sabato, Maggio 18, 2024
HomeWorldIl governo israeliano chiude Al Jazeera TV

Il governo israeliano chiude Al Jazeera TV

Dipendenti di Al-Jazeera nella sede di Gerusalemme nel 2017. Foto: AHMAD GHARABLI / AFP

Il canale televisivo Al Jazeera è stato tolto dalle trasmissioni in Israele dopo che la leadership del Paese ha annunciato la decisione di chiudere l’emittente domenica.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che il suo governo ha deciso di chiudere il canale di notizie con sede in Qatar, con il quale la sua amministrazione ha una lunga faida.

Il governo ha “deciso all’unanimità: il canale di incitamento Al Jazeera sarà chiuso in Israele”, ha dichiarato Netanyahu su X, ex Twitter, domenica.

“Non ci sarà libertà di parola per i trombettieri di Hamas in Israele”, ha dichiarato il ministro delle Comunicazioni Shlomo Karhi in una dichiarazione congiunta separata con Netanyahu.

Al Jazeera sarà chiusa immediatamente e le attrezzature saranno confiscate”

Karhi ha emesso un ordine di sequestro dei dispositivi “utilizzati per fornire i contenuti del canale”, tra cui apparecchiature di editing e di routing, telecamere, microfoni, server e computer portatili, nonché apparecchiature di trasmissione wireless e alcuni telefoni cellulari.

Reagendo alla decisione di domenica, il network di notizie ha condannato la mossa come “criminale” e ha accusato Israele di violare i diritti umani.

“Condanniamo e denunciamo questo atto criminale da parte di Israele che viola il diritto umano di accedere alle informazioni”, ha dichiarato l’azienda in una dichiarazione in arabo su X, ex Twitter.

Walid Al-Omari, responsabile degli uffici di Al Jazeera in Israele e nei Territori palestinesi occupati, ha reagito alla decisione affermando che essa fa seguito a “una campagna in cerca di facili vittorie da parte di ministri dell’estrema destra israeliana”.

Ha dichiarato che l’emittente è stata informata della “chiusura degli uffici di Al Jazeera Channel che operano all’interno dei confini di Israele” e della confisca dei suoi dispositivi di trasmissione.

Anche le trasmissioni sui siti web di Al Jazeera saranno limitate, ha aggiunto, aggiungendo che le limitazioni non si applicheranno legalmente alla Cisgiordania occupata da Israele. Non si applicheranno nemmeno alla Striscia di Gaza, da dove Al Jazeera trasmette ancora in diretta la guerra di Israele contro Hamas.

Reportage di guerra

La decisione di domenica arriva dopo che il mese scorso il parlamento israeliano ha approvato a larga maggioranza una nuova legge sulla sicurezza nazionale che conferisce ai ministri il potere di vietare le trasmissioni di canali stranieri ritenuti una minaccia per la sicurezza nazionale e di chiudere i loro uffici.

Poco dopo l’approvazione della legge, Netanyahu ha preso di mira Al Jazeera, che si autodefinisce “il primo canale di notizie indipendente del mondo arabo”.

Il governo di Netanyahu ha avuto una lunga faida con la rete di notizie che precede la guerra di Israele contro Hamas a Gaza.

Il canale trasmette in arabo e in inglese.

La faida si è inasprita a causa delle critiche israeliane alla copertura da parte del canale della guerra iniziata con l’attacco senza precedenti di Hamas contro Israele del 7 ottobre, che ha provocato la morte di oltre 1.170 persone, per lo più civili, secondo un conteggio dell’AFP sui dati ufficiali israeliani.

Giurando di distruggere Hamas, l’offensiva di rappresaglia di Israele ha ucciso almeno 34.683 persone a Gaza, soprattutto donne e bambini, secondo il ministero della Sanità del territorio gestito da Hamas.

Secondo il Committee to Protect Journalists, almeno 97 giornalisti e operatori dei media sono stati uccisi dall’inizio della guerra, segnando “il periodo più letale per i giornalisti” dal 1992, quando il gruppo ha iniziato a raccogliere dati.

A gennaio, Israele ha dichiarato che un giornalista dello staff di Al Jazeera e un freelance uccisi in un attacco aereo a Gaza erano “operatori del terrorismo”.

Il mese successivo, ha accusato un altro giornalista del canale, ferito in un altro attacco, di essere un “vice comandante di compagnia” di Hamas.

Al Jazeera ha negato con forza le accuse di Israele, accusandolo di prendere sistematicamente di mira i suoi dipendenti nella Striscia di Gaza.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE