giovedì, Aprile 18, 2024
HomeBusinessTecnologiaCrescono gli appelli per un'infanzia "senza smartphone" nel Regno Unito

Crescono gli appelli per un’infanzia “senza smartphone” nel Regno Unito

I genitori si sono uniti in una campagna per un’infanzia senza smartphone. Foto: Shutterstock

È la domanda che molti adulti temono venga posta dai loro figli: quando potrò avere uno smartphone? Ma mentre crescono i timori per l’impatto dei gadget sulle giovani menti, alcuni genitori britannici si stanno opponendo.

La sfida è stata lanciata da Daisy Greenwell, madre di tre figli, dopo che una conversazione casuale all’uscita della scuola l’ha spinta ad agire.

Greenwell, che da tempo rifletteva in privato sulla questione con un’amica intima, si è sentita dire da un’altra madre che suo figlio di 11 anni aveva già uno smartphone, così come un terzo della classe del ragazzo.

“Questa conversazione mi ha riempito di terrore. Non voglio dare a mia figlia qualcosa che so che danneggerà la sua salute mentale e la renderà dipendente”, ha scritto su Instagram.

“Ma so anche che la pressione per farlo, se il resto della sua classe ne avrà uno, sarà enorme”, ha aggiunto la giornalista di Woodbridge, nell’Inghilterra orientale.

Il post di febbraio ha scatenato un’ondata di reazioni da parte dei genitori, anch’essi presi dall’ansia di fornire ai propri figli un dispositivo che temono possa aprirli ai predatori, al bullismo online, alla pressione sociale e ai contenuti dannosi.

Greenwell e la sua amica Clare Reynolds hanno lanciato la campagna Parents United for a Smartphone Free Childhood.

Le ricerche accademiche, combinate con le esperienze dei genitori stessi, hanno creato un senso di timore nei confronti della richiesta di un telefono da parte del bambino.

Allo stesso tempo, i genitori dicono di sentirsi impotenti a rifiutare, dato che i telefoni per i bambini in età scolare sono “normalizzati”, presumibilmente per motivi di sicurezza.

una “valanga

Il ministro delle scuole britannico Damian Hinds ha dichiarato di recente a una commissione parlamentare che quasi tutti gli alunni ricevono un telefono cellulare all’età di 11 o 12 anni.

“Sembra che ci sia una sorta di rito di passaggio”, ha detto ai parlamentari, aggiungendo che alcuni bambini lo hanno ricevuto “molto prima”.

Dopo che la Greenwell ha finalmente affrontato l’argomento su Instagram, un gruppo WhatsApp da lei creato per discutere il problema con Reynolds si è rapidamente riempito di genitori che la pensavano come lei, sollevati dal fatto che altri la pensassero come lei.

Poi la reazione è “esplosa”, ha aggiunto.

Greenwell ha detto che ora c’è un gruppo in ogni area del Paese e alcuni gruppi di lavoro per le persone con competenze professionali sul tema.

“Abbiamo un gruppo per l’istruzione che riunisce molti presidi di tutto il Paese”, ha aggiunto.

“Stanno discutendo su come diffondere questo sistema, su come aiutare i genitori e le scuole a collaborare e a impedire che le persone ottengano uno smartphone in età così giovane”

Altri gruppi di lavoro sono composti da persone “davvero competenti ed esperte nei loro campi”, tra cui un gruppo di difesa per parlare di cambiamenti politici.

Tra le persone che si sono iscritte ci sono un direttore politico di un’azienda tecnologica e un collaboratore dell’ufficio del Primo Ministro Rishi Sunak al numero 10 di Downing Street.

“Sono persone che conoscono davvero bene la situazione”, ha detto.

Infanzia ricablata

Molte delle preoccupazioni dei genitori trovano eco nel libro appena pubblicato dallo psicologo sociale statunitense Jonathan Haidt, “La generazione ansiosa”.

Haidt sostiene che la “completa trasformazione dell’infanzia che ha avuto luogo tra il 2010 e il 2015”, quando gli smartphone hanno preso piede, ha portato a un “grande ricablaggio dell’infanzia”.

Haidt collega l’ascesa dell'”infanzia basata sul telefono”, la continua supervisione da parte degli adulti e la perdita del “gioco libero” all’aumento delle malattie mentali nei giovani.

“Le cose stavano andando sempre meglio per quanto riguarda la salute mentale e poi tutto è andato in tilt nel 2013… dobbiamo sostanzialmente togliere lo smartphone dalla vita dei bambini”, ha affermato.

Secondo i dati dell’American College Health Association evidenziati da Haidt, dal 2010 la percentuale di laureandi statunitensi a cui è stata diagnosticata l’ansia è aumentata del 134%, mentre il numero di quelli a cui è stata diagnosticata la depressione ha subito un’impennata del 104%.

Un quadro simile è emerso, secondo Haidt, anche in tutti i principali Paesi di lingua inglese e in molti altri Paesi europei.

Haidt raccomanda di non utilizzare gli smartphone prima dei 14 anni e di non utilizzare i social media prima dei 16 anni.

È fondamentale che i genitori agiscano insieme per evitare di cedere quando un bambino “ci spezza il cuore” dicendoci che è escluso dal suo gruppo di coetanei perché è l’unico a non avere un telefono.

“Queste cose sono difficili da fare come genitori. Ma se lo facciamo tutti insieme, se anche solo la metà di noi lo fa insieme, allora diventa molto più facile per i nostri figli”, ha detto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...