martedì, Aprile 23, 2024
HomeWorldStati Uniti, Regno Unito e Nuova Zelanda accusano la Cina di attacchi...

Stati Uniti, Regno Unito e Nuova Zelanda accusano la Cina di attacchi informatici alle “istituzioni democratiche”

In foto, il vice primo ministro britannico Oliver Dowden rilascia una dichiarazione sugli attacchi informatici cinesi, alla Camera dei Comuni.

Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Nuova Zelanda hanno accusato gruppi informatici sostenuti da Pechino di essere dietro una serie di attacchi contro legislatori e istituzioni democratiche chiave – accuse che hanno suscitato la rabbiosa smentita cinese.

In rare e dettagliate accuse pubbliche contro la Cina, Washington, Londra e Wellington hanno descritto una serie di violazioni informatiche avvenute negli ultimi dieci anni o più, in quello che è apparso come uno sforzo concertato per ritenere Pechino responsabile.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha accusato sette cittadini cinesi per quella che, secondo il Dipartimento, è stata una “prolifica operazione di hacking globale” durata 14 anni e finalizzata allo “spionaggio economico e agli obiettivi di intelligence estera” della Cina

Il vice procuratore generale Lisa Monaco ha dichiarato che la campagna ha comportato l’invio di oltre 10.000 e-mail che hanno preso di mira aziende statunitensi e straniere, politici, candidati a cariche elettive e giornalisti.

Washington ha dichiarato che dietro gli attacchi c’è un’unità, denominata APT31, descrivendola come un “programma di cyber-spionaggio” gestito dal potente Ministero della Sicurezza di Stato cinese dalla città centrale di Wuhan.

Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato che gli hacker hanno avuto accesso a “account di posta elettronica, account di archiviazione cloud e registrazioni di chiamate telefoniche”, monitorando alcuni account per “anni”.

Qualche ora dopo, Londra ha dichiarato che dal 2021 al 2022 lo stesso gruppo APT31 ha preso di mira gli account dei legislatori britannici, tra cui molti critici nei confronti delle politiche di Pechino.

Con la Gran Bretagna che dovrebbe tenere le elezioni generali entro pochi mesi, il vice primo ministro britannico Oliver Dowden ha anche annunciato in modo scioccante che “un’entità affiliata allo Stato cinese” ha probabilmente “compromesso” la Commissione elettorale del Paese.

Ha dichiarato che entrambe le campagne contro i legislatori e l’Ufficio elettorale, pur essendo una “minaccia reale e seria”, sono state alla fine sventate.

“Non avrà alcun impatto sul modo in cui le persone si registrano, votano o partecipano in altro modo ai processi democratici”, ha dichiarato Dowden.

Due persone e una società collegate all’APT31 sono state colpite da sanzioni nel Regno Unito.

In un annuncio parallelo, martedì la Nuova Zelanda ha dichiarato che il suo Parliamentary Counsel Office, che redige e pubblica le leggi, è stato compromesso nello stesso periodo.

La Nuova Zelanda, di solito uno dei più forti sostenitori della Cina in Occidente, ha incolpato dell’attacco il “gruppo sponsorizzato dallo Stato” cinese APT40.

Il primo ministro di centro-destra Christopher Luxon, eletto di recente, ha ammesso che è stato un “grande passo” incolpare dell’attacco informatico la Cina, il principale partner commerciale del suo Paese.

Il Ministro degli Esteri neozelandese Winston Peters ha dichiarato di aver dato istruzioni ai diplomatici di “parlare oggi con l’ambasciatore cinese, per esporre la nostra posizione ed esprimere le nostre preoccupazioni”.

“La conversazione ha avuto luogo”, ha dichiarato.

Calunnie maligne

Negli ultimi anni, le nazioni occidentali sono state sempre più disposte a denunciare operazioni informatiche dannose e a puntare il dito contro governi stranieri, in particolare Cina, Russia, Corea del Nord e Iran.

Ma la Cina ha reagito con rabbia alle accuse, con denunce da parte delle ambasciate di Londra, Wellington e Washington.

l’ambasciata cinese a Londra ha dichiarato che “il Regno Unito ha parlato dei cosiddetti ‘cyberattacchi cinesi’ senza alcuna base e l’annuncio di sanzioni è una vera e propria manipolazione politica e una calunnia maligna”.

La Cina “non ha mai incoraggiato, sostenuto o condonato i cyberattacchi”, ha affermato l’ambasciata.

Un messaggio simile è arrivato da Wellington, dove l’ambasciata cinese ha accusato i suoi ospiti di “aver completamente sbagliato albero”

“La Cina è infatti una delle principali vittime di attacchi informatici”, ha dichiarato l’ambasciata.

Sia la Russia che la Cina sono state accusate di utilizzare ritagli e gruppi fuori sede per effettuare attacchi informatici, rendendo più difficile l’attribuzione.

Il deputato conservatore Iain Duncan Smith, uno dei legislatori britannici presi di mira, ha affermato che Pechino dovrebbe essere etichettata come una minaccia per il Paese.

È stato uno dei numerosi parlamentari britannici sanzionati dalla Cina nel 2021 per aver criticato le violazioni dei diritti umani contro la minoranza uigura cinese e a Hong Kong.

La Gran Bretagna e gli Stati Uniti gestiscono vaste operazioni informatiche, anche se raramente le riconoscono in pubblico.

Le due nazioni, insieme a Nuova Zelanda, Australia e Canada, fanno parte della rete di condivisione di intelligence FiveEyes.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Questo architetto ha lasciato il suo lavoro “tossico” per lottare per il patrimonio di Malta

Patrick Calleja si sente libero ora che il suo lavoro "tossico" di architetto con l'Autorità di pianificazione è finito. Foto: Jonathan BorgPatrick Calleja si...