Rivalità tra fratelli: gli atleti delle piccole nazioni che si mantengono in famiglia

Quando la scorsa settimana il Team Malta ha festeggiato la sua vittoria da record ai Giochi dei Piccoli Stati d’Europa, 14 coppie di fratelli e sorelle sono tornati a casa con le medaglie.

Tra loro c’era un’intera famiglia – Colette, Kijan e Lijana Sultana – che dovrà trovare spazio nella bacheca dei trofei per il suo bottino di cinque ori, due argenti e un bronzo.

Mia sorella ̬ la mia migliore amica e il mio modello di riferimentoРLa velocista Janet Richard

Anche due coppie di sorelle si sono unite all’esclusivo gruppo.

La velocista Janet Richard ha portato a casa un doppio oro, mentre la sorella maggiore Jacqueline ha vinto l’argento nel rugby a sette. Tra i tripli ori di Gina McNamara c’è anche quello degli 800 metri, pochi secondi prima che la sorella Clare conquistasse il bronzo.

Jacqueline e Janet Richard

Janet (left) and Jacqueline (right) holding their GSSE 2023 medals. Photo: Janet Richard
Janet (a sinistra) e Jacqueline (a destra) con in mano le medaglie del GSSE 2023. Foto: Janet Richard

Da bambine, cresciute a Birkirkara, le sorelle Richard giocavano insieme a basket, ma Jacqueline è sempre riuscita a trasformare questo sport senza contatto in qualcosa di più fisico.

“Ricordo che giocavamo nella stessa squadra, ma in qualche modo riusciva ad afferrarmi e a lanciarmi dall’altra parte del campo”, racconta Janet, “Non so se sia una cosa tra sorelle o se abbia mostrato i primi segni di essere una giocatrice di rugby!”.

Caption: Janet (left) and Jacqueline (right) during their time at Sacred Heart, St Julian’s. Photo: Janet Richard
Janet (a sinistra) e Jacqueline (a destra) durante il periodo trascorso al Sacro Cuore, St Julian’s. Foto: Janet Richard

Entrambe hanno iniziato la loro carriera sportiva nell’atletica, ma l’ex saltatrice in lungo Jacqueline, 25 anni, ha scelto il rugby a sette, conquistando quest’anno una medaglia d’argento con la squadra di Malta.

La sorella ventiquattrenne ha sbaragliato la concorrenza e ha portato a casa due ori, per i 400m sprint in solitaria e per la staffetta 4x100m femminile. Ha anche ottenuto un bronzo nei 200m sprint femminili.

Anche se è difficile coordinarsi, dato che ognuna si allena con i propri allenatori e le proprie squadre, le sorelle cercano di trovare spazi in palestra insieme ogni volta che possono.

“Mia sorella è la mia migliore amica e il mio modello, spero di diventare la donna che è lei un giorno e sono così fortunata ad averla nella mia vita”, dice Janet.

Entrambe competitive, Janet afferma che una vittoria per una è una vittoria per entrambe.

Jacqueline (left) and Janet (right) during one of their gym workouts together. Photo: Janet Richard
Jacqueline (a sinistra) e Janet (a destra) durante uno dei loro allenamenti in palestra. Foto: Janet Richard

“Vogliamo solo che l’altra abbia successo in tutti gli aspetti della vita”.

Vincere l’oro sul suolo patrio è uno dei punti salienti della sua carriera: la detentrice del record nazionale descrive le sue gare come “momenti da brivido”.

Attualmente sta studiando per conseguire un master in psicologia infantile, Janet ha dichiarato che il premio in denaro – 20.000 euro in totale per i due ori – sarà destinato alle tasse universitarie.

Clare e Gina McNamara

Gina McNamara carrying sister Clare just after their race where they finished first and third respectively. Photo: Keith Zahra
Gina McNamara con la sorella Clare in braccio subito dopo la gara in cui si sono classificate rispettivamente prima e terza. Foto: Keith Zahra

Quando le sorelle McNamara si sono allineate lungo la linea di partenza curva degli 800 metri ai Giochi, per entrambe è stata la prima volta.

“In realtà non ci eravamo mai affrontate prima di questo evento”, dice Gina, “quindi poter condividere questa esperienza con lei, ed entrambe [guadagnare una] medaglia, è qualcosa che credo ricorderemo a lungo”.

Mentre la ventottenne ha conquistato l’oro nella gara di lunga distanza, la sorella ventunenne Clare l’ha preceduta di soli quattro secondi, aggiudicandosi il bronzo.

Gina ha vinto anche l’oro nelle gare dei 1.500 m e dei 5.000 m.

Clare (right) supporting her older sister Gina (centre) at an event. Photo: McNamara Family
Clare (a destra) sostiene la sorella maggiore Gina (al centro) durante un evento. Foto: Famiglia McNamara

“È diverso affrontare una gara quando sai che c’è un tuo fratello”, dice Gina, “c’è sempre un piano di gara, ma quando c’è la tua famiglia con te, vuoi fare tutto il possibile per ottimizzare il risultato per entrambi”.

Da bambine, le sorelle statunitensi, di origine maltese, giocavano “un sacco di sport da cortile” come calcio, cattura la bandiera e basket con i vicini.

Durante l’allenamento per gli 800 metri, le McNamaras hanno discusso diverse strategie e scenari di gara.

La loro preparazione ha funzionato quando la gara è iniziata lentamente, segno che il vincitore sarebbe stato deciso da un veloce sprint finale di 150 metri che ha permesso a Clare di “infilarsi ed eseguire perfettamente” per un terzo posto finale, racconta Gina.

“Trovarla dopo la gara, portare la bandiera e correre lungo il rettilineo per vedere la nostra famiglia è un ricordo che credo porteremo con noi per molto tempo”.

Colette, Kijan e Lijana Sultana

From left: Colette, Lijana and Kijan Sultana at the 2018 Australian Junior Open. Photo: Robert Sultana
Da sinistra: Colette, Lijana e Kijan Sultana agli Australian Junior Open 2018. Foto: Robert Sultana

Un nome familiare all’interno della scena dello squash, i fratelli Sultana si sono ritrovati tutti in campo con i membri della famiglia in diversi momenti delle partite.

Colette, 27 anni, Kijan, 19 anni, e Lijana, 16 anni, hanno portato a casa un totale di cinque ori, due argenti e un bronzo tra singoli, squadre, doppi pari e doppi misti.

Hanno partecipato a quasi tutti gli eventi di squash offerti dai giochi.

“È stata una grande esperienza giocare una finale tutta maltese sul suolo di casa, con così tanto sostegno”, ha detto Lijana a proposito della sua partita contro la squadra di coppia.

Lijana ha raccontato del suo incontro con la sorella maggiore Colette nella finale del singolare femminile.

Anche se Lijana ha perso l’incontro e ha portato a casa l’argento, ha detto che non aveva alcuna aspettativa perché, a prescindere dal risultato, è stata una vittoria orgogliosa per le sorelle.

Le tre sorelle si allenano tutte al Daisy Hill Club di Brisbane, in Australia, e di tanto in tanto si allenano insieme.

Nonostante si allenino insieme, la finale del singolare femminile è stata la prima volta che Colette e Lijana si sono affrontate in una competizione, dato che la loro distanza di 11 anni le vede solitamente gareggiare in tornei diversi.

Dopo aver perso contro la sorella, Lijana e Colette hanno poi unito le forze nel doppio femminile per conquistare l’oro.

U15 champion Kijan Sultana with his sister and U13 champion Lijana in 2017. Photo: Robert Sultana
Il campione U15 Kijan Sultana con la sorella e campionessa U13 Lijana nel 2017. Foto: Robert Sultana

“È stata una sensazione ancora più bella sapere che ho vinto la medaglia insieme a mia sorella e a mio fratello, che hanno vinto il doppio maschile lo stesso giorno”.

Colette ha iniziato a giocare a squash all’età di nove anni al Marsa Sports Club e ha continuato a praticarlo anche quando si è trasferita nel Regno Unito, negli Stati Uniti e, più recentemente, in Australia.

La famiglia ha seguito le orme del padre: Robert Sultana è segretario della Malta Squash Association.

Parlando della sua vittoria contro la sorella molto più giovane, Colette ha detto che l’esperienza è stata agrodolce.

“Tutto ciò che desidero per loro è il successo ma, in questa fase, ho giocato al meglio e ho vinto e ne sono anche orgogliosa perché li rispetto come avversari forti e formidabili”, ha detto.

“La cosa più rispettosa da fare è competere e rispettarli in questo modo”.

Festeggiamenti per la squadra di Malta

Gli atleti del contingente maltese dei Giochi dei Piccoli Stati d’Europa del 2023 incontreranno i loro fan in occasione di un evento che si terrà in Piazza della Castiglia mercoledì 14 giugno alle ore 19.30.

Gli artisti Amber e Aiden saranno affiancati sul palco dai popolari DJ Ziggy e David in un evento per celebrare il record di 38 medaglie d’oro, 30 d’argento e 29 di bronzo del Team Malta, che ha visto Malta classificarsi al primo posto tra i nove Paesi partecipanti.