giovedì, Maggio 30, 2024
HomeWorldTina Turner: ci lascia la regina del rock and roll

Tina Turner: ci lascia la regina del rock and roll

La cantante, vincitrice di otto Grammy, ha illuminato il palcoscenico a partire dagli anni Sessanta e ha conquistato una nuova generazione di fan con uno straordinario ritorno dopo essere sfuggita a un matrimonio violento, diventando così l’ultima sopravvissuta della musica popolare.

Abbandonata dai genitori, la Turner è nata dai campi di cotone del Tennessee per diventare la “Regina del Rock and Roll” che, secondo la tradizione musicale, ha insegnato a Mick Jagger a ballare… e il frontman dei Rolling Stones ha guidato l’ondata di tributi mercoledì, dopo la morte della superstar all’età di 83 anni.

La cantante di “The Best” è morta in Svizzera, dove ha vissuto i suoi ultimi anni con il marito Erwin Bach, un ex dirigente di un’etichetta discografica che è stato il suo partner romantico per tre decenni prima che si sposassero nel 2013.

Molto prima di diventare un fenomeno globale, la prima carriera della Turner – inizialmente come sirena del soul e dell’R&B – è stata una montagna russa per la cantante, che ha ammesso di aver tentato il suicidio al culmine degli abusi fisici ed emotivi di Ike.

Tina fuggì da Ike nel 1976, attraversando di corsa un’autostrada per scappare durante un tour di concerti. Il divorzio si concluse nel 1978 e le rimase solo il nome d’arte.

“Come posso riempire gli stadi?”, si chiedeva la Turner, quei sogni si sono realizzati, e non solo, quando ha trovato il successo con l’album“Private Dancer” del 1984, il cui singolo “What’s Love Got to Do With It”, vincitore di un Grammy, l’ha proiettata verso la fama all’età di 44 anni.

Quattro anni dopo, con il concerto di Rio, stabilì il record di spettatori paganti per un’esibizione di un artista solista, superando le 180.000 persone.

In quanto donna di colore che ha preferito il rock al doo-wop degli anni Cinquanta e alla Motown degli anni Sessanta, la Turner era una doppia outsider.

Una donna nera che domina il palcoscenico da sola: questo è il sogno!LIZZO

Secondo Billboard, Turner ha venduto più di 100 milioni di dischi in tutto il mondo e ha aperto la strada ad artisti come Janet Jackson, Madonna e Beyonce.

“Non ho mai visto in vita mia una donna così potente, così impavida, così favolosa“, ha detto Beyonce alla Turner dal palco del Kennedy Center in un tributo a Tina del 2005.

Dolore nel cuore

Anna Mae Bullock è nata il 26 novembre 1939 a Brownsville, nel Tennessee.

Lei e sua sorella sono cresciute in una famiglia di mezzi modesti, ma le condizioni sono peggiorate quando sono state abbandonate dal padre e poi dalla madre.

Quando la nonna che le aveva aiutate a crescere morì, Anna Mae si trasferì da alcuni parenti a St. Louis, nel Missouri, all’età di 16 anni.

Lì incontrò Ike Turner, un chitarrista e bandleader di otto anni più anziano di lei che aveva già assaporato la fama, avendo scritto e registrato quello che probabilmente fu il primo disco di rock and roll, “Rocket 88”, nel 1951.

Convinse Ike a farla cantare con lui.

Quando nel 1960 ottenne un successo con la sua voce solista in “A Fool in Love”, le diede il nome d’arte di Tina Turner e la coppia si esibì come Ike & Tina Turner Revue.

Nel 1962 si sposarono.

Fin dall’inizio, Tina fu la presenza focosa e dominante, rubando le luci della ribalta con una miscela di voce densa e strutturata, ululati ammalianti e passi di danza ipnotici.

L’opera dei Turner rifletteva le loro tensioni personali: comprendeva “I Idolize You”, “It’s Gonna Work Out Fine” e il loro numero più famoso, una cover del 1970 di “Proud Mary”.

Anche se come interprete emanava una cruda potenza, il suo canto era intriso di una palpabile vulnerabilità.

“Canti con quelle emozioni perché hai sofferto nel tuo cuore”, disse la Turner alla rivista Rolling Stone nel 1986.

Dopo aver lasciato Ike, ha lavorato negli spettacoli di Las Vegas, ha pubblicato dischi da solista dalle vendite modeste e ha fatto numerose tournée in Europa.

Ma con il successo di “Private Dancer” del 1984, la sua metamorfosi da co-protagonista manipolata a dea del rock risorta fu completa.

L’anno successivo, sul palco del Live Aid di Philadelphia, ebbe un incontro memorabile con Jagger, che a metà esibizione strappò la minigonna di pelle nera della Turner, rivelandola in calze a rete e body.

Una via d’uscita

Nel documentario rivelatore della HBO “Tina”, del 2021, emerge una realtà scomoda: il suo trauma passato era diventato un punto focale per gli intervistatori, che chiedevano ripetutamente alla star di raccontare i momenti peggiori della sua vita.

La Turner, che aveva abbracciato il buddismo e lo vedeva come “una via d’uscita” dal suo pericoloso primo matrimonio, indicava la fede come un catalizzatore di ringiovanimento e stabilità.

Spesso respingeva le domande più spinte, e una volta ha detto che rivivere il passato era come una “maledizione”.

Ma le difficoltà personali erano impossibili da ignorare, compresa la violenza di Ike.

“Ha usato il mio naso come un sacco da boxe così tante volte che sentivo il sapore del sangue che mi scorreva in gola quando cantavo“, ha scritto nel suo libro di memorie del 2018, “My Love Story”.

Nella vita dopo Ike, i suoi concerti sono diventati spettacoli sfarzosi e lei ha continuato a far scorrere il rock per decenni.

In un concerto allo stadio di Wembley nel 2000, la Turner sessantenne non si è tirata indietro, sfrecciando sul palco con tacchi a spillo e la sua caratteristica minigonna di pelle.

Nel 2008 ha intrapreso il suo Tina! – 50th Anniversary Tour, che ha incassato circa 130 milioni di dollari.

La grande dama si è goduta gli ultimi anni con Bach nella loro casa di Zurigo e in una villa per le vacanze vicino alla Costa Azzurra, anche se la tragedia si è abbattuta nel 2018 quando il figlio maggiore della Turner, Craig, nato dalla sua prima unione con il sassofonista Raymond Hill, si è suicidato a 59 anni.

Ike Turner è morto nel 2007 e il suo unico figlio con Tina, Ronnie, è morto l’anno scorso a 62 anni per complicazioni dovute a un cancro al colon.

Nel 2013, dopo aver sposato Bach e aver preso la nazionalità svizzera, la Turner ha rinunciato alla cittadinanza statunitense – ma l’ex presidente Barack Obama è stato tra coloro che hanno reso i tributi più toccanti.

“Tina Turner era cruda. Era potente. Era inarrestabile“, ha scritto. “Ed era inappellabilmente se stessa: parlava e cantava la sua verità attraversola gioia e il dolore, il trionfo e la tragedia“.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Riscoperto il più grande rifugio bellico della Floriana

Conrad Neil Gatt nel rifugio. Foto: Conrad Neil Gatt PhotographyQuando il ricercatore freelance Steve Mallia è stato contattato dal consiglio comunale di Floriana per...