sabato, Marzo 2, 2024
HomeWorldOtto morti, almeno 80 feriti nell'esplosione di una fabbrica di fuochi d'artificio...

Otto morti, almeno 80 feriti nell’esplosione di una fabbrica di fuochi d’artificio in India

Personale di soccorso e residenti locali si riuniscono vicino a un impianto di petardi dopo un’esplosione nel distretto di Harda, nello Stato indiano del Madhya Pradesh, il 6 febbraio 2024. Almeno otto persone sono morte e 80 sono rimaste ferite in una gigantesca esplosione. Foto: AFP

Almeno otto persone sono morte e 80 sono rimaste ferite martedì in una gigantesca esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio in India che ha visto palle di fiamme librarsi nel cielo, hanno detto i funzionari.

I filmati trasmessi dalla televisione indiana hanno mostrato una torre di fiamme dopo l’esplosione nell’impianto di petardi, con decine di ambulanze e elicotteri dell’esercito chiamati a evacuare i feriti.

L’alto funzionario della polizia distrettuale Rajeshwari Mahobia ha dichiarato all’AFP che finora ci sono stati “otto morti e circa 80 feriti” nella fabbrica di Harda, nello Stato del Madhya Pradesh, aggiungendo che “il bilancio delle vittime è destinato a salire”.

Le immagini del sito della fabbrica mostrano una distesa di macerie annerite e fumanti.

Il primo ministro del Madhya Pradesh, Mohan Yadav, ha dichiarato che la notizia dell’esplosione è “una notizia molto triste” e ha detto che i medici dei reparti ustionati dei principali ospedali vicini sono stati chiamati a fare “i preparativi necessari”.

“Le ambulanze stanno arrivando a Harda dalle aree circostanti e l’esercito è stato contattato per organizzare gli elicotteri”, ha dichiarato Yadav in un post su X, ex Twitter.

Almeno 20 ambulanze si trovavano sul posto e altre 50 sono state inviate per soccorrere i feriti, ha aggiunto.

Manish Sharma, chirurgo dell’ospedale distrettuale di Harda, ha dichiarato che il centro è stato sommerso da un flusso di vittime.

“Abbiamo otto morti nel nostro ospedale, un totale di 90 persone sono state ricoverate qui fino ad ora e 15 di loro sono state trasferite in un ospedale più grande”, ha detto Sharma all’AFP.

“Man mano che altre persone vengono salvate dal sito, vengono portate qui”

Il primo ministro indiano Narendra Modi si è detto “addolorato per la perdita di vite umane” e ha dichiarato che il governo darà alle famiglie dei morti un risarcimento di 2.400 dollari a testa e 600 dollari ai feriti.

‘Svolta’

Kailash Chand Parte, un alto funzionario distrettuale che sta coordinando i soccorsi dalla fabbrica, ha detto che le autopompe stavano combattendo contro le feroci fiamme.

“L’incendio non è ancora sotto controllo e abbiamo circa 15 autopompe e molti soccorritori sul posto”, ha detto Parte.

Ha detto che nella fabbrica lavoravano tra le 200 e le 300 persone, ma non si sa quante fossero all’interno al momento dell’esplosione.

“Almeno 10 edifici intorno al complesso dove è avvenuta l’esplosione sono stati danneggiati a causa dell’intensità dell’esplosione”, ha aggiunto.

Un poliziotto ha dichiarato al Times of India che tra i morti c’erano anche quelli calpestati durante il panico per sfuggire alle fiamme.

Alcuni sono morti durante la “calca dopo l’esplosione”, ha dichiarato al giornale l’ufficiale di polizia locale Abdul Raees Khan, aggiungendo che le squadre di soccorso “non hanno ancora raggiunto il luogo dell’esplosione perché l’incendio è in corso”.

In India le esplosioni avvengono spesso nei laboratori di petardi.

I fuochi d’artificio sono molto popolari in India, in particolare durante la festa indù del Diwali e per le celebrazioni dei matrimoni.

Ma molte fabbriche non rispettano i requisiti di sicurezza di base e operano senza permessi.

Nel 2019, almeno 18 persone sono rimaste uccise nell’esplosione di una fabbrica di fuochi d’artificio a Batala, nello stato del Punjab, e altre 10 sono state uccise nello stesso anno a Bhadohi, nell’Uttar Pradesh.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE