giovedì, Aprile 18, 2024
HomeLo sai cheEventiI pellegrini si allontanano da Gerusalemme nel "teso" Venerdì Santo

I pellegrini si allontanano da Gerusalemme nel “teso” Venerdì Santo

Scout portano una statua di Gesù Cristo durante la processione del Venerdì Santo nella Città Vecchia di Gerusalemme. Foto: AFP

La guerra a Gaza ha pesato come un macigno sul Venerdì Santo a Gerusalemme, con un minor numero di pellegrini cristiani che hanno percorso il cammino attraverso le mura della Città Vecchia che credono abbia portato Cristo alla sua crocifissione.

La sicurezza è stata massima negli stretti vicoli dove migliaia di palestinesi che osservano il mese di digiuno islamico del Ramadan si affollano per recarsi alla preghiera del venerdì nella moschea di Al-Aqsa, sempre a Gerusalemme est, annessa a Israele.

“È profondamente toccante essere qui il Venerdì Santo. C’è una profonda tristezza che si percepisce nell’aria, probabilmente accentuata da ciò che sta accadendo (a Gaza)”, ha detto l’australiano John Timmons, che ha notato di aver pensato due volte di venire.

La solenne processione che si snoda lungo la Via Dolorosa, o “Via della sofferenza”, è iniziata nel punto in cui i cristiani ritengono che Ponzio Pilato abbia condannato a morte Gesù e dove sono iniziate le sue agonie.

A meno di 200 metri di distanza, nella moschea di Al-Aqsa, il terzo sito più sacro dell’Islam, i fedeli sono stati chiamati a riflettere sulla sofferenza, questa volta di coloro che sono sotto i bombardamenti a Gaza.

“Dio sia con la nostra gente a Gaza”, ha detto l’imam mentre veniva recitata una preghiera islamica per i morti.

Mentre le parole del predicatore riecheggiavano nelle strade strette grazie a un altoparlante, il cattolico italiano Mario Tioti, 64 anni, ha detto che la santità di Gerusalemme ha superato tutte le tensioni e la politica.

“È un luogo molto speciale. Qui puoi sentire Dio e Cristo. Lui ha camminato qui”

I cattolici romani e i protestanti hanno celebrato la Settimana Santa questa settimana. Per le chiese ortodosse, il Venerdì Santo arriverà solo il 3 maggio.

Calpestando a piedi nudi le antiche pietre del selciato, vestito in abiti da cerimonia, l’americano James Joseph, residente da tempo a Gerusalemme e noto come “Jesus Guy”, ha paragonato la guerra di Gaza alla storia biblica della “strage degli innocenti”, quando il re Erode, nella sua furia, fece uccidere migliaia di bambini.

“La sofferenza che stanno vivendo queste persone innocenti (a Gaza e in Israele) è tragica, ma non per niente”, ha detto all’AFP presso la Chiesa del Santo Sepolcro, dove si dice che Cristo sia risorto dai morti.

Via Dolorosa palestinese

Joseph ha detto che il messaggio del Venerdì Santo è “Dio che trasforma la sofferenza in resurrezione. È misterioso… ma è morto per salvarci”

Per alcuni palestinesi diretti alla moschea di Al-Aqsa, arrivarci è stata la propria Via Dolorosa.

Linda Al-Khatib ha detto che la pesante sicurezza israeliana ha trasformato quello che normalmente è un viaggio di cinque minuti dal suo villaggio appena fuori Gerusalemme in un calvario di 45 minuti di controlli e barriere.

“Sono venuta a pregare perché è un giorno molto speciale, soprattutto durante il Ramadan. Ma sono molto triste, non ci sono molti visitatori e non c’è gente. Per tutto il tragitto ho avuto paura”, ha detto.

Una suora di origine indiana che vive a Betlemme da 13 anni ha dichiarato all’AFP che non è mai stato così “teso” o difficile entrare a Gerusalemme Est dalla Cisgiordania occupata a Pasqua.

Ma per alcuni la guerra che tiene lontani i turisti è un dono dall’alto.

“L’ultima volta che sono venuto c’erano folle e folle che cercavano di entrare nella tomba di Cristo. Sembrava Disneyland”, ha detto Timothy Curtiss dal Texas.

“Quest’anno si entra direttamente”

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...