Violenze tra israeliani e palestinesi dopo scontri in una moschea di Gerusalemme

La polizia israeliana ha arrestato pi√Ļ di 350 persone dopo gli scontri scoppiati all’interno della moschea Al-Aqsa di Gerusalemme all’inizio di mercoled√¨. Quando gli agenti sono entrati per allontanare gli “agitatori” erano¬† barricati all’interno con fuochi d’artificio, bastoni e pietre.

I militanti palestinesi hanno risposto con un lancio di razzi verso Israele dalla Striscia di Gaza, provocando attacchi aerei israeliani di rappresaglia.

Le violenze si sono verificate con tensioni elevate nella Gerusalemme orientale annessa, mentre il mese sacro musulmano del Ramadan coincide con la festività ebraica della Pasqua.

Hamas, che governa la Striscia di Gaza, ha invitato i palestinesi della Cisgiordania “a recarsi in massa alla moschea di Al-Aqsa per difenderla“.

Il complesso della moschea, nella Città Vecchia di Gerusalemme Est, è da tempo un punto di scontro tra palestinesi e forze di sicurezza israeliane, in particolare durante il Ramadan, che attira decine di migliaia di fedeli ad Al-Aqsa.

La moschea, che √® il terzo luogo sacro dell’Islam, √® costruita in cima a quello che gli ebrei chiamano il Monte del Tempio, il luogo pi√Ļ sacro dell’ebraismo.

Un video della polizia mostra gli agenti antisommossa con gli scudi che avanzano attraverso la moschea sotto una raffica di esplosioni.¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† Il filmato mostra poi una porta barricata e scatole di fuochi d’artificio sul pavimento, nonch√© la polizia che scorta almeno cinque persone all’esterno con le mani ammanettate dietro la schiena.

“Questi istigatori l’hanno fortificata, ore dopo la preghiera Taraweeh (l’ultima della giornata), al fine di disturbare l’ordine pubblico e profanare la moschea“, si legge in un comunicato della polizia.

Dopo numerosi e prolungati tentativi di farli uscire parlando senza risultato, le forze di polizia sono state costrette a entrare nel complesso per farli uscire con l’intento di permettere la preghiera del Fajr (l’alba) e di prevenire un violento disordine.

Decine di manifestanti a Gaza sono scesi in strada bruciando pneumatici, giurando di difendere e proteggere la moschea di Al-Aqsa. Il ministro degli Affari civili palestinese ha condannato l’azione della polizia israeliana definendola “brutale” e richiedendo un’azione urgente da parte palestinese, araba e internazionale.

La Giordania, che amministra la moschea di Al-Aqsa, ha condannato “l’assalto” e ha chiesto alle forze israeliane di lasciare il complesso immediatamente. L’Arabia Saudita ha espresso il suo “categorico rifiuto” di azioni che contraddicono i principi e le norme internazionali nel rispetto delle santit√† religiose, mentre l’Egitto ha condannato i “palesi attacchi” ai fedeli e ritenuto Israele, la potenza occupante, responsabile dell’escalation che minaccia gli sforzi di tregua tra le parti.

Da gennaio, il conflitto israelo-palestinese ha causato la morte di almeno 91 palestinesi, 15 israeliani e un ucraino, come riferito dall’AFP basandosi su fonti ufficiali di entrambe le parti. Le cifre riportate dalla parte palestinese includono sia combattenti che civili, mentre quelle israeliane includono anche due membri della minoranza araba.