venerdì, Marzo 1, 2024
HomeWorldLe forze israeliane circondano la principale città meridionale di Gaza

Le forze israeliane circondano la principale città meridionale di Gaza

Le forze israeliane hanno circondato la città principale del sud della Striscia di Gaza oggi, combattendo i militanti di Hamas per le strade e gli edifici in alcuni dei combattimenti più intensi della guerra di due mesi.

L’attenzione del conflitto si è spostata nel sud del territorio assediato, dopo i feroci combattimenti e bombardamenti che hanno ridotto in macerie gran parte del nord e costretto quasi due milioni di persone a fuggire dalle loro case.

I carri armati, i mezzi corazzati e i bulldozer israeliani sono stati avvistati martedì vicino alla città di Khan Yunis, nel sud di Gaza, costringendo i civili già sfollati a fare i bagagli e a fuggire di nuovo, hanno riferito i testimoni all’AFP.

“Le nostre forze stanno circondando l’area di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza“, ha dichiarato il capo dell’esercito israeliano Herzi Halevi alla fine di martedì.

“Abbiamo messo in sicurezza molte roccaforti di Hamas nel nord della Striscia di Gaza e ora stiamo operando contro le sue roccaforti nel sud”

I combattimenti di martedì sono stati “il giorno più intenso dall’inizio dell’operazione di terra” a fine ottobre, ha detto il capo del Comando Sud dell’esercito, il Maggiore Generale Yaron Finkelman.

Israele ha dichiarato guerra ad Hamas dopo gli attacchi del gruppo militante del 7 ottobre, che hanno ucciso 1.200 persone, per lo più civili, secondo le autorità israeliane, e hanno visto circa 240 ostaggi.

L’ultimo bilancio dell’ufficio stampa del governo di Hamas dice che a Gaza sono state uccise 16.248 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini.

Israele ha giurato di distruggere Hamas e di liberare 138 ostaggi ancora detenuti, dopo che molti erano stati liberati durante una tregua di breve durata.

Diversi comandanti di Hamas sono stati uccisi in un attacco aereo vicino all’Ospedale di Indonesia, ha dichiarato l’esercito israeliano all’inizio di mercoledì su X.

Fonti di Hamas e della Jihad islamica, un altro gruppo militante palestinese, hanno detto all’AFP che i loro combattenti si sono scontrati con le truppe israeliane questa mattina, nel tentativo di impedire loro di entrare a Khan Yunis e nelle aree circostanti.

Secondo l’ufficio stampa del governo gestito da Hamas, decine di persone sono state uccise e ferite nei pesanti attacchi contro le aree a est di Khan Yunis.

Nel frattempo, le aree della Striscia di Gaza centrale e settentrionale sono ancora sottoposte a bombardamenti, secondo Hamas.

Il Ministero della Sanità, gestito da Hamas, ha dichiarato che gli attacchi aerei contro il campo profughi di Nuseirat, nel centro di Gaza, hanno ucciso sei persone e ne hanno ferite altre 14.

Nessun luogo è sicuro

In precedenza, Israele aveva detto ai civili nel nord della Striscia di Gaza, densamente popolata, di cercare rifugio nel sud del territorio, e molti sono fuggiti a Khan Yunis credendo che fosse più sicuro.

Con l’espandersi della guerra, Israele ha detto alle persone di spostarsi ancora più a sud, scatenando “panico, paura e ansia”, secondo Philippe Lazzarini, capo dell’agenzia ONU per i rifugiati palestinesi, UNRWA.

Le persone sono state spinte in un’area che è meno di un terzo della Striscia di Gaza, con le strade verso sud intasate, ha detto.

I gruppi di aiuto internazionali hanno condannato il susseguirsi di ordini di fuga da un’area all’altra, affermando che i civili erano a corto di opzioni.

“Nessun luogo è sicuro a Gaza“, ha detto il capo delle Nazioni Unite per gli aiuti umanitari Martin Griffiths.

“Né ospedali, né rifugi, né campi profughi. Nessuno è al sicuro

In seguito alle richieste di creare aree in cui i civili potessero rifugiarsi, l’esercito israeliano ha pubblicato una mappa che, a suo dire, doveva consentire ai gazesi di “evacuare da luoghi specifici per la loro sicurezza, se necessario”.

Ma le Nazioni Unite hanno criticato la mappa ieri, affermando che è impossibile creare zone sicure in cui i civili possano fuggire all’interno di Gaza.

“Le cosiddette zone sicure… non sono scientifiche, non sono razionali, non sono possibili, e credo che le autorità ne siano consapevoli”, ha detto James Elder, portavoce dell’agenzia ONU per l’infanzia UNICEF.

La violenza a Gaza “si colloca ora tra le peggiori aggressioni contro la popolazione civile nel nostro tempo e nella nostra epoca”, secondo il Consiglio norvegese per i rifugiati, che ha anche messo in guardia sulle terribili conseguenze per la salute pubblica dell’inverno che si avvicina.

Con le loro cose ammassate su carretti trainati da asini, veicoli malconci e cammelli, i gazesi si sono diretti a sud per cercare di sfuggire all’offensiva israeliana in espansione.

Si stima che 1,9 milioni di persone siano sfollate a Gaza – circa tre quarti della popolazione, secondo i dati delle Nazioni Unite.

Nel nord di Gaza, l’esercito israeliano ha dichiarato di aver circondato il campo profughi di Jabalia e di aver fatto irruzione in un centro di comando e controllo delle Forze di Sicurezza Interna di Hamas.

Ha affermato che il numero di soldati israeliani uccisi dall’inizio della guerra è salito a 82.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas, diverse persone sono state uccise e ferite negli attacchi israeliani a Jabalia.

‘Vergognoso’

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiesto la condanna della “violenza sessualecommessa da Hamas, dopo le accuse di stupro durante gli attacchi del 7 ottobre, che il gruppo militante nega.

I commenti di Biden giungono dopo che gli attivisti in Israele hanno criticato quella che considerano una risposta internazionale sommessa alla violenza contro le donne durante l’attacco.

Anche gli Stati Uniti, l’alleato più importante di Israele, hanno intensificato le richieste di maggiori sforzi per prevenire le morti di civili a Gaza.

Il capo degli aiuti statunitensi, Samantha Power, ha annunciato 21 milioni di dollari di nuova assistenza per i gazesi durante una visita nel vicino Egitto, tra cui forniture di igiene, ripari e cibo.

Questa settimana Israele ha dichiarato di non voler costringere i civili palestinesi a lasciare in modo permanente le loro case nella Striscia di Gaza e ha chiesto ai gruppi di aiuto di contribuire a fornire un rifugio nella piccola area costiera di Al-Mawasi.

I combattimenti a Gaza sono ripresi dopo il fallimento, venerdì, di una tregua mediata dal Qatar, che ha visto il rilascio di decine di ostaggi israeliani e di altre persone in cambio di prigionieri palestinesi.

Il sovrano del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad Al-Thani, ha detto che il suo Paese sta “lavorando costantemente per rinnovare la tregua” e ha denunciato quella che ha definito “vergognosa” inazione internazionale sulla guerra.

La guerra ha scatenato il timore di un conflitto regionale più ampio, con frequenti scambi di fuoco con gli Hezbollah sostenuti dall’Iran attraverso il confine di Israele con il Libano.

Un soldato libanese è stato ucciso dal fuoco israeliano su una postazione militare vicino al confine meridionale del Paese, ieri, ha detto l’esercito.

L’esercito israeliano ha riconosciuto l’incidente, affermando in un post su X che aveva preso di mira una posizione di Hezbollah nel tentativo di “eliminare una minaccia imminente“.

Anche la Cisgiordania occupata ha visto un’impennata di violenza.

Le truppe israeliane hanno fatto irruzione nel campo profughi di Faraa, nel nord del territorio, all’inizio di mercoledì, scatenando scontri che hanno ucciso due persone, una delle quali di 16 anni, secondo l’agenzia di stampa palestinese Wafa.

Gli ultimi decessi si aggiungono alle oltre 250 persone uccise in Cisgiordania da ottobre, secondo le autorità palestinesi.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE