giovedì, Aprile 18, 2024
HomeBusinessL'etica delle fughe di notizie

L’etica delle fughe di notizie

Nessuna organizzazione può affermare di essere immune dal rischio di perdite. Foto: Shutterstock.com

Non passa quasi settimana senza che i media pubblichino informazioni sensibili ottenute da persone che sentono il bisogno di rivelare informazioni sconosciute al pubblico. Alcune di queste fughe di notizie non sono altro che banali articoli da cucina che spesso vengono messi in primo piano dai media popolari, soprattutto dai giornali scandalistici. Altre fughe di notizie contengono informazioni su questioni che le organizzazioni cercano di nascondere al pubblico per proteggere i propri interessi personali.

Il Centro di Etica Applicata dell’Università di Santa Clara, negli Stati Uniti, parla di fughe di notizie “buone” e “cattive”. Secondo questa università, “una buona fuga di notizie è la divulgazione di informazioni che ampliano la comprensione pubblica di una questione di interesse pubblico, senza danneggiare nessuno. Una fuga di notizie cattiva è quella che danneggia e non aiuta la comprensione pubblica di una questione pubblica importante”. Quindi, chi sono i buoni e i cattivi leakers?

Per rispondere a questa domanda, bisogna capire perché le persone fanno trapelare informazioni. Secondo la mia esperienza, alcune organizzazioni, soprattutto nel settore pubblico, soffrono di culture politiche interne ed esterne tossiche.

In queste organizzazioni, un piccolo gruppo di individui si proietta come santi informatori. Spesso non sono altro che intrallazzatori ossessionati dall’idea di fare carriera accattivandosi i loro patroni politici. Arruolano le loro informazioni riservate per avvalorare la loro versione di una storia di presunti abusi gestionali.

Tuttavia, concludere che tutte le fughe di notizie sono immorali e devono essere sradicate a tutti i costi è pericoloso. Le fughe di notizie faranno sempre parte di una società libera, a maggior ragione nell’era di molte fonti di notizie concorrenti, tra cui blog e siti web. Molti comprensibilmente sostengono che se le fughe di notizie rivelano un’azione governativa illegale o un comportamento che danneggia in modo significativo gli individui, possono essere più facilmente giustificate dal punto di vista etico.

Nessuna organizzazione può affermare di essere immune dal rischio di fughe di notizie. Il Vaticano, la famiglia reale britannica, le grandi multinazionali come Volkswagen, la Banca Centrale Europea e persino l’Unione Europea soffrono di imbarazzanti fughe di notizie periodiche, le cui fonti sono i loro dipendenti.

Nel 2023, Unicredit, la seconda banca italiana, è stata vittima di un’imbarazzante fuga di notizie che ha costretto il capo del comitato di remunerazione della banca a dimettersi. Le accuse infondate di fuga di notizie dal consiglio di amministrazione della banca riguardavano la proposta di un nuovo e sostanzioso pacchetto retributivo per l’amministratore delegato Andrea Orcel.

Concludere che tutte le fughe di notizie sono immorali e devono essere sradicate a tutti i costi è pericoloso. Le fughe di notizie faranno sempre parte di una società libera

La fonte delle fughe di notizie è notoriamente difficile da trovare. Jayne-Anne Gadhia, ex amministratore delegato dell’istituto di credito britannico Virgin Money e direttore non esecutivo di Unicredit, ha dovuto dimettersi da direttore non esecutivo in seguito a un’indagine interna, anche se non è stata trovata alcuna prova del suo presunto coinvolgimento in questa fuga di notizie.

La BCE non è stata soddisfatta del modo in cui la banca ha affrontato l’incidente. Ha promesso di condurre le proprie indagini per determinare se Unicredit soffra della “mancanza di una sana cultura della sfida” tra i dirigenti.

Andrew Rettman è un giornalista dell’EUObserver con sede a Bruxelles e si occupa di politica estera e di sicurezza. Sostiene che “le fughe di notizie sono necessarie per chiedere conto all’UE di questioni di interesse pubblico, perché i documenti costituiscono la prova delle accuse” e si prodiga in consigli ai potenziali informatori su come far trapelare in modo “sicuro” informazioni sensibili che interessano i cittadini dell’UE.

Nel 2016, il gruppo dei Verdi/EFA al Parlamento europeo ha lanciato la piattaforma EU Leaks per aiutare gli informatori a trasmettere informazioni considerate cruciali per il benessere dei cittadini dell’UE. Nel loro sito web EU leaks, i Verdi sostengono: “Non stiamo incitando nessuno a fare qualcosa. Stiamo semplicemente fornendo strumenti sicuri a coloro che ritengono di fare la cosa giusta facendo luce su particolari processi o politiche. Abbiamo lanciato il progetto per difendere l’interesse pubblico, e chiunque voglia soffiare il fischietto è libero di decidere se usare o meno la nostra piattaforma”.

I Panama Papers, lo scandalo delle emissioni diesel della Volkswagen e la cattiva gestione della crisi COVID da parte di alcuni politici nel Regno Unito e in Italia confermano come sia legittimo mostrare coraggio morale rivelando informazioni segrete e sensibili nell’interesse pubblico.

Mentre alcuni etichettano i whistle-blowers come terroristi aziendali, altri li elogiano come combattenti per la libertà che rischiano il loro lavoro per scoprire violazioni della legge, cattiva condotta, abuso di potere, incompetenza e discriminazione.

Alfred Charles William Harmsworth, poi Alfred Lord Northcliffe, è stato un pioniere dei giornali britannici che ha rivoluzionato l’editoria di riviste e quotidiani in Gran Bretagna nei primi anni del XX secolo. Egli esercitò un notevole potere politico attraverso i suoi quotidiani popolari.

Northcliffe aveva ragione quando diceva: “Le notizie sono quelle che qualcuno, da qualche parte, vuole sopprimere; tutto il resto è pubblicità”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donna porta il cadavere dello zio in banca per ottenere un prestito in Brasile

La donna ha cercato di far credere che lo zio stesse firmando i documenti. Screengrab da filmati: X, ex TwitterLa polizia brasiliana ha arrestato...