sabato, Marzo 2, 2024
HomeWorldLa Finlandia elegge il presidente in un nuovo scenario geopolitico

La Finlandia elegge il presidente in un nuovo scenario geopolitico

Il presidente finlandese Sauli Niinisto vota a Espoo, Finlandia, l’11 febbraio 2024. Credit: Seppo Samuli / Lehtikuva / AFP

I finlandesi hanno votato domenica per le elezioni presidenziali e due politici esperti si sono affrontati per un ruolo che ha acquisito importanza alla luce dell’adesione del Paese alla NATO e delle crescenti tensioni con la vicina Russia.

Circa 4,3 milioni di elettori stanno scegliendo tra l’ex primo ministro conservatore Alexander Stubb e l’ex ministro degli Esteri Pekka Haavisto, un deputato del Partito Verde che corre come indipendente.

Uno di loro sostituirà Sauli Niinistö, eletto presidente per la prima volta nel 2012.

A Helsinki, Erja Vanhanen, 59 anni, è stata tra i primi a votare all’apertura dei seggi alle 7.00 GMT.

Ha dichiarato all’AFP di aver scelto “un leader con dei valori, che sia dalla parte delle minoranze e che prenda posizione su questi temi quando necessario”.

Il cambiamento del panorama geopolitico europeo sarà la principale preoccupazione del nuovo capo di Stato, che – pur avendo poteri limitati rispetto al primo ministro – guida la politica estera del Paese insieme al governo e agisce come comandante supremo delle forze armate finlandesi.

Le relazioni tra Mosca ed Helsinki si sono deteriorate dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, spingendo la Finlandia ad abbandonare decenni di non allineamento militare e ad aderire alla NATO nell’aprile 2023.

La Russia, con cui la Finlandia condivide un confine di 1.340 chilometri (830 miglia), ha prontamente avvertito di “contromisure”.

“Il fatto che siamo appena entrati a far parte della NATO ha un grande significato perché la costruzione dell’istituzione NATO in Finlandia e il suo aspetto saranno in gran parte compito del nuovo presidente”, ha dichiarato all’AFP Theodora Helimaki, ricercatrice di scienze politiche presso l’Università di Helsinki.

“I primi due classificati erano forse i più esperti in termini di politica estera”, ha aggiunto riguardo al primo turno.

Il candidato alle presidenziali Alexander Stubb vota al seggio elettorale in Finlandia. Credito: ALESSANDRO RAMPAZZO / AFPTV / AFP

Silenzio radiofonico

Stubb si è imposto al primo turno del 28 gennaio con il 27,2% dei voti, mentre Haavisto è arrivato secondo con il 25,8% dei voti, qualificandosi per il secondo turno.

Un sondaggio d’opinione dell’emittente pubblica Yle pubblicato giovedì ha visto Stubb ottenere il 54% dei voti, contro il 46% di Haavisto.

Nel periodo successivo alla Guerra Fredda, Helsinki ha mantenuto buoni rapporti con Mosca.

Il presidente uscente Sauli Niinisto, eletto per la prima volta nel 2012, un tempo si vantava dei suoi stretti legami con il leader russo Vladimir Putin, prima di diventare uno dei suoi critici più accesi.

Niinisto lo ha contattato direttamente per annunciare la decisione di aderire alla NATO.

Da allora, c’è stato silenzio radio e nessuno dei due candidati si aspetta una telefonata dal Cremlino in caso di vittoria elettorale.

Nell’agosto 2023, la Finlandia ha osservato un afflusso di migranti che entravano senza visto attraverso il suo confine orientale.

Helsinki ha sostenuto che Mosca stava spingendo i migranti a destabilizzarla e, in risposta, ha chiuso il confine a novembre, una mossa sostenuta da entrambi i candidati.

Stubb e Haavisto, che sono stati entrambi ministri degli Esteri, condividono visioni simili per la posizione del Paese nei confronti della Russia, chiedendo ulteriori sanzioni contro Mosca e sostegno all’Ucraina.

“L’Unione europea può fare molto di più per aiutare l’Ucraina”, ha dichiarato Haavisto durante un dibattito televisivo giovedì sera.

“La strada dell’Ucraina è la nostra strada e in questo momento sta combattendo per la libertà degli europei. Meritano tutto il sostegno che possiamo dare loro”, ha concordato Stubb.

Armi nucleari

Per Helimaki, le differenze tra i candidati si riducono a sfumature su alcune questioni, come lo stoccaggio o il trasporto di armi nucleari in Finlandia.

Haavisto non le vuole sul suolo finlandese, pur riconoscendo che, in quanto membro della NATO, il Paese nordico deve partecipare alle esercitazioni relative alla politica nucleare dell’Alleanza.

Stubb, invece, ritiene che il Paese non debba escludere “alcuna parte” della deterrenza nucleare della NATO.

Date le loro somiglianze, è probabile che gli elettori decidano in base alle loro preferenze politiche, secondo Matti Pesu, ricercatore di punta dell’Istituto finlandese per gli affari internazionali.

“Mentre il liberalismo di Stubb è legato alle organizzazioni occidentali e ai valori occidentali, Haavisto ha un’enfasi più globale: l’ONU, la pace, lo sviluppo”, ha dichiarato Pesu all’AFP.

Per quanto riguarda la personalità, Stubb si presenta come un “politico moderno e piuttosto aperto nel suo modo di parlare”, mentre Haavisto “è un politico finlandese più tradizionale e attento”.

L’affluenza alle urne al primo turno è stata del 75% e le votazioni di domenica si chiuderanno alle 20:00 (1800 GMT).

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE