steward, la corte non ha avuto dubbi sul fatto che fosse ben consapevole di questo contenzioso in corso quando ha rilevato l’affare, cercando di approfittare della situazione creatasi con la frode commessa dal suo predecessore per “arricchirsi ingiustamente a spese del governo e dei cittadini maltesi e gozitani”.

La corte si è chiesta come i responsabili delle autorità governative potessero mai assumersi consapevolmente obblighi così onerosi.

La corte “ha voluto credere che tali obblighi siano stati assunti forse per insincerità, se non per pressioni affinché il progetto originario rimanesse in piedi”.

Tuttavia, questo è stato certamente il risultato del “comportamento fraudolento e forse criminale” sia di Steward che del suo predecessore, Vitals, e dei loro investitori, ha proseguito il giudice.

La “mancanza di rispetto” di Steward nei confronti del processo giudiziario

La posizione di Steward era “condannabile e manifestava chiaramente una mancanza di rispetto” non solo verso i suoi obblighi contrattuali ma anche verso “l’intero processo giudiziario”.

La concessionaria ha cercato di influenzare la decisione finale del tribunale, con l’unico scopo di ottenere un guadagno finanziario senza onorare i propri obblighi relativi all’accordo sugli ospedali.

Il tribunale ha respinto tutti i motivi sollevati dai convenuti.

Il primo era che il ricorrente non aveva citato l’articolo di legge in cui aveva inquadrato il suo caso. L’articolo 33 del Government Lands Act affermava che i trasferimenti di proprietà pubblica non effettuati in conformità a tale legge potevano essere annullati e che l’annullamento poteva essere richiesto: “da una qualsiasi delle parti coinvolte nell’alienazione e anche dal procuratore generale o da qualsiasi persona che sia membro della Camera dei Rappresentanti al momento della richiesta davanti alla Prima Sala del Tribunale Civile”.

Delia si era avvalso di questo diritto come deputato per chiedere l’annullamento.

Il formalismo era una parte essenziale dei procedimenti giudiziari, ma non fino al punto di essere applicato in modo “asfissiante per ostacolare o bloccare procedimenti avviati in modo legittimo”.

Il tribunale ha anche respinto l’argomentazione secondo cui i tre accordi firmati prima della concessione dell’enfiteusi erano “distinti e separati”.

Questi tre “strumenti correlati”, riguardanti l’accordo di concessione di servizi, l’accordo di fornitura di servizi sanitari e l’accordo di fornitura di manodopera, erano parte intrinseca della concessione con cui il governo concedeva i siti in base a un affitto temporaneo del terreno.

I convenuti avevano anche sostenuto che Delia fosse priva di interessi giuridici.

Ma la corte ha nuovamente respinto questa argomentazione, facendo alcune forti affermazioni sul dovere di ogni membro del parlamento di salvaguardare gli interessi dei cittadini che lo hanno eletto e di assicurare che le proprietà del governo siano trasferite a terzi in conformità con la legge e nel migliore interesse dei cittadini.

Il Procuratore Generale ha il dovere di controllare la concessione

Inoltre, le parti contraenti che rappresentano il governo, così come il procuratore generale, avevano il dovere di garantire che coloro che si impegnavano a rispettare l’accordo mettessero in pratica le parole.

E tali obblighi non “cessavano il giorno del trasferimento, ma continuavano ad applicarsi fino a quando la concessione rimaneva in vigore, sotto il costante controllo delle parti contraenti”.

In questo caso, la concessione riguardava una proprietà utilizzata per fornire un servizio essenziale al Paese, ovvero la salute, e quindi ogni deputato doveva assicurarsi che le parti in un accordo a scopo di lucro rispettassero i loro obblighi.

La scarsità di prove rifletteva probabilmente la “povertà di investimenti, progetti e piani futuri” di StewardTribunale

Tutti gli imputati, eccetto Steward, hanno sostenuto di non essere stati citati in giudizio, cercando di “sfuggire alle responsabilità e di dissociarsi con ogni mezzo possibile” dalla controversia.

Anche questo motivo è stato respinto.

Il tribunale ha esaminato tutte le inadempienze di Vitals e Steward nel raggiungimento delle “milestone” prestabilite, aspettandosi che la concessionaria producesse prove, anche testimoniali, che dimostrassero che aveva adempiuto a tali obblighi.

Ma sorprendentemente, tutto ciò che Steward ha prodotto è stato un affidavit di una pagina e 76 pagine di fotografie che mostravano un nuovo elicottero e la ristrutturazione della toilette dell’operatore telefonico.

Tale scarsità di prove rifletteva probabilmente la “povertà di investimenti, progetti e piani futuri” di Steward.

Tutto considerato, le richieste del richiedente dovevano essere accolte.

La concessione, compresi i tre accordi preliminari, le modifiche e le aggiunte, devono essere annullati e restituiti al governo, ha concluso il giudice, incaricando il notaio principale del governo di pubblicare l’atto di rescissione entro tre mesi.

Tutte le spese sono a carico di Steward Malta Limited. Gli avvocati Edward e Nicholas De Bono hanno assistito Delia.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE