venerdì, Maggio 31, 2024
HomeWorldL'Europa dovrà aumentare la produzione di semiconduttori a fronte dei rischi legati...

L’Europa dovrà aumentare la produzione di semiconduttori a fronte dei rischi legati all’Asia

La Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha dichiarato oggi che l’Europa deve incrementare la produzione di massa di semiconduttori vitali a causa del peggioramento dei rischi geopolitici nei centri asiatici di produzione di chip.

La Presidente ha rilasciato queste dichiarazioni in occasione dell’inaugurazione di una fabbrica di chip da cinque miliardi di euro (5,5 miliardi di dollari) a Dresda, tra una serie di nuovi progetti di semiconduttori in Germania.

L’UE sta cercando di ridurre la dipendenza dai semiconduttori prodotti in Asia e il mese scorso ha raggiunto un accordo che mira a raddoppiare la quota di mercato globale del blocco al 20% nel 2030 e a mobilitare investimenti massicci.

Von der Leyen ha dichiarato che l’Europa ospita molte aziende leader nel settore dei chip, ma che negli ultimi anni non ha trattato la produzione di semiconduttori come una priorità.

La produzione di chip è attualmente concentrata a livello mondiale a Taiwan e in Corea del Sud, regioni soggette a forti tensioni.

Qualsiasi perturbazione commerciale danneggerebbe immediatamente la solida base industriale dell’Europa e il nostro forte mercato interno. Abbiamo visto come le tensioni geopolitiche siano aumentate negli ultimi anni. Per l’Europa è importante rafforzare le catene di approvvigionamento. Per i semiconduttori, che sono così importanti, abbiamo bisogno di una maggiore produzione di massa qui in Europa
Il presidente della Commissione Europea

Lo status di Taiwan come centro di produzione di chip sta causando nervosismo geopolitico, poiché la Cina minaccia sempre più l’isola, una democrazia autogestita che il Partito Comunista Cinese rivendica e ha giurato di conquistare un giorno.

La Corea del Sud, nel frattempo, affronta tensioni perennemente elevate con la Corea del Nord, che ha condotto una serie record di lanci di razzi in violazione delle sanzioni nel 2023.

Il capo dell’UE ha anche affermato che il blocco sta lavorando per garantire all’Europa l’accesso alle materie prime critiche utilizzate per la produzione di elettronica di consumo, attraverso una bozza di regolamento recentemente presentata.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, anch’egli intervenuto alla cerimonia, ha affermato che i chip – che alimentano qualsiasi cosa, dagli smartphone ai jet da combattimento – sono spesso indicati come il petrolio del XXI secolo.

La pandemia di coronavirus ha già dato all’Europa un assaggio dei problemi causati dall’intasamento delle catene di fornitura dei semiconduttori, con carenze che hanno colpito una serie di industrie.

Il nuovo sito di Infineon a Dresda dovrebbe aprire nell’autunno del 2026 e creare 1.000 posti di lavoro.

Il gruppo ingegneristico tedesco Bosch, il gigante tecnologico statunitense Intel e il produttore di chip Wolfspeed hanno recentemente annunciato importanti investimenti nei semiconduttori in Germania, la prima economia europea.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donald Trump condannato per tutti i 34 capi d’accusa nel processo per il denaro sporco

Donald Trump è stato condannato per tutti i capi d'accusa nel processo per l'uso di denaro sporco. Foto: AFPUna giuria di New York ha...