sabato, Marzo 2, 2024
HomeBusiness"Affari come al solito" per The Body Shop a Malta, mentre affonda...

“Affari come al solito” per The Body Shop a Malta, mentre affonda nel Regno Unito

Un’insegna di Body Shop sopra un negozio nel centro di Londra. Foto: AFP.

Le filiali di Malta del marchio di cosmetici The Body Shop rimarranno aperte, ha dichiarato un portavoce dell’azienda, dopo la notizia della messa in amministrazione controllata della società nel Regno Unito.

Ieri, gli amministratori hanno annunciato che il ramo britannico dell’azienda di cosmetici di quasi 50 anni, famosa per i prodotti etici per capelli e pelle, era entrato in bancarotta, mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro.

Il retailer ha incaricato gli esperti di FRP Advisory di supervisionare l’amministrazione controllata, una procedura britannica che prevede l’intervento di esperti finanziari per cercare di salvare parti dell’azienda.

Rispondendo alle domande, un portavoce ha dichiarato al Times of Malta che gli otto negozi dell’azienda a Malta rimarranno aperti.

“Questo annuncio non ha alcun impatto sulle nostre attività in franchising, quindi a Malta si continua a lavorare come sempre”, ha dichiarato la portavoce.

La portavoce ha dichiarato che nell’ultimo mese l’azienda ha intrapreso “azioni rapide”, tra cui la chiusura del ramo “The Body Shop At Home” – che consentiva agli utenti di vendere i prodotti dell’azienda comodamente da casa – e la vendita delle attività in gran parte dell’Europa e in alcune zone dell’Asia.

Descrivendo il processo di amministrazione nel Regno Unito come “il prossimo passo importante” nella ristrutturazione dell’azienda, il portavoce ha detto che riguarda “solo l’attività nel Regno Unito e non ha un impatto sui nostri partner in franchising a livello globale”

Nuovi investitori tedeschi

Ieri, gli amministratori chiamati a salvare l’azienda britannica in difficoltà hanno dichiarato in un comunicato che “The Body Shop International Limited ha nominato Tony Wright, Geoff Rowley e Alastair Massey di FRP come amministratori congiunti dell’azienda”.

“Questo approccio fornisce la stabilità, la flessibilità e la sicurezza necessarie per trovare i mezzi migliori per assicurare il futuro di The Body Shop e rivitalizzare questo iconico marchio britannico”.

Gli amministratori aggiorneranno i creditori e i dipendenti a tempo debito.

La società tedesca di private equity Aurelius aveva acquistato The Body Shop solo a novembre, ma il rivenditore si è trovato in difficoltà in un clima economico difficile durante il periodo commerciale natalizio.

“The Body Shop non è riuscito a contrastare il calo delle vendite, con un fatturato in calo durante il periodo cruciale delle festività che ha spinto un’icona dell’eco-bellezza verso l’amministrazione controllata”, ha lamentato Susannah Streeter, responsabile della divisione denaro e mercati dell’agente di cambio Hargreaves Lansdown.

The Body Shop è stato fondato nel 1976 da Anita Roddick ed è diventato un punto fermo dell’high street britannico, ma è passato sotto vari proprietari da quando la Roddick lo ha venduto al gigante francese dei cosmetici L’Oreal nel 2006.

The Body Shop ha circa 200 negozi nel Regno Unito, ovvero circa il sette per cento del suo totale mondiale di circa 3.000 negozi in più di 70 Paesi.

L’azienda impiega direttamente circa 10.000 dipendenti, mentre altri 12.000 sono impiegati tramite franchising.

La Roddick, deceduta nel 2007 a causa di un’emorragia cerebrale, aveva rapidamente ampliato l’attività partendo da inizi modesti, con la determinazione di offrire prodotti non testati sugli animali.

La Roddick aveva anche deciso di rendere la sua attività ecologica, incoraggiando i clienti a restituire i contenitori vuoti per ricaricarli nel negozio originario di Brighton, sulla costa meridionale dell’Inghilterra.

I rivali rubano la scena

“Negli anni ’80, il Body Shop era il luogo in cui i giovani acquirenti potevano fare spese per acquistare bolle di sapone e prodotti di bellezza freschi e profumati, con una profonda coscienza ambientale e un’attenzione alla giustizia sociale e alla conservazione della natura”, ha aggiunto Streeter.

“Ma ora sono i negozi come Lush ad attirare maggiormente le tasche di ragazzi e adolescenti, attirati da bombe da bagno profumate e ingredienti innovativi”.

“I rivali hanno rubato la scena a quelle che un tempo erano le esclusive credenziali ecologiche di Body Shop”.

La brasiliana Natura Cosmeticos, che aveva acquistato The Body Shop da L’Oreal, lo ha venduto alla fine dello scorso anno ad Aurelius per 207 milioni di sterline (261 milioni di dollari al cambio attuale), molto meno di quanto avevano pagato i precedenti proprietari.

Da quando è subentrata, Aurelius ha già venduto le attività di The Body Shop nella maggior parte dell’Europa continentale e in alcune parti dell’Asia a un acquirente senza nome.

“The Body Shop ha affrontato un lungo periodo di difficoltà finanziarie sotto i precedenti proprietari, in coincidenza con un contesto commerciale difficile per il settore della vendita al dettaglio in generale”, hanno aggiunto gli amministratori nel comunicato di martedì.

“Dopo aver intrapreso azioni rapide nell’ultimo mese, tra cui la chiusura di The Body Shop At Home e la vendita delle attività nella maggior parte dell’Europa e in alcune parti dell’Asia, concentrarsi sulle attività nel Regno Unito è il prossimo passo importante nella ristrutturazione di The Body Shop”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE