martedì, Aprile 23, 2024
HomeBusinessMaltashopper abbandona i calzini "offensivi" dopo l'offesa di un religioso indù

Maltashopper abbandona i calzini “offensivi” dopo l’offesa di un religioso indù

Zed (a destra) afferma che le calze raffiguranti il Signore Ganesha sono altamente offensive per gli indù. Foto: Maltashopper/Facebook

Il sito di e-commerce locale Maltashopper ha rimosso dal suo sito web un paio di calzini raffiguranti una divinità indù, dopo che un ecclesiastico statunitense ha dichiarato che erano offensivi.

Il sito ha preso provvedimenti dopo che Rajan Zed, un attivista del Nevada che ha fondato la Società Universale dell’Induismo nel 2011, ha segnalato i calzini “altamente inappropriati” in una dichiarazione alla stampa.

Zed ha affermato che l’azienda stava banalizzando le divinità indù offrendo calzini che le raffiguravano e altri concetti indù.

I calzini in questione sono prodotti da un’azienda chiamata Hop Hare.

“Caratterizzati da un affascinante disegno di Ganesha, questi calzini aggiungono un tocco di spiritualità e significato culturale al vostro abbigliamento. Ganesha, la divinità indù conosciuta come colui che rimuove gli ostacoli, simboleggia saggezza, prosperità e fortuna. Con questi calzini, potrete portare con voi un pezzo di antica saggezza ovunque andiate”, si legge nella descrizione del prodotto.

Zed ha dichiarato che il prodotto è altamente inappropriato.

“Nell’Induismo, Lord Ganesha è venerato come dio della saggezza e della rimozione degli ostacoli e viene invocato prima dell’inizio di qualsiasi impresa importante”, ha spiegato.

“Gli indù sono a favore della libertà di espressione artistica e di parola come chiunque altro, se non di più. Ma la fede è qualcosa di sacro e i tentativi di banalizzarla sono dolorosi per i seguaci”, ha aggiunto.

Maltashopper si scusa per l’offesa

Maltashopper è un sito web di intermediazione che offre prodotti venduti nei negozi siciliani ai residenti maltesi.

Un portavoce di Maltashopper ha dichiarato a Times of Malta che stavano rimuovendo i calzini dal loro sito web dopo che Zed li aveva contattati direttamente.

Al momento della pubblicazione, i calzini non erano più visibili sul sito dell’azienda.

In un’e-mail visionata da Times of Malta, l’azienda si è scusata con Zed per l’offesa arrecata. Ha spiegato che i prodotti elencati dai suoi fornitori vengono importati automaticamente sul suo sito web, il che significa che gli articoli non vengono sempre controllati manualmente prima di essere messi in vendita.

“Il nostro impegno per la sensibilità culturale e il rispetto di tutte le credenze religiose è fondamentale”, ha dichiarato l’azienda al religioso indù scusandosi per l’incidente.

L’azienda ha dichiarato di aver segnalato il problema anche al fornitore dei calzini.

“Il nostro obiettivo è quello di implementare misure che includano controlli per le sensibilità culturali e religiose, eventualmente prevedendo linee guida più severe per il nostro fornitore”, ha dichiarato.

“Ci impegniamo a trarre insegnamento da questo incidente e ad apportare le necessarie modifiche alle nostre operazioni per onorare e rispettare meglio le diverse comunità che serviamo”.

Zed è noto per le sue campagne attive affinché le aziende rimuovano i prodotti con simboli indù.

Nel 2019, il rivenditore statunitense di articoli per l’outdoor REI ha interrotto la vendita di un tappetino per lo yoga con un’immagine di Ganesh e si è scusato dopo che Zed aveva fatto una campagna in tal senso. Il religioso indù ha anche preso di mira Amazon per la vendita di articoli raffiguranti divinità indù, il rivenditore di gelati statunitense Baskin-Robbins per l’inclusione di gelatina di origine bovina in uno dei suoi gusti di gelato e la Banca del Canada per l’utilizzo di sego di manzo per la fabbricazione delle sue banconote.

A Malta, gli sforzi di Zed si sono finora concentrati soprattutto sulla mancanza di un crematorio nel Paese. Questo, ha detto, significa che gli indù di Malta sono costretti a seppellire i loro cari, “in contraddizione con le loro credenze di lunga data secondo cui la sepoltura ostacola il viaggio dell’anima”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Taiwan colpita da numerose scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 6,3

Questa immagine pubblicata dalla Central News Agency (CNA) di Taiwan il 22 aprile 2024 mostra rocce cadute sull'autostrada Suhua a Hualien. Foto: AFPLa capitale...