venerdì, Giugno 14, 2024
HomeWorldModi festeggia la vittoria nel voto in India, ma non riesce a...

Modi festeggia la vittoria nel voto in India, ma non riesce a superare la frana

Il primo ministro indiano Narendra Modi (C) mostra il segno della vittoria mentre arriva alla sede del Bharatiya Janata Party (BJP). Foto: AFP

L’alleanza politica del primo ministro Narendra Modi ha vinto le elezioni generali indiane di martedì, durate settimane, ma l’opposizione ha detto che gli elettori hanno inviato un chiaro messaggio dopo che il suo partito nazionalista indù ha perso la maggioranza parlamentare per la prima volta in un decennio.

I commentatori e gli exit poll avevano previsto una vittoria schiacciante per Modi, la cui campagna elettorale ha corteggiato la maggioranza indù a scapito degli oltre 200 milioni di musulmani del Paese, aggravando le preoccupazioni sui diritti delle minoranze.

L’alleanza guidata dal Bharatiya Janata Party (BJP) di Modi ha ottenuto una maggioranza parlamentare complessiva, come risulta dai risultati pubblicati sul sito web della commissione elettorale nella tarda serata di martedì.

Ma secondo le proiezioni, il BJP avrebbe ottenuto solo 240 seggi, ben al di sotto dei 303 conquistati nelle ultime elezioni di cinque anni fa, il che significa che dovrà fare affidamento sui partner dell’alleanza per approvare le leggi.

L’India ha dato al partito e ai suoi alleati un mandato “per la terza volta consecutiva”, ha dichiarato Modi a una folla di sostenitori acclamanti nella capitale Nuova Delhi.

“Il nostro terzo mandato sarà caratterizzato da grandi decisioni e il Paese scriverà un nuovo capitolo di sviluppo. Questa è la garanzia di Modi”

Ma in una straordinaria inversione di tendenza, determinata in gran parte da accordi per schierare candidati singoli contro il gigante elettorale del BJP, il principale partito di opposizione del Congresso avrebbe dovuto conquistare 99 seggi, quasi raddoppiando i 52 del 2019.

“Il Paese ha detto a Narendra Modi ‘Non ti vogliamo’”, ha dichiarato ai giornalisti il leader Rahul Gandhi. “Ero fiducioso che il popolo di questo Paese avrebbe dato la giusta risposta”

Con oltre il 99% dei voti scrutinati, la quota di voti del BJP, pari al 36,6%, è stata marginalmente inferiore a quella delle ultime elezioni generali.

Modi è stato rieletto nel suo collegio elettorale che rappresenta la città santa indù di Varanasi con un margine di 152.300 voti, rispetto al mezzo milione di voti di cinque anni fa.

Tra i legislatori indipendenti eletti ci sono due che stanno scontando la pena in carcere: il predicatore separatista sikh Amritpal Singh e lo sceicco Abdul Rashid del Kashmir amministrato dall’India, arrestato con l’accusa di “finanziamento del terrorismo” e riciclaggio di denaro nel 2019.

sconfitta morale

I festeggiamenti erano già iniziati nel quartier generale del BJP di Modi prima dell’annuncio completo dei risultati.

Ma anche nella sede del Congresso a Nuova Delhi l’atmosfera era di giubilo.

“Il BJP non è riuscito a conquistare da solo una grande maggioranza”, ha dichiarato ai giornalisti il deputato del Congresso Rajeev Shukla. “È una sconfitta morale per loro”

I titoli azionari sono crollati sulla speculazione che la maggioranza ridotta possa ostacolare la capacità del BJP di portare avanti le riforme.

Le azioni della principale unità quotata di Adani Enterprises – di proprietà dell’alleato chiave di Modi, Gautam Adani – sono crollate del 25%, prima di rimbalzare leggermente.

Gli oppositori di Modi si sono scontrati con una macchina elettorale del BJP ben oliata e ben finanziata e con quelli che, a loro dire, sono casi penali politicamente motivati che mirano a ostacolare gli sfidanti.

Il think tank statunitense Freedom House ha dichiarato quest’anno che il BJP ha “usato sempre più spesso le istituzioni governative per colpire gli avversari politici”.

Arvind Kejriwal, capo del governo della capitale Delhi e leader chiave di un’alleanza formata per competere contro Modi, è tornato in carcere domenica.

Kejriwal, 55 anni, è stato arrestato a marzo per una lunga indagine sulla corruzione, ma è stato poi rilasciato e gli è stato permesso di fare campagna elettorale a patto che tornasse in carcere una volta terminate le votazioni.

“Quando il potere diventa dittatura, allora la prigione diventa una responsabilità”, ha detto Kejriwal prima di consegnarsi, giurando di continuare a “combattere” da dietro le sbarre.

la forza della democrazia indiana

Molti membri della minoranza musulmana indiana sono sempre più preoccupati per il loro futuro e per il posto che la loro comunità occupa nel Paese, costituzionalmente laico.

Lo stesso Modi, durante la campagna elettorale, ha fatto diversi commenti duri sui musulmani, definendoli “infiltrati”.

Lo scrutinio è stato sbalorditivo per dimensioni e complessità logistica, con 642 milioni di elettori che hanno votato, ovunque, dalle megalopoli di Nuova Delhi e Mumbai alle aree forestali scarsamente popolate e all’Himalaya ad alta quota.

“La gente dovrebbe conoscere la forza della democrazia indiana”, ha dichiarato lunedì il commissario capo per le elezioni Rajiv Kumar, definendo il processo di spoglio “solido”.

Sulla base dei dati forniti dalla commissione, che prevede un elettorato di 968 milioni di persone, l’affluenza alle urne è stata del 66,3%, in calo di circa un punto percentuale rispetto al 67,4% delle ultime elezioni del 2019.

Gli analisti hanno in parte attribuito il calo dell’affluenza alle urne all’ondata di caldo torrido che ha investito il nord dell’India, con temperature superiori ai 45 gradi centigradi.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE