sabato, Maggio 18, 2024
HomeWorldgraffiti "MeToo" spruzzati su un famoso dipinto di vagina di un maestro...

graffiti “MeToo” spruzzati su un famoso dipinto di vagina di un maestro francese

Centre Pompidou-Metz, dove il dipinto è attualmente esposto. Foto: Wikipedia

Lunedì due donne hanno scritto con lo spray la scritta “MeToo” su un dipinto del XIX secolo raffigurante la vagina di una donna, opera dell’artista francese Gustave Courbet, in una bravata di una performance artist, hanno dichiarato un museo e l’artista.

L’Origine del mondo, un dipinto di nudo del 1866, era protetto da una “lastra di vetro” e la polizia era sul posto per valutare il danno, ha dichiarato all’AFP il Centre Pompidou nella città nordorientale di Metz.

L’opera era stata prestata al Centre Pompidou-Metz dal Musee d’Orsay di Parigi nell’ambito di una mostra incentrata sullo psicanalista francese Jacques Lacan, che un tempo possedeva il dipinto.

Il procuratore di Metz Yves Badorc ha dichiarato che due donne nate nel 1986 e nel 1993 sono state arrestate dopo che cinque opere in totale, tra cui il nudo di Courbet, sono state imbrattate con la scritta “MeToo”.

Si ritiene che una terza persona – che non è stata arrestata – abbia rubato un’altra opera d’arte.

L’opera rubata – un ricamo rosso su materiale bianco dell’artista francese Annette Messager – si chiama I Think Therefore I Suck.

le donne sono l’origine del mondo

L’artista franco-lussemburghese Deborah de Robertis ha dichiarato all’AFP di aver organizzato la pittura spray in rosso, eseguita da altre due persone, come parte di una performance intitolata: You Don’t Separate the Woman from the Artist.

In un video inviato ad AFP dalla de Robertis, una donna etichetta il famoso dipinto di Courbet con vernice rossa e poi un’altra.

Poi cantano “MeToo” prima di essere trascinate via dagli addetti alla sicurezza.

La de Robertis ha spiegato di aver voluto “sfidare la storia dell’arte”, in particolare apponendo la scritta “MeToo” sul famoso dipinto “perché le donne sono l’origine del mondo”.

In una lettera aperta, la de Robertis ha denunciato il comportamento di sei uomini nel mondo dell’arte, descrivendoli come “predatori” e “censori”.

Ha affermato che le azioni erano una performance femminista, realizzata perché “il mondo molto chiuso dell’arte contemporanea è rimasto in gran parte silenzioso fino ad ora”.

L’artista ha detto che hanno preso di mira anche un’altra opera dell’artista austriaca Valie Export.

De Robertis aveva già un’opera esposta nel locale, una fotografia di una performance del 2014 al Museo d’Orsay in cui posava mostrando la sua vagina sotto il dipinto di Courbet.

un attacco alla cultura

Il ministro della Cultura Rachida Dati ha dichiarato che sono state prese di mira cinque opere.

agli “attivisti” che pensano che l’arte non sia abbastanza potente per portare un messaggio da sola… Un’opera d’arte non è un poster da colorare con il messaggio del giorno”, ha scritto su X, ex Twitter.

Il sindaco di Metz, Francois Grosdidier, ha condannato quello che ha definito “un nuovo attacco alla cultura, questa volta da parte di femministe fanatiche”.

Secondo il Musee d’Orsay, il nudo di Courbet apparteneva a un diplomatico turco-egiziano di nome Khalil Bey, una figura appariscente nella Parigi degli anni Sessanta dell’Ottocento che mise insieme una collezione d’arte che celebrava il corpo femminile prima di essere rovinato dai debiti di gioco.

L’opera apparteneva a Lacan prima di entrare nella collezione del museo nel 1995.

Nel 2020 un tribunale francese ha condannato la de Robertis a pagare una multa di 2.000 euro (2.150 dollari) per essere apparsa nuda nel 2018 davanti a una grotta nella città di Lourdes, nel sud-ovest della Francia, luogo di pellegrinaggio cattolico per coloro che credono che la Vergine Maria vi sia apparsa.

Un caso contro di lei è stato archiviato nel 2017 dopo che aveva mostrato la sua vagina davanti alla Monna Lisa di Leonardo da Vinci al Museo del Louvre nella capitale francese.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE