mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeBusinessLa BoE alza i tassi di mezzo punto mentre persiste un'inflazione elevata

La BoE alza i tassi di mezzo punto mentre persiste un’inflazione elevata

La Banca d’Inghilterra ha alzato di mezzo punto il suo tasso d’interesse di riferimento, portandolo al 5%, per far fronte all’inflazione britannica ostinatamente alta, nonostante questa mossa aggravi la crisi del costo della vita. Il rialzo, superiore alle attese e pari a un massimo di 15 anni, è stato il 13° aumento consecutivo.

“I dati più recenti hanno dato significative notizie positive che indicano una maggiore persistenza del processo inflazionistico”, ha dichiarato la Banca d’Inghilterra (BoE) nei verbali di una regolare riunione di politica monetaria.

La decisione è arrivata un giorno dopo che i dati hanno mostrato che l’inflazione annuale del Regno Unito è rimasta all’8,7% a maggio, sfidando le aspettative di un rallentamento.

Il tasso di inflazione britannico è il più alto tra i paesi ricchi del G7.

Prima dei dati, i mercati si aspettavano un aumento più contenuto di un quarto di punto.

Aumenti globali

L’aumento di mezzo punto è stato in netto contrasto con la Federal Reserve, che la scorsa settimana ha messo in pausa i rialzi dei tassi negli Stati Uniti dopo un forte rallentamento dell’inflazione nel Paese.

La scorsa settimana la Banca Centrale Europea ha aumentato i costi di finanziamento di un quarto di punto.

Le banche centrali svizzera e norvegese hanno aumentato i loro tassi.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha fatto della riduzione del ritmo di aumento dei prezzi una priorità del suo governo conservatore in vista delle elezioni generali del prossimo anno.

Gli operatori prevedono che i tassi di interesse britannici raggiungeranno il 6% entro la fine dell’anno e, secondo gli analisti, potrebbero spingere la Gran Bretagna in recessione.

Sunak vuole che l’inflazione si riduca al cinque per cento entro la fine dell’anno, ovvero circa la metà del livello all’inizio del 2023.

La lezione che ci viene dagli altri Paesi è che se si rimane fedeli alle proprie idee, si riesce a ridurre l’inflazione”, ha dichiarato il Cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt.

La BoE ha iniziato ad alzare il suo tasso di interesse di riferimento dal minimo storico dello 0,1% alla fine del 2021, con l’inflazione che iniziava a salire man mano che le economie uscivano dal blocco della COVID.

L’inflazione britannica ha toccato un picco di 41 anni all’11,1% in ottobre, a causa delle bollette energetiche dilaganti, dopo che il principale produttore di petrolio e gas, la Russia, ha invaso l’Ucraina all’inizio del 2022.

L’inflazione di fondo, che esclude i costi dei generi alimentari e dell’energia, è salita a maggio al 7,1%, il valore più alto in oltre tre decenni.

In seguito all’ultima decisione della BoE, il ministro delle Finanze Jeremy Hunt ha difeso la necessità di aumentare i tassi anche se questi aggravano la crisi del costo della vita.

“L’inflazione di fondo è più alta in 14 paesi dell’UE e i tassi d’interesse sono in aumento in tutto il mondo, ma la lezione che ci viene dagli altri paesi è che se ci si attiene alle regole si riesce a far scendere l’inflazione”, ha dichiarato il Cancelliere dello Scacchiere.

Due dei nove responsabili delle politiche della banca hanno votato per non cambiare, sostenendo che “lo shock dei prezzi dell’energia e altri shock globali che spingono i costi”, come l’impennata dei prezzi dei generi alimentari, continueranno ad invertirsi quest’anno.

Il governatore Andrew Bailey ha votato a favore del rialzo.

“I responsabili politici della Banca d’Inghilterra sentono il caldo… con un’inflazione di fondo sempre più calda e appiccicosa, ed è per questo che hanno optato per un rialzo dei tassi di entità superiore”, ha dichiarato Susannah Streeter, responsabile della divisione denaro e mercati di Hargreaves Lansdown. “Gli investitori stanno cercando di valutare se il grande bazooka di oggi possa essere sufficiente ad arginare ulteriori rialzi dei tassi o se ne saranno necessari altri”.

Agitazione immobiliare

Gli istituti di credito commerciali tendono ad adeguarsi alle mosse della banca centrale sui tassi dei mutui per la casa.

Di conseguenza, i tassi dei mutui e gli affitti nel Regno Unito stanno aumentando, intaccando profondamente i redditi disponibili mentre gli aumenti salariali non riescono a tenere il passo dell’inflazione.

Giovedì la BoE ha dichiarato che il “pieno impatto” dei 13 aumenti dei tassi “non si farà sentire per qualche tempo” sul mercato dei mutui.

I responsabili politici “hanno anche riconosciuto che è diventato più importante considerare gli sviluppi del mercato degli affitti”.

I rialzi della BoE hanno anche fatto impennare i costi di indebitamento a lungo termine del governo britannico.

Tuttavia, coloro che possono permettersi di risparmiare beneficiano di maggiori rendimenti fissi sugli investimenti.

La banca centrale è incaricata dal governo di mantenere l’inflazione annuale del Regno Unito vicino all’obiettivo del 2%.

La mossa porta il tasso al livello più alto dalla crisi finanziaria del 2008.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Attenzione ai nemici interni, avverte Evarist Bartolo, la leadership della PL

Foto di archivio del Times of Malta che mostra Evarist Bartolo (L) e Robert Abela (R).Evarist Bartolo ha avvertito mercoledì la leadership del PL...