sabato, Marzo 2, 2024
HomeWorldIsraele dichiara di aver salvato due ostaggi nell'operazione di Rafah

Israele dichiara di aver salvato due ostaggi nell’operazione di Rafah

Il fumo si alza da Rafah dopo i bombardamenti delle forze israeliane di ieri notte. Foto: AFP

In data odierna, Israele ha annunciato il salvataggio di due ostaggi nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, dove il ministero della Sanità gestito da Hamas ha dichiarato che 52 palestinesi, compresi i bambini, sono stati uccisi durante i pesanti bombardamenti aerei della notte.

Israele si sta preparando per un’incursione di terra nella brulicante città lungo il confine con l’Egitto, dove centinaia di migliaia di palestinesi sfollati hanno cercato rifugio dai combattimenti più a nord.

La precaria situazione umanitaria a Rafah ha spinto i gruppi di aiuto e i governi stranieri, compresi gli Stati Uniti, alleato chiave di Israele, a esprimere profonda preoccupazione per le conseguenze potenzialmente disastrose di un’espansione delle operazioni in quella zona.

Hamas ha anche avvertito che un’offensiva di terra a Rafah metterebbe a rischio qualsiasi futuro rilascio di ostaggi israeliani presi durante gli attacchi del 7 ottobre che hanno scatenato la guerra.

L’esercito israeliano ha annunciato questa mattina presto che due di questi ostaggi sono stati salvati in un’operazione congiunta di esercito, Shin Bet e polizia a Rafah dopo quasi 130 giorni di prigionia.

In un comunicato, l’esercito ha identificato i due ostaggi come Fernando Simon Marman, 60 anni, e Louis Har, 70 anni, affermando che “sono stati rapiti dall’organizzazione terroristica Hamas il 7 ottobre dal Kibbutz Nir Yitzhak”.

“Entrambi sono in buone condizioni di salute e sono stati trasferiti per accertamenti medici all’ospedale Sheba Tel Hashomer”, ha aggiunto la dichiarazione.

Durante gli attacchi del 7 ottobre, i militanti palestinesi hanno sequestrato circa 250 ostaggi, secondo un conteggio dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani. Israele afferma che circa 130 sono ancora a Gaza, anche se si pensa che 29 siano morti.

Decine di prigionieri sono stati rilasciati durante una tregua di una settimana a novembre, che ha visto anche il rilascio di oltre 200 prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane.

Da allora, Netanyahu ha affrontato proteste crescenti e persino richieste di elezioni anticipate, con i parenti degli ostaggi frustrati per il ritmo dei salvataggi.

Al Cairo si sono tenuti nuovi colloqui per una pausa nei combattimenti, con Hamas aperto a un nuovo cessate il fuoco, compreso un maggiore scambio di prigionieri-ostaggi.

Ieri, l’ala militare del gruppo ha dichiarato che due ostaggi sono stati uccisi e altri otto gravemente feriti nei bombardamenti israeliani degli ultimi giorni, una dichiarazione che l’AFP non è stata in grado di verificare in modo indipendente.

Colpi notturni

Nonostante i crescenti appelli a trovare un accordo con Hamas per garantire il rilascio dei prigionieri, Netanyahu ha insistito sul fatto che solo la pressione militare può riportarli a casa.

La scorsa settimana ha dichiarato di aver ordinato alle truppe di prepararsi per le operazioni a Rafah, l’ultima grande città in cui non sono ancora entrate.

Almeno 52 persone sono state uccise in pesanti attacchi aerei nella città sovraffollata prima dell’alba di oggi, secondo il ministero della Sanità del territorio gestito da Hamas.

I giornalisti dell’AFP e i testimoni hanno sentito un’intensa serie di attacchi e hanno visto il fumo che si alzava sopra la città, che ora ospita più della metà della popolazione totale di Gaza dopo essere fuggita dai bombardamenti in altre zone della Striscia.

Secondo il governo di Hamas, i colpi hanno colpito 14 case e tre moschee in diverse zone di Rafah.

