sabato, Maggio 18, 2024
HomeWorldI laburisti britannici promettono di abbandonare il piano di deportazione del governo...

I laburisti britannici promettono di abbandonare il piano di deportazione del governo in Ruanda

Foto: AFP

Il principale partito laburista di opposizione della Gran Bretagna si è impegnato venerdì a eliminare il piano di rimpatrio del governo conservatore se dovesse salire al potere, sostituendolo con un approccio più duro e articolato per affrontare l’immigrazione irregolare.

Il primo ministro Rishi Sunak ha puntato la sua reputazione politica sul suo piano per “fermare i barconi”, spingendo il controverso piano di deportazione nonostante l’opposizione dei gruppi per i diritti e le sentenze giudiziarie.

I laburisti, che si prevede vinceranno le prossime elezioni generali alla fine di quest’anno dopo 14 anni di opposizione, hanno subito crescenti pressioni per dire cosa faranno se saranno eletti.

L’immigrazione è diventata una questione politica sempre più centrale da quando il Regno Unito ha lasciato l’Unione Europea nel 2020, in gran parte sulla base della promessa di “riprendere il controllo” dei confini del Paese.

Questa settimana Natalie Elphicke, deputata conservatrice di Dover, dove viene sbarcata la maggior parte delle piccole imbarcazioni, ha abbandonato il Labour, affermando che la politica del governo non sta funzionando.

In un discorso tenuto in città, il leader laburista Keir Starmer ha definito la politica “stop ai barconi” di Sunak un “espediente” inefficace, che non rappresenta né un deterrente né un rapporto qualità-prezzo.

Quest’anno più di 8.800 persone hanno già attraversato la Manica dal nord della Francia, mentre un arretrato nelle richieste di asilo ne ha lasciate circa 52.000 bloccate in alloggi temporanei del governo.

Il programma di deportazione del Ruanda, che Sunak spera di avviare a luglio, non affronta il problema, ha detto Starmer.

“Solo poche centinaia di persone rimosse, meno dell’uno per cento di coloro che attraversano il mare su piccole imbarcazioni ogni anno… per 600 milioni di sterline”, ha detto, definendola “politica dei gesti” per soddisfare la destra anti-immigrazione.

“Sostituiremo la politica del Ruanda in modo permanente”, ha dichiarato, promettendo un nuovo approccio alla sicurezza delle frontiere del Regno Unito, affrontando il problema “a monte” per stroncare le bande di trafficanti di esseri umani che si nascondono dietro gli attraversamenti.

una nuova forza d’élite

Al centro di questa politica ci sarà un nuovo Comando di sicurezza delle frontiere “d’élite”, composto da specialisti dell’immigrazione e delle forze dell’ordine, oltre che dal servizio di intelligence nazionale MI5.

Il denaro stanziato per il programma del Ruanda sarà riversato nella nuova forza.

Starmer, che ha supervisionato diversi casi di terrorismo e di contrabbando di droga di alto profilo durante il suo periodo di procuratore capo in Inghilterra e Galles, ha detto che i trafficanti di persone non sono “migliori dei terroristi”.

Sono necessari poteri più severi e preventivi per affrontarli, basati sulle leggi antiterrorismo, e una più stretta cooperazione con i vicini europei del Regno Unito, anche per quanto riguarda le indagini e le operazioni congiunte.

In un messaggio alle bande, ha detto: “Queste coste diventeranno un territorio ostile per voi… Vi troveremo, vi fermeremo e proteggeremo le vostre vittime… renderemo sicuri i confini della Gran Bretagna”

Con la Brexit, il Regno Unito ha perso la possibilità di rimpatriare i richiedenti asilo negli Stati membri dell’UE.

Alla domanda se i laburisti intendano rientrare nel programma, Starmer ha ammesso che l’accordo di Dublino deve essere sostituito “in una forma o nell’altra, in modo che ci possano essere dei rimpatri”.

Ma ha aggiunto che “questo non significa aderire al programma dell’UE”, poiché è ancora possibile rimpatriare i richiedenti asilo nel loro Paese d’origine.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE