giovedì, Aprile 18, 2024
HomeWorldLa Germania dà un controverso via libera alla cannabis

La Germania dà un controverso via libera alla cannabis

Una gigantesca foglia di marijuana finta viene posizionata alla Porta di Brandeburgo. Foto: AFP

Lunedì la Germania è diventata il più grande Paese dell’Unione Europea a legalizzare la cannabis a scopo ricreativo, nonostante le feroci obiezioni dei politici dell’opposizione e delle associazioni mediche.

In base al primo passo della discussa nuova legge, gli adulti sopra i 18 anni sono ora autorizzati a portare 25 grammi di cannabis essiccata e a coltivare fino a tre piante di marijuana a casa.

I cambiamenti lasciano la Germania con alcune delle leggi più liberali sulla cannabis in Europa, insieme a Malta e Lussemburgo, che hanno legalizzato l’uso ricreativo rispettivamente nel 2021 e nel 2023.

smoke-in alla porta di Brandeburgo per l’entrata in vigore della legge sull’uso ricreativo della cannabis. Video: AFP

L’Olanda, nota per il suo atteggiamento permissivo nei confronti della droga, negli ultimi anni ha adottato un approccio più severo per contrastare il turismo della cannabis.

Quando la legge è entrata in vigore a mezzanotte, centinaia di persone hanno esultato davanti all’iconica Porta di Brandenbrug di Berlino, molte delle quali si sono accese uno spinello in quello che un partecipante, Niyazi, 25 anni, molto felice, ha definito “un po’ di libertà in più”.

Come prossimo passo della riforma legale, dal 1° luglio sarà possibile ottenere legalmente l’erba attraverso i “cannabis club” nel Paese.

Queste associazioni regolamentate potranno avere fino a 500 membri ciascuna e potranno distribuire fino a 50 grammi di cannabis per persona al mese.

Fino ad allora, “i consumatori non devono dire alla polizia dove hanno comprato la loro cannabis” in caso di controllo in strada, ha detto all’AFP Georg Wurth, direttore della German Cannabis Association.

un disastro

I piani iniziali per la vendita di cannabis attraverso negozi autorizzati sono stati abbandonati a causa dell’opposizione dell’UE, anche se è in preparazione una seconda legge per sperimentare la vendita della droga in negozi in regioni pilota.

Il governo tedesco, una coalizione a tre guidata dai socialdemocratici del cancelliere Olaf Scholz, sostiene che la legalizzazione aiuterà a contenere il crescente mercato nero della popolare sostanza.

Ma i gruppi sanitari hanno sollevato la preoccupazione che la legalizzazione possa portare a un aumento del consumo tra i giovani, che corrono i maggiori rischi per la salute.

Gli esperti hanno avvertito che l’uso di cannabis tra i giovani può influenzare lo sviluppo del sistema nervoso centrale, portando a un aumento del rischio di sviluppare psicosi e schizofrenia.

“Dal nostro punto di vista, la legge così com’è scritta è un disastro”, ha dichiarato all’AFP Katja Seidel, terapeuta di un centro per giovani che si occupa di dipendenza da cannabis.

Anche il Ministro della Salute Karl Lauterbach, un medico, ha detto che il consumo di cannabis può essere “pericoloso”, soprattutto per i giovani.

Il governo ha promesso una vasta campagna di informazione per aumentare la consapevolezza dei rischi e per potenziare i programmi di sostegno.

Ha anche sottolineato che la cannabis rimarrà vietata ai minori di 18 anni e nel raggio di 100 metri da scuole, asili e parchi giochi.

“Responsabile

La legge è stata criticata anche dalla polizia, che teme che sia difficile da applicare.

“Dal 1° aprile i nostri colleghi si troveranno in situazioni di conflitto con i cittadini, poiché l’incertezza regna da entrambe le parti”, ha dichiarato Alexander Poitz, vicepresidente del sindacato di polizia GdP.

Un altro potenziale problema è che la legge dichiarerà retroattivamente un’amnistia per i reati legati alla cannabis, creando un problema amministrativo per il sistema legale.

Secondo l’Associazione dei giudici tedeschi, l’amnistia potrebbe applicarsi a più di 200.000 casi che dovrebbero essere controllati ed elaborati.

Il leader dell’opposizione conservatrice Friedrich Merz ha dichiarato che abrogherebbe “immediatamente” la legge se lui e il suo partito formassero un governo dopo le elezioni nazionali del 2025.

Ma il ministro delle Finanze Christian Lindner, del liberale FDP, ha affermato che la legalizzazione è una mossa “responsabile” che è meglio che “indirizzare le persone verso il mercato nero”.

La nuova legge “non porterà al caos”, ha dichiarato Lindner all’emittente pubblica ARD.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...