sabato, Maggio 18, 2024
HomeWorldDue ottuagenari britannici accusati per la trovata della Magna Carta

Due ottuagenari britannici accusati per la trovata della Magna Carta

Un’immagine ricevuta dal gruppo della campagna per il clima Just Stop Oil mostra le attiviste Reverendo Sue Parfitt (R) e Judy Bruce che reggono uno striscione. Foto: Handout / Just Stop Oil / AFP

Due attivisti ambientalisti ottantenni sono stati accusati di danneggiamento criminale dopo essersi incollati a una teca di vetro contenente lo storico documento della Magna Carta presso la British Library nel centro di Londra, ha dichiarato sabato la polizia.

Il sacerdote anglicano Sue Parfitt, 82 anni, e l’insegnante in pensione Judy Bruce, 85 anni, hanno esposto un cartello con la scritta “Il governo sta violando la legge” dopo essersi attaccate alla teca venerdì, secondo quanto riportato da Just Stop Oil.

La polizia londinese ha dichiarato che le due donne sono state accusate di danni penali e rilasciate su cauzione.

La British Library ha dichiarato che il danno alla teca di vetro è stato “minimo”.

“La Magna Carta in sé non è stata danneggiata”, ha dichiarato, aggiungendo che la galleria che ospita l’esposizione rimarrà chiusa fino a nuovo avviso.

La Magna Carta è considerata un precursore della democrazia e la base dei sistemi legali di tutto il mondo e delle convenzioni sui diritti umani.

Risalente al giugno 1215, la Grande Carta – considerata uno dei documenti più importanti al mondo – mise per la prima volta per iscritto il principio che il re e il suo governo non erano al di sopra della legge.

Le due donne compariranno davanti ai magistrati di Londra il 20 giugno.

Just Stop Oil vuole che il governo britannico ponga fine a tutte le nuove esplorazioni di petrolio e gas e ha promesso di non abbandonare le sue proteste finché non lo farà.

Activists Reverend Sue Parfitt (L), and Judy Bruce using a hammer and chisel in an attempt to break the glass case protecting the copy of the Magna Carta in the British Library's Treasures Gallery in London. Photo: Handout/Just Stop Oil/AFPLe attiviste Reverenda Sue Parfitt (L) e Judy Bruce usano martello e scalpello nel tentativo di rompere la teca di vetro che protegge la copia della Magna Carta nella Treasures Gallery della British Library a Londra. Foto: Handout/Just Stop Oil/AFP
RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE