venerdì, Marzo 1, 2024
HomeWorldOtto morti e 13 feriti in una sparatoria in Serbia

Otto morti e 13 feriti in una sparatoria in Serbia

Una caccia all’uomo era in corso in Serbia questa mattina, mentre la polizia setacciava i boschi vicino alla capitale Belgrado, dopo che i media statali hanno riferito che un uomo armato ha ucciso almeno otto persone e ne ha ferite 13, nella seconda sparatoria di massa nella nazione balcanica questa settimana.

Alcune ore prima, nei pressi di Mladenovac – a circa 60 chilometri a sud della capitale – un 21enne armato di arma automatica ha aperto il fuoco da un veicolo in movimento prima di fuggire, ha riferito la televisione statale RTS.

Secondo i media statali, la sparatoria si è estesa a tre diversi villaggi della zona.

L’incidente arriva sulla scia del peggiore della storia recente della Serbia, dopo che mercoledì un tredicenne ha ucciso nove persone, tra cui otto compagni di scuola, in una scuola del centro di Belgrado.

Le due sparatorie di massa hanno lasciato il Paese in uno stato di shock, con migliaia di persone che si sono accalcate in luoghi commemorativi improvvisati, mentre altre hanno fatto la fila per donare il sangue.

Secondo la RTS, circa 600 poliziotti sono stati dispiegati nell’area, con membri di un’unità d’élite antiterrorismo che pattugliano l’autostrada.

Anche la strada che porta ai villaggi di Malo Orasje e Dubona è stata sigillata dalle autorità.

I parenti preoccupati si sono radunati fuori dal centro medico di emergenza di Belgrado, dove sono stati ricoverati almeno otto feriti, ha riferito la televisione N1.

Il ministro della Sanità Danica Grujicic ha visitato brevemente il centro.

Il ministro degli Interni Bratislav Gasic ha definito la sparatoria un “atto terroristico”, ha riferito RTS.

La Serbia inizierà un periodo di lutto di tre giorni venerdì, durante quello che normalmente è un periodo di festa nel Paese, con la gente che si affolla all’aperto e riempie i caffè per incontrarsi con amici e famiglie.

Giorni difficili

Le sparatorie di massa nelle scuole sono estremamente rare in Serbia e il presidente Aleksandar Vucic ha definito la tragedia di mercoledì “uno dei giorni più difficili” della storia recente.

In un discorso nazionale dopo la sparatoria nella scuola, Vucic ha proposto misure di controllo delle armi più severe, tra cui una moratoria di due anni sul rilascio dei permessi per le armi da fuoco.

Il Ministero degli Interni ha lanciato un appello a tutti i possessori di armi da fuoco affinché le tengano chiuse in cassaforte, avvertendo che a coloro che non si adegueranno verranno sequestrate le armi.

Il possesso di armi da fuoco è relativamente alto in Serbia, dove i poligoni di tiro sono molto popolari, ma sono necessari permessi speciali per possedere armi da fuoco. Le guerre degli anni ’90 nei Balcani, durante la sanguinosa disgregazione della Jugoslavia, hanno visto circolare nella regione un gran numero di armi.

La scuola elementare Vladislav Ribnikar è rimasta chiusa ieri, con la polizia che ha sorvegliato l’ingresso dell’edificio.

Grandi folle di persone in lutto hanno continuato ad affollare la scuola per renderle omaggio, deponendo fiori, giocattoli e candele lungo il marciapiede.

Anche nella capitale croata Zagabria e nella capitale amministrativa serbo-bosniaca Banja Luka la gente ha acceso candele e deposto fiori per le vittime.

Nelle chiese di Belgrado si sono tenute messe in suffragio delle vittime, mentre il capo della Chiesa ortodossa serba, il patriarca Porfirije, ha definito la sparatoria una “catastrofe mai accaduta nella nostra nazione e nella nostra patria”.

Nell’ultima sparatoria di massa nella zona di Mladenovac, un abitante del villaggio ha ucciso 13 parenti e vicini nell’aprile 2013.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Hamilton ammette che “è uno shock” quando la Mercedes è in testa alle prove in Bahrain

Lewis Hamilton in testa alla classifica dei tempi nelle seconde prove del Gran Premio del Bahrain. Foto: AFP Lewis Hamilton ha avvertito il suo team...