venerdì, Marzo 1, 2024
HomeWorldFrancia, continuano le proteste contro la riforma pensionistica

Francia, continuano le proteste contro la riforma pensionistica

La proposta di riforma del sistema pensionistico francese, che ha scatenato massicce proteste e scioperi dall’inizio dell’anno, sarà sottoposta al voto del Parlamento nella giornata di oggi, in un momento decisivo per il presidente Emmanuel Macron.

Il Senato e la Camera bassa dell’Assemblea Nazionale si riuniranno per votare la legge che prevede l’innalzamento dell’età pensionabile a 64 anni, e il governo di minoranza di Macron dipenderà dal partito d’opposizione dei Repubblicani (LR) per il sostegno.

Dopo mesi di negoziati, “tutti vogliono un momento di verità”, ha dichiarato all’AFP un alto esponente del partito Renaissance di Macron a condizione di anonimato. Ha ammesso che c’è il rischio di “perdere”.

Il sostegno sembra quasi certo al Senato, ma sarà più difficile trovare una maggioranza nell’Assemblea, che è molto frammentata, e il margine finale di vittoria o di sconfitta potrebbe ridursi a una manciata di voti.

“Nel mio gruppo, così come nel partito di governo, ci sono alcuni parlamentari che non vogliono votare per questa riforma”, ha ammesso ieri in serata Olivier Marleix, il più alto legislatore del partito repubblicano all’Assemblea.

Il governo ha sostenuto che l’innalzamento dell’età pensionabile, l’abolizione dei privilegi per alcuni lavoratori del settore pubblico e l’inasprimento dei criteri per ottenere una pensione completa sono necessari per evitare l’accumulo di gravi deficit.

I sindacati hanno guidato la resistenza a questa riforma fin dall’inizio dell’anno, organizzando alcune delle più grandi manifestazioni degli ultimi decenni, che hanno raggiunto il culmine martedì scorso, giornata in cui si stima che circa 1,28 milioni di persone siano scese in piazza.

Secondo i sindacati, con la riforma verranno penalizzate le persone a basso reddito che svolgono lavori manuali e che tendono a iniziare presto la loro carriera, costringendole a lavorare più a lungo rispetto ai laureati, meno colpiti dai cambiamenti.

Lo sciopero per la raccolta dei rifiuti

Lo sciopero a oltranza degli addetti alla raccolta dei rifiuti a Parigi nell’ultima settimana ha visto accumularsi per le strade circa 7.000 tonnellate di rifiuti non raccolti, attirando i topi e spaventando così i turisti.

Lo sciopero, che interessa circa la metà dei quartieri della città, è stato prorogato fino al 20 marzo e la società privata di nettezza urbana Derichebourg ha effettuato raccolte di emergenza in alcune delle aree più colpite.

Ma ieri, Derichebourg ha dichiarato che avrebbe smesso di intervenire dopo le minacce degli scioperanti “di bloccare le entrate e le uscite del nostro sito se avessimo continuato le raccolte per motivi sanitari, che sono legali e contrattuali”, ha dichiarato all’AFP il dirigente dell’azienda Thomas Derichebourg.

Sebbene il Ministro degli Interni Gerald Darmanin abbia esortato le autorità cittadine di Parigi a ordinare ai lavoratori di tornare al lavoro per motivi igienico-sanitari, il sindaco socialista Anne Hidalgo ha rifiutato, ritendendo “giuste” le proteste.

Altrove, i lavoratori del sindacato CFE-CGC nel sud della Francia hanno affermato di aver interrotto la fornitura di elettricità a un’isola presidenziale nel Mediterraneo utilizzata da Macron per le sue vacanze estive.

Nelle ultime sei settimane gli scioperi hanno interessato anche treni, scuole, servizi pubblici e porti.

I sondaggi d’opinione mostrano che due terzi dei francesi sono contrari alla riforma delle pensioni e sostengono il movimento di protesta.

Se oggi il Primo Ministro Elisabeth Borne non dovesse riuscire a trovare una maggioranza praticabile in Parlamento, potrebbe ricorrere all’articolo 49.3 della Costituzione, che le permetterebbe di far passare la legge senza un voto.

Secondo gli analisti, tuttavia, imporre la legge per decreto priverebbe lei e Macron della legittimità democratica e esporrebbe il governo a un voto di fiducia, che potrebbe perdere.

“Non vogliamo il 49,3”, ha dichiarato domenica il portavoce del governo Olivier Veran. “Vogliamo un voto positivo per questa legge

Macron ha incontrato Borne e gli alti ministri nella serata di ieri per discutere la strategia in vista di un voto che potrebbe rappresentare un punto di svolta per il suo secondo mandato.

Se la riforma verrà votata, l’incognita è se i sindacati e i manifestanti continueranno le loro proteste e i loro scioperi, o se il movimento si spegnerà, come si è già visto in precedenti situazioni di stallo con i sindacati.

“È un ultimo grido della popolazione attiva per dire che non vogliamo andare in pensione a 64 anni”, ha detto ai giornalisti il capo del sindacato CFDT, Laurent Berger, mentre si univa a una marcia durante le proteste nazionali di ieri.

Le implicazioni politiche del voto di una riforma osteggiata dalla maggior parte della popolazione sono incerte anche per Macron e per il Paese in generale.

La leader dell’estrema destra Marine Le Pen e il populista di sinistra Jean-Luc Melenchon sperano di sfruttare l’impopolarità di Macron, contro il quale hanno perso alle elezioni presidenziali dello scorso anno.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Analisi finanziaria: gli utili di HSBC salgono a un nuovo livello record

Grafico: Rizzo, Farrugia & Co. (agenti di cambio) LtdLa scorsa settimana la stagione degli utili a Malta è iniziata in modo molto positivo, con...