venerdì, Marzo 1, 2024
HomeWorldUna detenuta statunitense incinta chiede il rilascio perché il feto è innocente

Una detenuta statunitense incinta chiede il rilascio perché il feto è innocente

Una donna incinta accusata di omicidio e incarcerata in Florida vuole uscire di prigione sostenendo che il suo bambino non ancora nato è innocente e “detenuto illegalmente”, ha dichiarato giovedì un avvocato.

“Il bambino non ha avuto un posto a tavola quando è stata presa la decisione di incarcerare la madre”, ha dichiarato all’AFP l’avvocato William Norris.

La madre, Natalia Harrell, 24 anni, è in carcere da circa sette mesi e deve rispondere di un’accusa di omicidio dopo aver sparato mortalmente a un’altra donna mentre prendeva un Uber a Miami lo scorso luglio.

Al momento dell’arresto, Harrell era incinta di circa sei settimane.

“Il suo caso ha fatto notizia a livello internazionale perché è arrivato solo cinque giorni dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha annullato il diritto all’aborto sancito da Roe vs Wade, lasciando la decisione a ogni Stato di regolamentare”

Harrell aveva una pistola nella borsa e “temeva per la sua vita e per quella del suo bambino non ancora nato”, secondo la petizione presentata la settimana scorsa.

Il feto “non ha commesso alcun crimine” eppure rimane in carcere in “condizioni deplorevoli” e, a meno che non gli venga concesso un sollievo, “probabilmente verrà messo al mondo sul pavimento di cemento della cella”, si legge nella petizione.

La petizione sostiene che la madre non ha ricevuto cure mediche adeguate durante la sua detenzione.

Norris ha dichiarato di essere stato assunto dal futuro padre e di aver presentato la petizione per conto del feto. La petizione afferma che il “bambino non ancora nato è una persona”.

Ultrasound of a baby in mother’s womb. Photo: Shutterstock.comEcografia di un bambino nel grembo della madre. Foto: Shutterstock.com

Lo scorso giugno, una donna incinta del Texas, multata per aver guidato in una corsia ad alta occupazione, ha sostenuto che il suo bambino non ancora nato dovrebbe essere considerato come un secondo passeggero.

Il suo caso ha fatto notizia a livello internazionale perché è arrivato solo cinque giorni dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha annullato il diritto all’aborto sancito da Roe vs Wade, lasciando la decisione a ogni Stato di regolamentare.

Norris ha dichiarato che la sua petizione, di cui beneficerebbe anche Harrell, non è “un risultato diretto” della sentenza della Corte Suprema, ma è “una conseguenza”.

“È interessante il modo in cui la società progredisce”, ha dichiarato Norris all’AFP, “la gente comincia a riconoscere che un bambino non ancora nato è una persona”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE