La capitale indiana registra la temperatura più alta di sempre, 49,9 gradi Celsius

Un bambino gioca con l’acqua durante una calda giornata estiva a Chennai il 28 maggio 2024. Foto: R.Satish Babu / AFP

Le temperature nella capitale indiana sono salite a un livello record di 49,9 gradi Celsius, mentre le autorità avvertono della carenza d’acqua nella tentacolare megalopoli.

Il Dipartimento meteorologico indiano (IMD), che ha segnalato “condizioni di grave ondata di calore”, ha registrato le temperature martedì in due stazioni della periferia di Delhi, a Narela e Mungeshpur.

L’ufficio meteorologico ha dichiarato che le temperature erano nove gradi più alte del previsto.

I meteorologi prevedono temperature simili mercoledì per la città, che conta più di 30 milioni di abitanti, e hanno emesso un avviso di allerta rossa che invita la popolazione a fare attenzione.

Nel maggio 2022, alcuni quartieri di Delhi hanno raggiunto i 49,2 gradi Celsius, come riportato dai media indiani.

L’India non è nuova alle temperature estive roventi.

Ma anni di ricerche scientifiche hanno rilevato che il cambiamento climatico sta causando ondate di calore sempre più lunghe, frequenti e intense.

A volunteer distributes drinking water to train passengers on a hot summer day at the Jalandhar Cantonment railway station in Jalandhar on May 28, 2024. Photo: Shammi Mehra / AFPUn volontario distribuisce acqua potabile ai passeggeri del treno in una calda giornata estiva alla stazione ferroviaria di Jalandhar Cantonment, a Jalandhar, il 28 maggio 2024. Foto: Shammi Mehra / AFP

scarsità d’acqua

Anche le autorità di Nuova Delhi hanno avvertito del rischio di scarsità d’acqua mentre la capitale soffre di un caldo da far venire il mal di testa – tagliando le forniture ad alcune aree.

Il ministro dell’Acqua Atishi Marlena ha chiesto una “responsabilità collettiva” per fermare lo spreco di acqua, come ha riferito mercoledì il quotidiano Times of India.

“Per affrontare il problema della scarsità d’acqua, abbiamo adottato una serie di misure come la riduzione dell’erogazione dell’acqua da due volte al giorno a una volta al giorno in molte aree”, ha dichiarato Atishi, come riporta l’Indian Express.

“L’acqua così risparmiata sarà razionata e fornita alle aree con carenza idrica dove l’erogazione dura solo 15-20 minuti al giorno”, ha aggiunto.

L’IMD ha avvertito dell’impatto del caldo sulla salute, soprattutto dei neonati, degli anziani e di chi soffre di malattie croniche.

Molti danno la colpa dell’impennata delle temperature ai venti roventi provenienti dallo stato del Rajasthan, dove martedì le temperature sono state le più calde del Paese, con 50,5 gradi Celsius.

La regione desertica di Phalodi, in Rajasthan, detiene il record di calore di tutti i tempi del Paese, con 51 gradi Celsius nel 2016.

Allo stesso tempo, lo Stato del Bengala occidentale e lo Stato nord-orientale di Mizoram sono stati colpiti dalle tempeste e dalle piogge sferzanti del ciclone Remal, che ha colpito l’India e il Bangladesh domenica, uccidendo più di 38 persone.

Il Dipartimento meteorologico del Bangladesh ha dichiarato che il ciclone è stato “uno dei più lunghi nella storia del Paese”, attribuendo al cambiamento climatico la responsabilità dello spostamento.

A vendor with an umbrella over his head talks on mobile phone as he wipes his face with a cloth on a hot summer day in Varanasi on May 27, 2024. Photo: Niharika Kulkarni / AFPUn venditore con un ombrello in testa parla al cellulare mentre si asciuga il viso con un panno in una calda giornata estiva a Varanasi il 27 maggio 2024. Foto: Niharika Kulkarni / AFP