sabato, Maggio 18, 2024
HomeBusinessSecondo gli esperti, il mondo accademico e l'industria dovrebbero collaborare per colmare...

Secondo gli esperti, il mondo accademico e l’industria dovrebbero collaborare per colmare il deficit di competenze

L’UE offre a tutti i cittadini europei ampie opportunità di migliorare le proprie competenze o di apprenderne di nuove. Foto: Getty Images

Negli ultimi anni, il panorama occupazionale maltese ha subito una trasformazione significativa, allontanandosi dalle attività ad alta intensità di lavoro e passando a un’economia dinamica guidata dai progressi tecnologici, dalle mutevoli richieste dei consumatori e da un ambiente commerciale globalizzato.

Questa transizione sta rapidamente rimodellando la natura del lavoro e ridefinendo le competenze necessarie per avere successo nel mercato del lavoro contemporaneo. Oggi si cercano dipendenti che sappiano usare la tecnologia, che sappiano fare marketing online, che sappiano gestire le finanze o che siano esperti in specifici tipi di ingegneria”, ha dichiarato Joanne Bondin, presidente dell’Associazione dei datori di lavoro di Malta.

La pandemia ha accelerato il passaggio al lavoro a distanza e alle configurazioni flessibili, spingendo le aziende a dotarsi di strumenti digitali per la collaborazione a distanza: “Questi cambiamenti hanno avuto un grande impatto sui posti di lavoro a Malta. I datori di lavoro sono a caccia di persone con competenze specializzate per far fronte ai rapidi cambiamenti del mercato. La competizione per i talenti è dura, il che porta a migliorare le retribuzioni e i vantaggi per attrarre e mantenere i lavoratori qualificati”, ha aggiunto Bondin.

Allo stesso tempo, essendo il mercato dei dipendenti, i lavoratori devono continuare ad apprendere nuove competenze per rimanere occupabili. Fortunatamente, i lavoratori possono accedere a una pletora di programmi di istruzione e formazione, che dotano la forza lavoro delle competenze necessarie per l’economia in evoluzione, rendendo al contempo più facile per i lavoratori qualificati provenienti dall’estero entrare nel mercato locale. “Nel complesso, questi sforzi mirano a mantenere il mercato del lavoro maltese forte e adattabile ai cambiamenti del mondo degli affari, sia a livello locale che nel più ampio scenario europeo”, aggiunge il presidente del MEA.

Anche a livello dell’Unione Europea, c’è una spinta senza precedenti a investire nelle competenze, con il Fondo Sociale Europeo Plus che da solo investe 99 miliardi di euro nelle persone nel periodo 2021-2027, con l’Anno Europeo delle Competenze che evidenzia la moltitudine di opportunità disponibili a questo proposito.

Riflettendo sulle prospettive dell’industria, Godwin Xerri, amministratore delegato di Focal Maritime, concorda con Bondin sulla carenza di copertura delle competenze specialistiche richieste dal mercato del lavoro. Questa lacuna emerge nelle tecnologie emergenti, che richiedono competenze tecniche specifiche assenti nei programmi di studio tradizionali, e nei settori industriali che richiedono conoscenze e competenze specifiche.

Xerri vede tuttavia un aspetto positivo in questa situazione, che crea l’opportunità di formare menti nuove: “In queste situazioni, è ideale assumere persone di talento. Quando manca la conoscenza del settore o l’esperienza, dovremmo considerare competenze come la flessibilità, l’agilità, la grinta e il desiderio di imparare”, ha aggiunto.

Alla domanda sul perché i giovani si allontanano da certi lavori, Xerri ha suggerito che alcune carriere possono essere molto interessanti ma non “commercializzate” abbastanza. Identificando come esempi principali settori come quello marittimo, dei trasporti e della logistica, Xerri sostiene che ciò può accadere a causa di una limitata consapevolezza, di un’insufficiente rappresentanza del settore o di una mancanza di canali di networking: “Di conseguenza, gli individui possono trascurare queste carriere nonostante il loro potenziale di realizzazione personale e di crescita professionale”.

Qual è la strada da seguire? “La collaborazione tra gli uffici per lo sviluppo delle carriere, gli istituti di formazione e i partner industriali è fondamentale per allineare l’offerta formativa alle richieste del mercato del lavoro”, spiega l’esperto. Aggiunge che ciò può comportare l’istituzione di comitati consultivi per il curriculum, docenti ospiti, progetti sponsorizzati dall’industria e tirocini per migliorare l’occupabilità e la preparazione alla carriera degli studenti. Un sistema di stage ben funzionante, che preveda linee guida chiare, programmi strutturati ed esperienze significative per gli stagisti, può essere molto importante”, ha aggiunto.

La dott.ssa Anne Marie Thake, docente senior presso l’Università di Malta e specialista di politiche e risorse umane, spiega che gli sforzi in questa direzione sono già in corso e che alcune discipline accademiche collaborano già con diverse parti interessate per consentire l’identificazione delle tendenze industriali emergenti e dei requisiti di competenze: “In questo modo le intuizioni, le sfide e le priorità vengono scambiate e inserite nei programmi di studio. Le tendenze del mercato del lavoro aiutano a identificare le esigenze dell’industria in evoluzione e le potenziali carenze di competenze”.

Riflettendo sull’offerta formativa più ampia del Paese, ha sottolineato come la Strategia nazionale per l’istruzione 2024-2030, lanciata all’inizio di quest’anno, si concentri sulla preparazione di “una generazione resiliente con competenze umane affinate, in particolare empatia, autoregolazione emotiva ed elevata flessibilità”.

Negli ultimi anni, l’Università ha investito in corsi, specializzazioni, aree di studio e iniziative di ricerca volte a produrre professionisti qualificati che lavorino in organizzazioni pubbliche e private. “È orientata a fornire competenze in settori cruciali come le competenze specialistiche in materia di TIC e computer, l’assistenza infermieristica e sanitaria per lo sviluppo infrastrutturale e industriale di Malta. Tuttavia, molti datori di lavoro si sono spostati dalla ricerca di credenziali di ingresso alla valutazione delle competenze critiche. Questo perché le credenziali non riflettono le reali competenze richieste per svolgere il lavoro”, ha affermato l’esperta.

Tuttavia, il cammino è lungo e la dott.ssa Thake ammette prontamente che occorre fare di più. Per rispondere a questo imperativo, la strategia educativa deve essere ricalibrata per adattarsi alle esigenze del mercato del lavoro. L’adeguamento della strategia educativa di Malta alle esigenze del mercato deve essere un processo continuo. A tal fine, il monitoraggio dei risultati dei laureati, dei tassi di occupazione, della soddisfazione dei datori di lavoro e del feedback degli studenti fornisce dati preziosi per affinare le politiche e i programmi al fine di soddisfare meglio le esigenze del settore.

“Promuovendo la collaborazione e il dialogo tra il mondo accademico e l’industria, le parti interessate possono garantire che i programmi di istruzione e formazione rimangano pertinenti, reattivi e allineati alle esigenze in evoluzione della forza lavoro”, ha concluso il dottor Thake.

Nell’ambito dell’Anno europeo delle competenze, che durerà fino a maggio 2024, l’UE offre a tutti i cittadini europei ampie opportunità per migliorare le proprie competenze o apprenderne di nuove. Il concetto di sviluppo delle competenze e di apprendimento di nuove abilità per migliorare l’occupabilità o cambiare carriera è sostenuto anche dalla Commissione europea. Per ulteriori informazioni su come sviluppare le proprie competenze, trovare un lavoro o costruire un CV di alta qualità valido in tutta l’UE, visitate il sito .

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE