sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaabbiamo perso le nostre case e ci hanno solo detto di trovare...

abbiamo perso le nostre case e ci hanno solo detto di trovare un posto per dormire”

Janet Walker ha perso la sua casa nel crollo di Guardamangia.

Quattordici famiglie si trovavano in strada, preoccupate e confuse. Era il giugno del 2019 ed erano state tutte evacuate dalle loro case dopo il crollo di un muro adiacente al cantiere della casa accanto.

“L’amministratore delegato dell’Ufficio per i regolamenti edilizi ci ha riuniti in strada e ci ha detto: ‘Ora dovete pianificare dove dormire stanotte'”, ha raccontato domenica Janet Walker.

“Ricordo di avergli detto: ‘√ą per questo che sei venuto qui? Per dividere le famiglie? Perch√© non sei venuto quando ho presentato una denuncia per la costruzione?”.

La Walker è stata una delle vittime di quella guerra

La residente di Guaradamangia √® ora in corsa per un posto nel consiglio comunale della sua citt√†, con il candidato dell’ADPD. Domenica √® intervenuta a un evento dell’ADPD fuori dal Parlamento, incentrato sulla richiesta di giustizia per le vittime delle calamit√† del settore edile.

L’ADPD vuole regole chiare che portino, tra l’altro, alla revoca della licenza agli appaltatori inadempienti, all’aumento significativo delle multe, alla consultazione dei consigli locali quando si progettano grattacieli nelle loro localit√† e alla cancellazione dei permessi per gli edifici invalidi dopo tre mesi.

“Nel 2023 sono state rilasciate 1.300 nuove licenze edilizie e si aspettano che 14 ispettori dell’OHSA riescano a tenere il passo. Perch√© creare un’istituzione e poi renderla priva di denti? Ora ne promettono altri 55. √ą una promessa pre-elettorale? Non sapevano prima che 14 ispettori non sono sufficienti?”, ha osservato la presidente dell’ADPD e candidata al Parlamento europeo Sandra Gauci durante l’evento.

Walker ha preso la parola prima di Gauci. Nel suo discorso, ha ricordato come abbia fatto tutto il possibile per avvertire le autorità dei lavori pericolosi in corso nella casa accanto.

“Ho parlato con l’OHSA e mi hanno detto che si occupano solo di sicurezza sul lavoro. Ho parlato con l’Autorit√† di pianificazione e mi hanno detto di rivolgermi all’Ufficio per le costruzioni e i regolamenti (BRO, ora sostituito dall’Autorit√† per le costruzioni). Ho parlato con il BRO e mi hanno detto di assumere un architetto e un avvocato”, ha detto Walker.

“Ho preso un architetto e un avvocato. L’architetto consigli√≤ ai costruttori della casa accanto di non scavare a filo del mio muro. Hanno ignorato le lettere dell’architetto e dell’avvocato e hanno scavato proprio sotto di noi”, ha detto Walker.

ADPD chairperson Sandra Gauci speaks at a party event in Pieta. Photo: ADPDLa presidente dell’ADPD Sandra Gauci parla a un evento del partito a Pieta. Foto: ADPD

Sei settimane dopo, i suoi peggiori timori si sarebbero avverati.

“Un rumore ha scosso l’intera casa. Ho sentito un trambusto in cucina, dove si trovavano mia madre, mia sorella e mia nipote di sette anni… Si sentivano urla in tutto il condominio. Mia sorella ha letteralmente portato fuori la figlia e le ha detto ‘qualsiasi cosa accada, continua a correre fuori’. Poi ha aiutato nostra madre a uscire”.

In questo caso, tutti sono stati evacuati in modo sicuro e nessuno √® rimasto ferito. Altre tragedie di cantiere che si sarebbero verificate negli anni successivi si sarebbero rivelate pi√Ļ fatali.

A seguito di un’inchiesta pubblica sull’ultima morte per crollo di un cantiere – quella dell’operaio ventenne Jean Paul Sofia – il governo si √® impegnato a rivedere la normativa sui cantieri. Alcuni regolatori si sono dimessi.

Walker ha detto che non è sufficiente.

“Se la strada da seguire √® solo quella delle dimissioni, le cose non miglioreranno”, ha detto sabato.

All’evento √® intervenuto anche Raphael Borg, un cittadino che ha chiesto di parlare in modo improvvisato.

I suoi nonni, ha raccontato, hanno subito una sorte simile, con la loro propriet√† che √® “affogata” a causa della costruzione vicina da parte di grandi costruttori nel 2005.

“Cambiare le nostre bandiere da blu a rosse ha davvero cambiato qualcosa? I pezzi grossi controllano ancora tutto”, ha detto Borg. “Non ho mai avuto intenzione di parlare davanti a un microfono, ma devo farmi sentire”, ha aggiunto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE