venerdì, Marzo 1, 2024
HomeBusinessEurozona: l'inflazione è più alta di quanto sperato

Eurozona: l’inflazione è più alta di quanto sperato

L’aumento dei costi alimentari ha fatto crollare le speranze di un calo più marcato del tasso d’inflazione annuale dell’Eurozona a febbraio.

Il mese scorso l’inflazione è scesa all’8,5% dall’8,6% di gennaio, ma la previsione del consenso degli analisti compilata dalla società di dati finanziari FactSet era dell’8,2%, mentre quella di Bloomberg dell’8,3%.

L’inflazione di fondo dell’Eurozona, che esclude i prezzi volatili dei generi alimentari e dell’energia, è salita dal 5,3% di gennaio a un nuovo record del 5,6% il mese scorso, ha dichiarato l’agenzia statistica dell’UE Eurostat.

Secondo gli analisti, questi dati potrebbero portare la Banca Centrale Europea (BCE) a continuare ad aumentare i tassi di interesse anche oltre i primi mesi del 2023, nella lotta per il controllo dell’inflazione.

“Per qualche tempo abbiamo previsto un rialzo di 50 punti base nella riunione di due settimane e un altro a maggio, ma ulteriori rialzi nelle riunioni successive sembrano ora sempre più probabili”, ha dichiarato Jack Allen-Reynolds, vice capo economista della zona euro presso Capital Economics.

Il tasso di inflazione annuale è sceso ogni mese da quando ha raggiunto il picco del 10,6% nell’ottobre dello scorso anno, grazie al rallentamento dell’aumento dei costi energetici.

Le bollette energetiche hanno subito un’impennata dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia l’anno scorso, ma un inverno più mite del temuto e il sostegno del governo ai costi del carburante per le famiglie e le imprese hanno aiutato l’Europa a evitare il peggio della crisi.

Secondo Eurostat, il mese scorso i prezzi di alimenti e bevande sono aumentati di un nuovo massimo storico del 15% rispetto al 14,1% di gennaio.

L’aumento dei costi energetici è sceso al 13,7%, rispetto al 18,9% di gennaio.

È stata la prima volta in due anni che i costi alimentari sono aumentati più dell’energia, ma gli esperti hanno dichiarato di aspettarsi un rallentamento del tasso di inflazione alimentare nel corso dell’anno.

Una chiara battuta d’arresto

L’inflazione, tuttavia, rimane molto più alta dell’obiettivo della BCE del 2%.

Il mese scorso il capo della BCE Christine Lagarde ha dichiarato che l’istituzione prevede di aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale nella prossima riunione di marzo.

Anche altri dati Eurostat che riflettono le tensioni di fondo peseranno sulla banca.

Il mese scorso i prezzi dei servizi sono cresciuti del 4,8% rispetto al 4,4% di gennaio, mentre i costi dei beni industriali sono saliti al 6,8% dal 6,7%.

Tra i 20 Paesi che utilizzano l’euro, il Lussemburgo ha registrato il tasso di inflazione più basso, pari al 4,8% a febbraio, secondo Eurostat.

Ma altrove nell’eurozona le pressioni sui prezzi si stanno dimostrando persistenti.

L’inflazione in Francia è salita al 7,2%, mentre i prezzi al consumo in Germania hanno raggiunto il 9,3% a febbraio, secondo Eurostat.

L’Agenzia statistica nazionale italiana, l’Istat, ha dichiarato che il mese scorso l’inflazione è scesa al 9,2% dal 10,0% di gennaio.

Bert Colijn, economista senior di ING per la zona euro, ha dichiarato che ci sono motivi per essere fiduciosi.

“La lettura di febbraio è una chiara battuta d’arresto, ma gli indicatori prospettici mostrano che la tendenza al calo dell’inflazione è destinata a continuare”, ha affermato.

Secondo altri dati Eurostat pubblicati oggi, il tasso di disoccupazione nell’Eurozona è rimasto stabile a gennaio al 6,7%.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Hamilton ammette che “è uno shock” quando la Mercedes è in testa alle prove in Bahrain

Lewis Hamilton in testa alla classifica dei tempi nelle seconde prove del Gran Premio del Bahrain. Foto: AFP Lewis Hamilton ha avvertito il suo team...