martedì, Aprile 23, 2024
HomeWorldIl bilancio degli attentati a Mosca sale a 143 morti: le autorità

Il bilancio degli attentati a Mosca sale a 143 morti: le autorità

Il personale dei servizi di emergenza sgombera le macerie della sala concerti Crocus City Hall bruciata a Krasnogorsk, fuori Mosca.

Il bilancio delle vittime dell’attacco a una sala concerti di Mosca, rivendicato da estremisti islamici, è salito mercoledì a 143, secondo le autorità russe.

Le autorità hanno elencato i nomi dei morti sul sito del Ministero russo per la difesa civile e le situazioni di emergenza cinque giorni dopo l’attacco di venerdì scorso, il più letale finora rivendicato dallo Stato Islamico sul suolo europeo e il peggiore in Russia in due decenni.

Nel pomeriggio di mercoledì, 80 persone ferite nell’attacco, tra cui sei bambini, sono rimaste in ospedale, ha dichiarato l’agenzia di stampa TASS citando il ministro della Sanità russo Mikhail Murashko.

Una fonte medica anonima ha detto alla TASS che 205 persone hanno ricevuto cure ambulatoriali.

Il giorno precedente, il vice primo ministro russo Tatiana Golikova aveva dichiarato ai giornalisti che molte persone sotto shock non erano inizialmente tornate in ospedale per essere curate.

Venerdì scorso, alcuni uomini armati hanno aperto il fuoco nella sala concerti Crocus City vicino a Mosca, incendiando anche il locale.

Quattro sospetti attentatori – tutti provenienti dal Tagikistan, secondo i media statali russi – sono in arresto insieme a diversi presunti complici.

Un tribunale di Mosca ha ordinato che gli uomini siano tenuti in custodia cautelare fino al 22 maggio, data che potrebbe essere prorogata fino al processo completo.

La Russia ha dichiarato sabato di aver arrestato 11 persone in relazione all’attacco. Non sono state fornite informazioni sugli altri sette.

L’attacco è stato rapidamente rivendicato dallo Stato Islamico, anche se Mosca ha ripetuto la sua linea iniziale di un collegamento con l’Ucraina.

Kiev respinge ogni coinvolgimento.

Da alcuni anni la Russia è un obiettivo dello Stato Islamico a causa del suo ruolo nella repressione dei disordini nelle regioni a maggioranza musulmana e del suo sostegno al regime nella guerra civile siriana.

Lunedì, tre giorni dopo l’attentato, il Presidente Vladimir Putin ha ammesso per la prima volta che i presunti uomini armati erano islamisti radicali, ma ha continuato a insistere sul legame con l’Ucraina, affermando che gli autori erano diretti lì quando sono stati catturati a circa 150 chilometri dal confine.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Questo architetto ha lasciato il suo lavoro “tossico” per lottare per il patrimonio di Malta

Patrick Calleja si sente libero ora che il suo lavoro "tossico" di architetto con l'Autorità di pianificazione è finito. Foto: Jonathan BorgPatrick Calleja si...