sabato, Maggio 18, 2024
HomeWorldrivoluzione nell'aria: l'opposizione ungherese tiene una manifestazione nella roccaforte di Orban

rivoluzione nell’aria: l’opposizione ungherese tiene una manifestazione nella roccaforte di Orban

L’avvocato, ex membro del governo ed esponente dell’opposizione ungherese Peter Magyar parla domenica. Foto: Attila KISBENEDEK / AFP.

In vista delle elezioni europee, l’emergente leader dell’opposizione ungherese Peter Magyar ha attirato decine di migliaia di persone domenica in una roccaforte del leader nazionalista Viktor Orban.

A parlare, poco prima di lui, è stato il noto attore Ervin Nagy, il cui sostegno Magyar è riuscito ad accaparrarsi per conferire un potere di celebrità alla sua campagna elettorale, mentre la sua stessa stella sta crescendo.

Magyar è salito alla ribalta a febbraio grazie a uno scandalo che ha colpito Orban, ponendo la sfida più seria nei suoi 14 anni di potere.

Nell’ultimo comizio di Magyar nella seconda città più grande dell’Ungheria, Debrecen, decine di migliaia di persone hanno applaudito l’ex membro del governo che ora è uno dei suoi più feroci critici.

“Il cambiamento può essere fermato per qualche giorno, qualche settimana, ma nessuno nella storia lo ha mai fermato e nemmeno loro possono farlo”, ha detto Magyar alla folla.

Accusando il governo di populismo, clientelismo e corruzione, la campagna di Magyar fa sperare in un “cambiamento del sistema”, ha detto l’attore Nagy, noto per film ungheresi come l’avventura storica sulle corse dei cavalli “Bet on Revenge” e il dramma candidato all’Oscar “On Body and Soul”.

“È arrivato il momento di cambiare… Ne abbiamo semplicemente abbastanza”, ha dichiarato all’AFP Krisztian Kovacs, un contabile di 29 anni, durante la manifestazione di Debrecen.

Magyar, 43 anni e sedicente conservatore, dal mese scorso guida un gruppo politico che si propone di non essere “né di destra né di sinistra” per sfidare Orban.

La campagna sta crescendo così rapidamente che Nagy ha dovuto prestare al politico il suo pick-up su cui salire per un discorso durante un raduno spontaneo.

“Non abbiamo avuto il tempo di prendere un palco”, ha detto Nagy, 47 anni.

“C’è un’atmosfera rivoluzionaria, come nel 1956”, ha detto, riferendosi alla storica rivolta contro i governanti comunisti ungheresi sostenuti dai sovietici.

una dittatura leggera

Magyar ha preso l’iniziativa a febbraio quando un’alleata di Orban, Katalin Novak, si è dimessa dalla carica di presidente dopo che è stato rivelato che aveva graziato un complice condannato per abusi su minori.

Il partito TISZA (Rispetto e Libertà) di Magyar ha già eclissato il resto dell’opposizione in vista delle elezioni europee del 9 giugno.

Un recente sondaggio della Median ha mostrato che il partito ha il 25% dei consensi.

Nagy dice di non essere mai stato coinvolto in politica prima d’ora, ma Magyar ha impiegato solo un’ora per convincerlo a partecipare alla campagna.

Ritiene che il Paese membro dell’UE sotto Orban sia stato trasformato in una “specie di dittatura leggera”.

Sunday's EU election campaign rally attracted tens of thousands. Photo: Attila KISBENEDEK / AFP.La manifestazione di domenica per la campagna elettorale dell’UE ha attirato decine di migliaia di persone. Foto: Attila KISBENEDEK / AFP.

Da quando è tornato al potere nel 2010, Orban, 60 anni, ha modificato le leggi per limitare i media indipendenti, la società civile, le arti e la cultura.

“Se qualcuno si ribella, se va all’opposizione o almeno critica il potere, ci sono delle conseguenze”, ha dichiarato Nagy all’AFP.

Egli afferma di essere stato inserito nella lista nera dopo aver fatto un commento critico nei confronti di un alto esponente del partito Fidesz di Orban.

A un produttore è stato detto che il suo film non avrebbe ottenuto finanziamenti se Nagy vi avesse preso parte, ha raccontato l’attore.

Nagy ha detto che Magyar potrebbe raggiungere “milioni di persone che (finora) hanno preferito stare alla larga e non partecipare alla democrazia solo perché erano così apatiche e frustrate”.

Una dura battaglia

Ma Magyar deve affrontare una dura resistenza.

Orban ha respinto la sfida, ma comunque “Fidesz si sta impegnando seriamente per stroncare questo movimento sul nascere”, ha dichiarato l’analista politico Zoltan Lakner.

In tutto il Paese sono spuntati manifesti commissionati da Fidesz che ritraggono Magyar come “umile servitore di Bruxelles” insieme ad altri politici dell’opposizione.

Magyar deve anche affrontare una copertura negativa da parte dei media vicini a Fidesz, che va dalle gravi accuse di abusi domestici, che lui nega, allo scherno per i suoi “occhiali da sole da donna”.

Il mese scorso ha dichiarato di essere stato indagato dall’Ufficio per la protezione della sovranità, una nuova e controversa agenzia governativa creata per arginare l’influenza straniera.

I sostenitori di Magyar affermano che la sua forza risiede nella conoscenza del sistema dall’interno.

Avvocato di formazione, ha lavorato per anni come diplomatico a Bruxelles.

La sua ex moglie è un’ex alleata di Orban: l’ex ministro della Giustizia Judit Varga.

La sfida più grande per Magyar, ha detto Lakner, è quella di costruire rapidamente il suo partito, trovando persone qualificate che non rappresentino un rischio politico che possa causare “molti problemi in seguito”.

“Ma se Magyar riuscirà a unire gli elettori dell’opposizione dietro di sé, potrà rappresentare una valida alternativa per gli elettori insoddisfatti”

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE