sabato, Maggio 18, 2024
HomeWorldLe autorità brasiliane mettono in guardia da ulteriori inondazioni e frane a...

Le autorità brasiliane mettono in guardia da ulteriori inondazioni e frane a causa delle nuove piogge che colpiscono il sud del Paese

Katiane Mello (R) lascia la sua casa allagata in una barca che naviga in una strada di Eldorado do Sul, nello stato di Rio Grande do Sul, Brasile. Foto: AFP

Le autorità hanno avvertito che le nuove piogge nel sud del Brasile, sommerso dall’acqua, saranno più intense tra domenica e lunedì, portando nuova sofferenza alle vittime delle inondazioni che finora hanno ucciso 136 persone.

Le autorità statali hanno avvertito sabato scorso del rischio di un ulteriore innalzamento delle acque e di frane.

“Stiamo ancora vivendo una situazione di emergenza”, ha dichiarato il governatore del Rio Grande do Sul Eduardo Leite in un video su Instagram.

Le forti piogge della scorsa settimana hanno causato lo straripamento dei fiumi nello Stato agricolo, causando 806 feriti e 125 dispersi oltre ai morti, ha dichiarato l’agenzia di protezione civile.

“Molte persone vedono la pioggia e sono traumatizzate. Abbiamo visto quanto la gente sia spaventata”, ha detto Enio Posti, un vigile del fuoco di Porto Alegre, capitale dello stato di Rio Grande do Sul.

Soldiers from the Brazilian Air Force prepare donations to be sent to flood victims in Rio Grande do Sul at Brasilia Air Base, Brazil on May 10, 2024. Teams raced against the clock on May 9 to deliver aid to flood-stricken communities. Photo: AFPSoldati dell’aeronautica brasiliana preparano le donazioni da inviare alle vittime delle inondazioni nel Rio Grande do Sul presso la base aerea di Brasilia, in Brasile, il 10 maggio 2024. Il 9 maggio le squadre hanno corso contro il tempo per consegnare gli aiuti alle comunità colpite dalle inondazioni. Foto: AFP

Degli oltre due milioni di persone colpite dalle inondazioni, più di 537.000 sono state costrette ad abbandonare le loro case e 81.000 si trovano in rifugi.

Secondo la Confederazione nazionale dei comuni, più di 92.000 case sono state danneggiate o distrutte dalle inondazioni.

Gli esperti delle Nazioni Unite e il governo brasiliano attribuiscono la responsabilità delle inondazioni ai cambiamenti climatici e al fenomeno meteorologico El Nino.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato in un comunicato di essere “rattristato dalla perdita di vite umane e dalla devastazione causata dalle inondazioni”, aggiungendo che Washington sta “lavorando per fornire l’assistenza necessaria” in coordinamento con le autorità brasiliane.

Ai residenti è stato detto di stare lontani dalle aree allagate, con pericoli che includono la folgorazione a causa di linee elettriche abbattute.

“Ero bagnato fradicio. Mi hanno aiutato e mi hanno dato dei vestiti”, ha detto Everton Machado, 36 anni, all’AFP, dopo essere stato salvato in barca mentre cercava i suoi genitori.

Distribuzione degli aiuti

Nelle strade allagate del quartiere di Sao Joao, volontari e vigili del fuoco hanno lavorato sotto la pioggia battente, portando rifornimenti ai residenti su moto d’acqua e gommoni.

I volontari hanno portato gli animali domestici nei rifugi, mentre i veterinari hanno curato quelli con esigenze mediche.

Anche l’esercito e le altre forze di sicurezza hanno partecipato ai soccorsi. Quasi due tonnellate di cibo e rifornimenti sono stati distribuiti dal governo federale, in quello che il presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha definito “il più grande movimento di donazioni mai registrato nella storia” del Brasile.

Questa settimana il governo federale ha promesso circa 10 miliardi di dollari per la ricostruzione del Rio Grande do Sul, che sta vivendo il peggior disastro climatico di sempre.

I livelli dell’acqua nel fiume Guaiba, che attraversa Porto Alegre, dove vivono 1,4 milioni di persone, hanno raggiunto livelli storici questa settimana.

Sabato pomeriggio è sceso a 4,57 metri, il livello più basso dal 3 maggio.

Nonostante le nuove piogge, i residenti di Porto Alegre hanno cercato di recuperare un po’ di normalità, con l’apertura di alcuni negozi e ristoranti.

Ma con le forniture d’acqua ancora interrotte, le autocisterne che trasportavano acqua pulita erano uno spettacolo comune in tutta la città.

Altrove, camion aspiranti stavano pompando l’acqua fangosa delle alluvioni dalle strade e dagli edifici.

Negli ultimi mesi il Brasile è stato colpito da alluvioni storiche, incendi forestali da record, ondate di calore e siccità senza precedenti.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE