mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeItaliaAttualitàMeloni-Schlein: primo confronto in aula

Meloni-Schlein: primo confronto in aula

Primo confronto in aula tra Meloni e Schlein in cui la premier ha colto l’occasione di mettere in evidenza i paletti imposti dal suo governo, sui quali sembra ampiamente disposta a patteggiare con la leader del partito d’opposizione, la quale si è espressa duramente sui punti discordati.

I temi discussi sono stati quelli dell’immigrazione, su cui Schlein ha ribadito

Siete una destra ossessionata dall’immigrazione e non vedete le migrazioni dei giovani che sono costretti a causa dei salari bassi a cercare all’estero di andare a realizzarsiElly Schlein

A sua volta Meloni ha voluto specificare che il governo non rimarrà a guardare i continui naufragi per mano degli scafisti che trasportano illegalmente le persone presso le nostre coste ma, si propone di creare rotte legali che consentano viaggi sicuri per i migranti.

La discussione è passata anche verso l’ambito ecologico, in cui Meloni ha giustificato il suo no, specificando che la direttiva europea prevedeva un piano di difficile applicazione per l’Italia la quale, ha una conformazione geografica differente rispetto ad altri paesi europei, ed intervenire sugli edifici storici sarebbe difficile.

Si è passati su temi come il Mes, su cui la premier ha voluto ribadire che non è una scelta adatta al paese e di ciò appare d’accordo anche Bonomi, ed il Superbonus

Il governo ha presente le criticità di carattere finanziario a cui le amministrazioni vanno incontro. Compatibilmente con le disponibilità finanziarie e restando in linea con il quadro di finanza pubblica siamo disponibili e pronti a valutare ulteriori interventi, ulteriori risorse che possano essere destinate agli enti locali. In quest’ottica la determinazione dell’entità degli interventi nei prossimi mesi va valutata all’esito della programmazioneGiorgia Meloni

Per la riforma fiscale in cui si è parlato di una riduzione del sistema di imposizione sui redditi delle persone fisiche, la quale prevederebbe una riduzione delle aliquote e del carico fiscale. A partire dalle fasce più deboli, si inizierà a tenere conto anche della composizione dei specifici nuclei familiari.

Un dibattito acceso in cui non sono mancate frecciate da entrambe le parti, in cui però parrebbero esserci alcuni punti di incontro e tematiche comuni su cui discutere ulteriormente, ciò senza escludere che non sarà semplice attuare concretamente provvedimenti cercando di giungere ad una visione comunque, o quantomeno equilibrata.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE