venerdì, Maggio 31, 2024
HomeBusinessLa transizione di Malta verso un'economia più verde

La transizione di Malta verso un’economia più verde

Finanza verde ed economia verde

Con l‘Accordo di Parigi del 2015, alcuni Paesi hanno deciso di decarbonizzare le loro economie.

Il mondo, quindi, deve passare dalla fame di carbonio alla sua neutralità entro il 2050. Questa aspirazione significa anche che il cambiamento economico che il mondo dovrà affrontare nei prossimi 27 anni sarà più grande di quello provocato dalla rivoluzione industriale degli anni Sessanta. La “finanza verde” e la “green economy” sono due strumenti che aiuteranno il mondo a muoversi in questa direzione.

Hili e Xuereb sostengono che per realizzare la transizione verso la neutralità del carbonio è necessario un flusso di finanziamenti. Pertanto, la “finanza verde” e la “green economy” si riferiscono effettivamente a quegli investimenti e a quelle transizioni, in termini di finanziamenti, talenti e risorse, che le imprese devono abbracciare per favorire la transizione della nostra economia verso un‘economia verde.

Finanza sostenibile e ritorno economico: compatibili o si escludono a vicenda?

Xuereb spiega che la compatibilità tra finanza sostenibile e ritorno economico dipende dalla mentalità del consiglio di amministrazione e dell’amministratore delegato di una particolare entità aziendale. Quando la priorità è il rendimento a breve termine, la redditività di fondo e i dividendi che l’azienda può ottenere saranno considerati soddisfacenti dai suoi amministratori. Tuttavia, questo non funziona al giorno d’oggi per diversi motivi. Qualsiasi azienda che voglia essere sostenibile da un punto di vista di autoconservazione dovrà assicurarsi di avere indicatori di performance chiave (KPI) che le permettano di crescere nel medio-lungo termine e di poter lavorare all’interno di un ecosistema.

A questo proposito, Xuereb e Hili affermano che le imprese devono tenere conto delle aspettative dei clienti, che cambiano continuamente. Questo soprattutto perché i clienti scelgono quali prodotti acquistare e quali servizi pagare in base ai loro valori personali.

Xuereb spiega che, per questo motivo, qualsiasi azienda sarebbe molto miope se desse priorità alla qualità dei dividendi che è in grado di offrire nel breve termine, senza cercare di svilupparsi in modo appropriato e garantendo la trasparenza su come l’azienda stessa si comporta.

senza cercare di svilupparsi in modo adeguato e senza garantire la trasparenza su come l’azienda si comporterà nel medio-lungo termine.

Ad esempio, se le imprese affamate di carbonio, come quelle che operano nei settori dell’edilizia, del cemento e dell’acciaio, non iniziano a cercare mezzi e materiali alternativi per sviluppare edifici a emissioni zero, queste imprese moriranno. Per questo motivo, le imprese devono prepararsi al futuro per essere in grado di fare questo salto verso un futuro verde.

Il quadro normativo

Hili osserva che la Commissione europea sta spingendo per una regolamentazione relativa alla finanza verde. Tale regolamentazione impone alle aziende, tra l’altro, di capire quali sono le preferenze di sostenibilità dei loro clienti di riferimento, di garantire che i prodotti e i servizi offerti siano in linea con le esigenze dei clienti e che questi ultimi possano fare scelte ben informate.

Xuereb concorda sul fatto che il quadro normativo in cui avviene la transizione verso un’economia verde è di importanza cruciale. Tuttavia, sottolinea anche che, affinché la transizione abbia successo, le aziende non dovrebbero considerarla come un esercizio da spuntare, né essere motivate ad agire solo perché sono obbligate per legge a farlo. Piuttosto, dovrebbero muoversi in questa direzione in modo intuitivo e rapido, poiché ciò le porterà a diventare le aziende preferite in cui investire, da cui essere assunti, da cui acquistare e da cui ricevere servizi.

Attraverso la Malta ESG Alliance, i leader aziendali di diversi settori stanno collaborando per passare a una direzione più favorevole all’ESG. L’Alleanza ESG di Malta promuove la collaborazione e il sostegno in questo settore, incrementando al contempo un’efficace azione di lobbying presso le autorità di regolamentazione, i politici e la stessa comunità imprenditoriale. Tutto ciò contribuisce a una maggiore responsabilità nei confronti delle generazioni future, discutono Xuereb e Hili.

Il modello economico della Ciambella

La ciambella è un modello economico inventato dalla professoressa Kate Raworth, che contempla un’economia che non è guidata o misurata dal PIL, ma piuttosto da quelle cose che la società e le economie richiedono per sopravvivere.

Il nome di questo modello deriva dalla forma del diagramma che lo rappresenta, con il confine interno che si riferisce alle necessità di base della vita, come il cibo, l’acqua, il reddito e il lavoro, la voce politica, l’istruzione e l’equità sociale, e il confine esterno che si riferisce alle risorse ambientali che utilizziamo e che potremmo consumare in eccesso se non stiamo abbastanza attenti.

Il consumo eccessivo è pericoloso perché ci porta a punti critici, come il cambiamento climatico, l’acidificazione degli oceani, l’inquinamento atmosferico, la perdita di biodiversità e la conversione dei terreni, tutti fattori che ci impediscono di beneficiare delle risorse gratuite che il nostro pianeta ci offre.

Xuereb condivide la sua ambizione di poter misurare un giorno il modello economico maltese utilizzando il modello economico della ciambella. Sottolinea che questo quadro deve essere tenuto presente a livello locale ogni volta che si prendono decisioni commerciali, e anche nei bilanci nazionali, poiché prende in considerazione tutti gli aspetti ambientali, sociali e di governance che aiutano la nostra società a prosperare nel breve, medio e lungo termine.

Lo sforzo di Malta per la transizione

Sebbene dietro le quinte si stia facendo molto per la transizione di Malta verso un’economia verde, la diffusione di informazioni sulle sfide da affrontare è molto scarsa, sostengono Xuereb e Hili.

Essi sostengono che solo quando capiremo qual è la vera posta in gioco potremo aumentare le discussioni sull’argomento e raggiungere un modello economico a Malta che sia attraente, rispettabile, sensibile all’ambiente e fiorente in termini di ritorno economico.

Nei prossimi anni, gli investitori si aspetteranno di compiere questa transizione, sia perché ha senso dal punto di vista commerciale, sia perché vorranno essere una forza per il bene.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donald Trump condannato per tutti i 34 capi d’accusa nel processo per il denaro sporco

Donald Trump è stato condannato per tutti i capi d'accusa nel processo per l'uso di denaro sporco. Foto: AFPUna giuria di New York ha...