martedì, Maggio 28, 2024
HomeWorldIl presidente cinese Xi accolto con "rispetto e amore" in Serbia

Il presidente cinese Xi accolto con “rispetto e amore” in Serbia

Il presidente cinese Xi Jinping con il presidente serbo Aleksandar Vucic. Foto: AFP

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha riaffermato il suo forte sostegno alla sovranità cinese su Taiwan mercoledì, mentre dava un sontuoso benvenuto al presidente Xi Jinping, che sta cercando di approfondire i legami politici ed economici con i Paesi europei più amici.

La Cina ha investito miliardi in Serbia e nei vicini Paesi balcanici, in particolare nel settore minerario e manifatturiero, e l’anno scorso Pechino e Belgrado hanno firmato un accordo di libero scambio.

Mercoledì Xi e sua moglie Peng Liyuan sono stati accolti da Vucic su un tappeto rosso davanti ai principali uffici governativi di Belgrado.

Il leader cinese è stato accolto da un saluto con le armi e dall’inno nazionale cinese, prima di stringere la mano a funzionari come il primo ministro e il governatore della Banca nazionale di Serbia.

I due leader hanno salutato da un balcone diverse migliaia di persone in attesa all’esterno, alcune delle quali sventolavano bandiere cinesi.

People wave Chinese and Serbian flags gathered outside the Palace of Serbia. Photo: AFPPersone che sventolano bandiere cinesi e serbe riunite fuori dal Palazzo di Serbia. Foto: AFP

Vucic ha definito Xi un “amico della Serbia”.

“Il rispetto e l’amore che troverà qui nella nostra Serbia non lo troverà da nessun’altra parte”, ha aggiunto Vucic.

Ha detto alla folla mentre Xi applaudiva: “Abbiamo una posizione chiara e semplice riguardo all’integrità territoriale cinese. Sì, Taiwan è Cina”.

Pechino rivendica l’isola autogovernata come propria e ha dichiarato che non esclude l’uso della forza per riportare l’isola sotto il controllo cinese.

Quando i due leader si sono seduti per l’incontro, Xi ha detto a Vucic, nei commenti iniziali, che c’è un “forte sentimento di amicizia tra i nostri due Paesi”.

Xi è arrivato a Belgrado martedì sera, dopo una visita di Stato in Francia che ha visto scambi a volte intensi con il presidente Emmanuel Macron sul commercio e sugli stretti legami della Cina con la Russia nonostante la guerra in Ucraina.

Gli altri due Paesi scelti per il primo viaggio di Xi in Europa dal 2019 – con l’Ungheria come tappa finale dopo la Serbia – sono tra i più simpatici a Mosca in Europa.

Le strade della capitale serba erano addobbate con bandiere cinesi, insieme a manifesti e cartelloni che proclamavano un “caloroso benvenuto” agli “amici cinesi”.

Bombardamento della NATO

La visita di Xi ha coinciso anche con il 25° anniversario del bombardamento statunitense del 1999 dell’ambasciata cinese a Belgrado, che causò la morte di tre persone.

“Non dimenticate che i nostri amici cinesi erano con noi 25 anni fa quando questo Paese veniva demolito e bombardato”, ha detto Vucic alla folla.

“Hanno pagato un prezzo alto, hanno perso delle persone a poche centinaia di metri da qui, proprio in questo giorno”

L’ambasciata è stata colpita durante una campagna NATO guidata dagli Stati Uniti, durata mesi, che ha preso di mira le forze di sicurezza serbe in guerra con gli insorti di etnia albanese in Kosovo.

Gli Stati Uniti si sono poi scusati, affermando che mappe obsolete avevano indotto il pilota a colpire l’obiettivo sbagliato.

Martedì Xi ha scritto sul quotidiano serbo Politika che la NATO aveva “bombardato in modo flagrante l’ambasciata cinese”, avvertendo che la Cina non avrebbe “mai permesso che una storia così tragica si ripetesse”.

La Cina sostiene da tempo le rivendicazioni territoriali della Serbia sulla provincia separatista del Kosovo e, insieme alla Russia, ne ha impedito il riconoscimento alle Nazioni Unite.

Il ministro delle Finanze serbo, Sinisa Mali, ha dichiarato all’emittente statale RTS che le discussioni di mercoledì saranno incentrate su “un grande progetto” e su un “importante investimento da parte della Cina in un’area molto promettente”

Timori per l’Ucraina

“Per la Serbia, questa è senza dubbio una delle visite più significative”, ha dichiarato all’AFP Marko Tmusic, professore di scienze politiche all’Università di Belgrado.

“Stare ‘spalla a spalla’ con la Francia – con la quale la Cina ha 60 anni di relazioni diplomatiche – e l’Ungheria… è certamente un grande onore” per la Serbia, ha aggiunto.

I cittadini di Belgrado hanno accolto con favore la visita di Xi.

“Penso che sia una cosa eccellente, questa visita del presidente di uno dei Paesi più potenti del mondo”, ha detto all’AFP Stojan Vidovic, 67 anni, pensionato.

In Francia, Xi ha incontrato Macron e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Gli hanno chiesto di non permettere l’esportazione di tecnologia che potrebbe essere utilizzata dalla Russia in Ucraina e di fare tutto il possibile per porre fine alla guerra.

Xi ha avvertito l’Occidente di non “infangare” la Cina per il conflitto e ha risposto alle accuse secondo cui la sovraccapacità cinese starebbe causando squilibri commerciali globali.

L’Europa teme che, pur essendo ufficialmente neutrale sul conflitto ucraino, la Cina stia essenzialmente sostenendo la Russia, che utilizza macchine utensili cinesi per la produzione di armi.

Dopo l’incontro con Vucic, mercoledì Xi si recherà in Ungheria, dove la Cina ha investito molto in vasti impianti di produzione di batterie e veicoli elettrici (EV).

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...