domenica, Febbraio 25, 2024
HomeBusinessTecnologiaCosa succede nel cervello durante il gioco d'azzardo?

Cosa succede nel cervello durante il gioco d’azzardo?

Una ricerca ha rivelato che la reazione del cervello ai colpi di fortuna nel gioco d’azzardo è sorprendentemente paragonabile alla risposta alle vittorie reali. Foto: Pavel Danilyuk/pexels.com

Il gioco d’azzardo, che implica l’interazione tra rischio, ricompensa e possibilità, ha affascinato l’uomo per molti anni. Questa attività innesca una serie di processi intricati nel nostro cervello che contribuiscono alla sua natura eccitante e, a volte, assuefacente.

Il sistema mesolimbico della dopamina, noto anche come via della ricompensa, è essenziale per la risposta del cervello al gioco d’azzardo. Questo sistema comporta il rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore associato al piacere e al rinforzo, nel nucleo accumbens, una regione del cervello legata alla motivazione e alla ricompensa.

Quando gli individui anticipano una potenziale vincita, la dopamina viene rilasciata, creando un senso di euforia e rafforzando il desiderio di continuare a giocare.

La ricerca ha rivelato che la reazione del cervello alle vincite ravvicinate nel gioco d’azzardo è sorprendentemente paragonabile alla risposta alle vittorie reali. In particolare, quando un giocatore d’azzardo sperimenta un risultato che manca di poco la vittoria, il cervello lo percepisce come un successo parziale, che porta al rilascio di dopamina e contribuisce alla natura di dipendenza dell’attività. Questo fenomeno, comunemente chiamato effetto near-miss, è un potente meccanismo psicologico che mantiene gli individui impegnati nel gioco d’azzardo anche quando non hanno un successo completo.

L’anticipazione delle ricompense, l’elaborazione delle esperienze emotive e la valutazione dei rischi e delle ricompense contribuiscono al fascino del gioco d’azzardo

La risposta del cervello al gioco d’azzardo è fortemente influenzata dalla corteccia prefrontale (PFC), responsabile del processo decisionale, del controllo degli impulsi e della valutazione dei rischi e delle ricompense. Nel gioco d’azzardo, la corteccia prefrontale è fondamentale per valutare le probabilità, prendere decisioni strategiche e gestire le reazioni emotive alle vincite e alle perdite. Tuttavia, nei soggetti affetti da disturbi del gioco d’azzardo, le anomalie di quest’area possono portare a un’alterazione del processo decisionale e a un aumento dell’impulsività.

L’amigdala, una struttura simile a una mandorla e posizionata in profondità nel cervello, svolge un ruolo cruciale. La sua funzione principale è quella di elaborare le emozioni, concentrandosi sulla paura e sul piacere. Nel gioco d’azzardo, l’attivazione dell’amigdala è legata ai picchi e alle valli emozionali sperimentati durante il gioco. Vincere o perdere può suscitare forti reazioni emotive e l’amigdala contribuisce all’elaborazione e alla memorizzazione di queste emozioni, migliorando in ultima analisi l’esperienza complessiva del giocatore.

L’insula, una regione cerebrale coinvolta nell’autoconsapevolezza corporea e nell’elaborazione delle emozioni, si attiva durante il gioco d’azzardo. Svolge un ruolo nella segnalazione delle risposte fisiologiche associate alle vincite e alle perdite, come le variazioni della frequenza cardiaca e della conduttanza cutanea. Il coinvolgimento dell’insula contribuisce all’ipotesi del marcatore somatico, che suggerisce che le emozioni e le sensazioni corporee guidano il processo decisionale. Nel gioco d’azzardo, l’insula contribuisce a creare un legame tra l’esperienza emotiva e la decisione di continuare o smettere di giocare.

Anche la serotonina, un altro neurotrasmettitore, svolge un ruolo significativo nella risposta del cervello al gioco d’azzardo. La serotonina è associata alla regolazione dell’umore e i suoi livelli possono essere influenzati sia dalle vincite che dalle perdite durante il gioco d’azzardo. Le fluttuazioni dei livelli di serotonina possono contribuire agli alti e bassi emotivi sperimentati dai giocatori d’azzardo, influenzando il loro umore generale e contribuendo potenzialmente allo sviluppo di disturbi legati al gioco.

A livello strutturale, l’impegno ripetuto nel gioco d’azzardo può portare a cambiamenti neuroplastici nel cervello. La via della ricompensa può subire un adattamento, rendendo gli individui più suscettibili agli effetti di rinforzo del gioco d’azzardo. Questa neuroplasticità può contribuire allo sviluppo della dipendenza, in cui il cervello diventa sempre più predisposto a cercare esperienze piacevoli associate al gioco d’azzardo.

In conclusione, la risposta del cervello al gioco d’azzardo comporta una complessa interazione tra neurotrasmettitori, regioni cerebrali e percorsi neurali. L’anticipazione delle ricompense, l’elaborazione delle esperienze emotive e la valutazione dei rischi e delle ricompense contribuiscono al fascino del gioco d’azzardo. La comprensione di questi meccanismi neurali è fondamentale per lo sviluppo di interventi e trattamenti per le persone che lottano contro il gioco d’azzardo patologico, facendo luce sia sugli alti livelli di euforia che sulle leggi potenzialmente dannose di questo comportamento umano onnipresente.

Kayne Said è responsabile della comunicazione presso la Responsible Gaming Foundation. Può essere contattato al numero .

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...