L’Europa è il continente che si riscalda più velocemente al mondo

L’Europa deve prepararsi ad altre ondate di calore mortali causate dai cambiamenti climatici, ha dichiarato lunedì un ampio rapporto, in cui si sottolinea che il continente che si riscalda più rapidamente al mondo ha registrato l’anno scorso circa 2,3 gradi Celsius in più rispetto all’epoca preindustriale.

La siccità che inaridisce le colture, le temperature record della superficie del mare e lo scioglimento dei ghiacciai senza precedenti sono tra le conseguenze descritte in un rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale e del Servizio per il cambiamento climatico Copernicus dell’Unione europea.

Il continente, che dagli anni ’80 ha registrato un riscaldamento doppio rispetto alla media globale, l’anno scorso ha visto l’estate più calda mai registrata, con paesi come Francia, Germania, Italia, Portogallo, Spagna e Regno Unito che hanno registrato l’anno più caldo mai registrato.

Il mondo si è riscaldato in media di quasi 1,2°C dalla metà del 1800, scatenando una devastante cascata di fenomeni meteorologici estremi, tra cui ondate di calore più intense, siccità più gravi in alcune aree e tempeste rese più feroci dall’innalzamento dei mari.

I più colpiti sono le persone più vulnerabili e i Paesi più poveri del mondo, che hanno fatto poco per contribuire alle emissioni di combustibili fossili che fanno aumentare le temperature.

Ma gli impatti stanno diventando sempre più gravi in tutto il mondo, con le regioni dell’emisfero settentrionale e quelle intorno ai poli che registrano un riscaldamento particolarmente rapido.

In Europa, le alte temperature “hanno esacerbato le gravi e diffuse condizioni di siccità, hanno alimentato violenti incendi selvaggi che hanno portato alla seconda più grande area bruciata mai registrata e hanno causato migliaia di decessi in eccesso dovuti al caldo”, ha dichiarato il Segretario generale dell’OMM Petteri Taalas.

Le temperature in tutto il continente sono aumentate di 1,5°C in 30 anni, dal 1991 al 2021, secondo il rapporto State of the Climate in Europe 2022“.

Secondo il rapporto, l’anno scorso il caldo intenso ha causato più di 16.000 morti, mentre le inondazioni e le tempeste hanno rappresentato la maggior parte dei 2 miliardi di dollari di danni causati da condizioni meteorologiche e climatiche estreme.

“Purtroppo, questo non può essere considerato un evento unico o una stranezza del clima”, ha dichiarato il direttore di Copernicus Carlo Buontempo nel rapporto.

“La nostra attuale comprensione del sistema climatico e della sua evoluzione ci informa che questo tipo di eventi fa parte di un modello che renderà gli estremi di stress da caldo più frequenti e più intensi in tutta la regione”.

Speranze rinnovabili

Secondo il rapporto, l’aumento delle temperature ha avuto ripercussioni sulle economie e sugli ecosistemi.

Nelle Alpi, nel 2022 i ghiacciai hanno registrato un nuovo record di perdita di massa per un solo anno, causato da livelli invernali di neve molto bassi, da un’estate calda e da depositi di polvere sahariana trasportati dal vento.

La storia è stata simile negli oceani, con temperature medie della superficie del mare nell’Atlantico settentrionale le più calde mai registrate, con tassi di riscaldamento nel Mar Mediterraneo orientale, nel Mar Baltico e nel Mar Nero e nell’Artico meridionale più di tre volte superiori alla media globale.

Le ondate di calore marine – che possono spostare o addirittura uccidere le specie – sono durate fino a cinque mesi in diverse regioni, tra cui il Mediterraneo occidentale, il Canale della Manica e l’Artico meridionale.

Le precipitazioni sono state inferiori alla norma in gran parte del continente, colpendo la produzione agricola e le riserve idriche e creando le condizioni per gli incendi.

L’anno ha visto la seconda più grande area bruciata nella regione, con grandi incendi che hanno bruciato parti di Francia, Spagna, Portogallo, Slovenia e Repubblica Ceca.

A firefighter sprays water with a fire hose during an exercise to set up a network of volunteer sentinels to spot forest fires, in Bellefosse, eastern France. Photo: AFP
Un vigile del fuoco spruzza acqua con una manichetta durante un’esercitazione per la creazione di una rete di sentinelle volontarie per individuare gli incendi boschivi, a Bellefosse, nella Francia orientale. Foto: AFP

La riserva idrica spagnola è scesa a meno della metà della capacità a luglio, quando la penisola iberica ha visto il quarto anno consecutivo più secco della media nel 2022.

Gli agricoltori non hanno potuto irrigare i loro campi in alcune zone della Francia, mentre le condizioni di siccità hanno colpito i raccolti di cereali e uva in Germania.

La siccità ha avuto ripercussioni anche sulla produzione di energia, portando a riduzioni dell’energia idroelettrica e della produzione di alcune centrali nucleari che dipendono dalle forniture di acqua per il raffreddamento.

Tuttavia, in un segnale positivo per il futuro, il rapporto rileva che l’energia eolica e solare genererà il 22,3% dell’elettricità dell’Unione Europea nel 2022, superando per la prima volta il gas fossile (20%).

Secondo il rapporto, ciò è dovuto a una combinazione di fattori, tra cui un “significativo aumento” della potenza solare installata lo scorso anno.

“L’energia solare e quella eolica tendono a completarsi a vicenda durante l’anno: la radiazione solare è più elevata in tarda primavera e in estate, mentre l’intensità del vento è solitamente più elevata in inverno”, si legge nel rapporto.

Mentre negli ultimi 30 anni non si sono registrate tendenze significative per quanto riguarda il vento o le precipitazioni in Europa, il rapporto afferma che c’è stato un netto aumento della luce solare, con il 2022 che ha registrato la più alta quantità di radiazioni solari da quando sono iniziate le registrazioni nel 1983.