L’esercito israeliano ha dichiarato di aver “condotto una serie di attacchi contro obiettivi terroristici nell’area di Shaboura, nel sud della Striscia di Gaza”, aggiungendo che gli attacchi si sono conclusi.

Rafah è diventata l’ultimo rifugio per i palestinesi che fuggono dai bombardamenti incessanti di Israele nella sua guerra di quattro mesi contro Hamas, che ha avvertito di non lanciare un’offensiva lì.

“Qualsiasi attacco dell’esercito di occupazione alla città di Rafah silurerebbe i negoziati di scambio”, ha dichiarato un leader di Hamas all’AFP, a condizione di anonimato.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ieri, ha parlato per telefono con Netanyahu e gli ha detto che l’avanzata a Rafah non dovrebbe andare avanti in assenza di un piano “credibile” per garantire “la sicurezza” delle persone che vi si rifugiano, ha detto la Casa Bianca.

Circa 1,4 milioni di palestinesi si sono ammassati a Rafah, molti dei quali vivono in tende, mentre cibo, acqua e medicine scarseggiano sempre più.

Netanyahu aveva detto all’emittente statunitense ABC News che l’operazione di Rafah sarebbe andata avanti finché Hamas non fosse stato eliminato, aggiungendo che avrebbe fornito un “passaggio sicuro” ai civili che volevano andarsene.

Quando gli è stato chiesto dove potessero andare, Netanyahu ha risposto: “Le aree che abbiamo liberato a nord di Rafah sono numerose. Ma stiamo elaborando un piano dettagliato”

L’attacco senza precedenti di Hamas del 7 ottobre contro il sud di Israele ha causato la morte di circa 1.160 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP basato su dati ufficiali.

Israele ha risposto con un’offensiva incessante a Gaza che, secondo il ministero della Sanità del territorio, ha ucciso almeno 28.176 persone a partire da ieri sera, soprattutto donne e bambini.

Dall’inizio della guerra, la violenza è aumentata anche nella Cisgiordania occupata.

Ieri, le truppe vicino a Betlemme hanno sparato a un uomo che ha cercato di accoltellare un soldato, ha dichiarato l’esercito israeliano.

Lo stesso giorno, la polizia israeliana ha dichiarato che gli agenti hanno ucciso un sospetto armato di coltello nel quartiere musulmano della Città Vecchia di Gerusalemme Est.

“Smilitarizzazione”

Ieri, durante una visita a una base militare, Netanyahu ha dichiarato che Israele mira alla “smilitarizzazione di Gaza”.

“Questo richiede il nostro controllo di sicurezza… su tutta l’area a ovest della Giordania, compresa la Striscia di Gaza”, ha dichiarato.

Gli Emirati Arabi Uniti, il Qatar, l’Oman e l’Organizzazione della Cooperazione Islamica (OIC) sono stati tra gli ultimi a lanciare l’allarme sul piano per Rafah.

“L’OCI ha avvertito con forza che la continuazione e l’espansione dell’aggressione militare israeliana fa parte dei tentativi respinti di espellere con la forza il popolo palestinese dalla sua terra”, ha dichiarato il blocco di 57 nazioni con sede a Gedda sui social media.

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno anche respinto lo spostamento “forzato” delle persone da Rafah, evocando il trauma dell’esodo di massa e dello spostamento forzato dei palestinesi al tempo della creazione di Israele nel 1948.

Riyadh ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, mentre il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha affermato che la priorità “deve essere una pausa immediata nei combattimenti per far entrare gli aiuti e far uscire gli ostaggi”.

I gazesi, spinti sempre più a sud, hanno ripetutamente affermato di non riuscire a trovare un rifugio sicuro dai combattimenti e dai bombardamenti.

Farah Muhammad, 39 anni, madre di cinque figli sfollati a Rafah dal nord di Gaza, ha detto di sentirsi impotente.

“Non c’è un posto dove scappare”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE