venerdì, Giugno 14, 2024
HomeWorldLa missione ONU in Iraq terminerà dopo due decenni

La missione ONU in Iraq terminerà dopo due decenni

Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha votato all’unanimità per prorogare l’UNAMI fino alla fine del 2025 e poi per porvi fine. Foto: ONU

Su richiesta di Baghdad, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha deciso all’unanimità venerdì che la missione politica delle Nazioni Unite in Iraq lascerà il Paese alla fine del 2025, dopo oltre 20 anni.

Il governo iracheno ha accolto con favore la decisione, affermando che riflette i progressi e la stabilità nel Paese da quando la Missione di assistenza delle Nazioni Unite per l’Iraq (UNAMI) è stata istituita nel 2003 dopo l’invasione guidata dagli Stati Uniti e la caduta di Saddam Hussein.

Secondo gli analisti, però, la missione ha faticato ad avere un impatto in aree come l’impunità e la sua uscita fa parte di una tendenza delle nazioni ospitanti a rifiutare le missioni ONU.

La risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite adottata venerdì ha esteso il mandato della missione fino al 31 dicembre 2025, “dopo di che l’UNAMI cesserà tutte le attività e le operazioni”

La missione conta circa 700 persone, con compiti che includono la consulenza al governo sul dialogo politico e la riconciliazione, nonché l’assistenza alle elezioni e alla riforma del settore della sicurezza.

Un portavoce del governo iracheno ha dichiarato che la decisione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite segna “il completamento del processo di costruzione politica iniziato nel 2003 dopo la caduta del regime dittatoriale”

All’inizio del mese, in una lettera al Consiglio di Sicurezza, il Primo Ministro iracheno Mohamed Shia al-Sudani ha affermato che l’UNAMI ha superato “grandi e svariate sfide” e che “non esistono più i presupposti per avere una missione politica in Iraq”.

Durante il precedente rinnovo della missione, nel maggio 2023, il Consiglio aveva chiesto al Segretario generale di avviare una revisione, supervisionata dal diplomatico tedesco Volker Perthes.

In un rapporto pubblicato a marzo, Perthes ha segnalato che il programma di chiusura avrebbe rassicurato gli iracheni riluttanti sul fatto che la transizione “non porterà a un’inversione dei guadagni democratici né minaccerà la pace e la sicurezza”

Sovranità o politica

Dato che le missioni ONU possono operare solo con il consenso della nazione ospitante, questo mese Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia hanno espresso il loro sostegno al cambiamento.

“Il popolo iracheno è ora pronto ad assumersi la piena responsabilità del futuro politico del Paese”, ha dichiarato Anna Evstigneeva, vice ambasciatore russo alle Nazioni Unite.

“Esprimiamo il nostro fermo sostegno alla sovranità dell’Iraq e ci opponiamo a qualsiasi interferenza negli affari interni del Paese”

Gli Stati Uniti hanno redatto la risoluzione, dopo essere stati inizialmente più cauti.

“Riconosciamo tutti che l’Iraq è cambiato radicalmente negli ultimi anni e che la missione dell’UNAMI doveva essere riallineata come parte del nostro impegno a promuovere un Iraq sicuro, stabile e sovrano”, ha dichiarato venerdì il vice ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Robert Wood.

Secondo gli analisti, il Primo Ministro iracheno sta cercando di ottenere una vittoria politica e l’ONU non si sta ritirando dall’Iraq.

“Questo non significa che voglia porre fine ai programmi delle Nazioni Unite”, ha affermato Renad Mansour, ricercatore senior presso Chatham House.

“Tutto questo fa parte dei tentativi del Primo Ministro Sudani di mostrare l’Iraq come un Paese che sta entrando in una nuova fase, che spera possa essere definita dalla sovranità”

Mansour ha aggiunto che l’UNAMI ha ottenuto alcuni successi limitati, ma ha faticato “a garantire la responsabilità e a creare lo spazio per una società civile fiorente e indipendente”

Negli ultimi anni l’ONU ha dovuto affrontare ostilità, soprattutto in Africa.

Diversi Paesi hanno costretto le missioni ONU ad andarsene, tra cui il Mali, dove la MINUSMA si è ritirata l’anno scorso. A dicembre, inoltre, il Consiglio di sicurezza ha posto fine alla missione politica in Sudan su richiesta delle autorità.

“I membri del Consiglio sembrano ormai rassegnati al fatto che molti Stati che hanno ospitato le missioni ONU per lungo tempo vogliono che se ne vadano”, ha dichiarato all’AFP Richard Gowan dell’International Crisis Group.

“La posizione predefinita del Consiglio era quella di mantenere le missioni ONU in loco a tempo indeterminato. Ora la nuova posizione predefinita è quella di lasciarle andare in silenzio”

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE