La giuria del processo a Trump rivede le prove e riprende le deliberazioni

Un manifestante anti-Trump tiene un cartello fuori dal tribunale penale di Manhattan mentre l’ex presidente degli Stati Uniti e candidato repubblicano alla presidenza Donald Trump assiste al suo processo penale a New York giovedì.

I giurati sono tornati giovedì al secondo giorno di deliberazioni nel processo penale di Donald Trump con richieste dettagliate di rivedere parti delle prove, lasciando il candidato presidenziale repubblicano bloccato in attesa del suo destino.

Non si sa nulla delle intenzioni della giuria né quanto tempo ci vorrà per raggiungere un verdetto.

Tuttavia, la giuria ha chiaramente fatto i compiti a casa, chiedendo al giudice Juan Merchan di rileggere le sue lunghe istruzioni su come interpretare la legge e di riesaminare diversi segmenti di prove.

Circa due ore dopo, i giurati – la cui identità è stata tenuta segreta per tutelarli dalle tensioni politiche nazionali – si sono ritirati in una stanza separata.

Trump, 77 anni, è arrivato in tribunale con il suo ormai consueto attacco quotidiano davanti alle telecamere contro il giudice “corrotto”. Ha affermato ancora una volta di essere vittima di un attacco politico “su richiesta” del suo avversario alle elezioni di novembre, il presidente Joe Biden.

Ma lui, come il resto del Paese, può solo aspettare mentre i 12 comuni cittadini di New York deliberano.

Dopo aver già trascorso più di cinque settimane ad assistere al processo, Trump ha ricevuto l’ordine da Merchan di rimanere in tribunale fino all’arrivo del verdetto.

Con poche notizie da riferire, i canali via cavo e i principali media, come il New York Times e il Washington Post, stanno facendo girare timer e blog in diretta per analizzare ogni frammento di informazione alla ricerca di possibili indizi sull’esito del processo.

Trump è accusato di aver falsificato i registri aziendali per coprire il pagamento del silenzio a una pornostar alla vigilia della sua vittoria elettorale nel 2016 contro Hillary Clinton, in modo che l’attrice non rendesse pubblica la sua storia con lui.

I procuratori sostengono che Trump abbia violato la legge sia con l’insabbiamento che con il complotto per evitare che gli elettori venissero a conoscenza del suo comportamento.

Trump si è dichiarato non colpevole dei 34 capi d’accusa e spera in un’assoluzione o in un annullamento del processo, che verrebbe dichiarato se la giuria non riuscisse a raggiungere l’unanimità.

I sondaggi lo danno in forte vantaggio su Biden e lo scandalo ha un impatto minimo sul suo movimento politico di destra.

– buon senso

Nelle arringhe di martedì, il team di difesa di Trump ha insistito sul fatto che le prove per una condanna semplicemente non esistevano, mentre l’accusa ha risposto che erano voluminose e ineludibili.

“L’intento dell’imputato di frodare non potrebbe essere più chiaro”, ha detto il procuratore Joshua Steinglass, esortando i giurati a usare il “buon senso” e a emettere un verdetto di colpevolezza.

In caso di condanna, Trump rischia fino a quattro anni di carcere per ciascuno dei 34 capi d’accusa, ma gli esperti legali affermano che, in quanto recidivo, è improbabile che venga incarcerato.

Una condanna non gli impedirebbe di partecipare al voto di novembre e quasi certamente ricorrerà in appello. In caso di annullamento del processo, i pubblici ministeri potrebbero chiedere un nuovo processo.

Trump – obbligato a partecipare a tutti i giorni del processo – ha usato i suoi viaggi in tribunale e l’enorme presenza dei media per diffondere la sua affermazione che il processo è una manovra dei Democratici per tenerlo lontano dalla campagna elettorale.

I sondaggi mostrano un testa a testa tra Trump e Biden, e il verdetto infiammerà le passioni mentre la corsa alla Casa Bianca si intensifica.

Oltre al caso di New York, Trump è stato incriminato a Washington e in Georgia con l’accusa di aver cospirato per rovesciare i risultati delle elezioni del 2020.

Inoltre, in Florida è accusato di aver accumulato enormi quantità di documenti riservati dopo aver lasciato la Casa Bianca.

Tuttavia, il caso di New York è l’unico che probabilmente verrà processato entro il giorno delle elezioni.