martedì, Maggio 28, 2024
HomeSportCalcioEx capitano dichiara: il sistema calcistico di Malta è "fallito e obsoleto"

Ex capitano dichiara: il sistema calcistico di Malta è “fallito e obsoleto”

Secondo André Schembri, la squadra nazionale di calcio maltese ha spesso risultati abissali perché i suoi giocatori sono allenati con un sistema “obsoleto e fallimentare” di 40 anni fa.

Alla base degli scarsi risultati c’è un sistema che da decenni allena male i ragazzi, ha detto l’ex capitano maltese.

L’ex capitano maltese è stato contattato in seguito alla sconfitta per 4-0 subita in casa dall’Inghilterra venerdì scorso, con la nostra nazionale che non è riuscita a fare nemmeno un tiro in porta.

Ma Schembri ha detto che spesso si punta ingiustamente il dito contro giocatori e allenatori.

“Sono solo vittime di un sistema di allenamento obsoleto e fallimentare che ha bisogno di una revisione“, ha detto.

“Non mi aspetto che la squadra maltese demolisca la nazionale inglese con quattro o cinque gol, ma mi aspetto che la nostra squadra riesca almeno a superare la linea centrale o a fare qualche tiro in porta. Dovremmo almeno essere in grado di fare una prestazione sufficiente per dare ai maltesi la gioia di vederci giocare”.

Schembri, 37 anni, ha capitanato la nazionale per circa quattro anni prima di ritirarsi. In passato aveva espresso pubblicamente la sua frustrazione per l’incapacità dei giocatori maltesi di tenere il passo con le controparti internazionali e aveva chiesto un “rimpasto” dell’intero sistema.

“Dovremmo, almeno, essere in grado di fare prestazioni sufficienti per dare al popolo maltese un po’ di gioia nel vederci giocare”.

Quando Malta perse 2-0 contro l’Inghilterra allo stadio di Wembley nell’ottobre 2016, aveva detto a un giornalista maltese che avrebbe dovuto fare domande sulle sconfitte alla Malta Football Association e non ai giocatori.

“Cosa si aspetta che le diciamo noi giocatori? Che abbiamo perso di nuovo? Di questo passo, probabilmente tra 20 anni sarai qui a fare la stessa domanda a qualche altro giocatore che dirà la stessa cosa: che abbiamo perso di nuovo. È triste che non siamo nemmeno in grado di creare un contropiede“, ha detto.

Schembri ha capitanato Malta quando ha affrontato nuovamente l’Inghilterra nel settembre 2017, questa volta nelle qualificazioni alla Coppa del Mondo a Ta’ Qali, con la squadra di casa che ha perso di nuovo per 4-0.

Bambini non adeguatamente formati


Schembri ha affermato che il problema principale è che non esistono una metodologia e una filosofia distinte per affrontare il calcio a livello di base.

Il calcio maltese ha bisogno di un piano e di una metodologia a lungo termine che tenga conto del suo panorama calcistico. Poiché questa metodologia non esiste, gli allenatori non hanno un programma da seguire e quindi le priorità di allenamento cambiano di stagione in stagione e non seguono uno schema necessario per uno sviluppo ottimale. Il curriculum di allenamento dovrebbe essere il processo e non l’allenatore, ha detto.

Di conseguenza, tra i cinque e i dodici anni, ai bambini non vengono insegnate le abilità più basilari e fondamentali che possono poi essere sviluppate durante la crescita.

“Immaginate di non avere un programma scolastico e che gli insegnanti siano costretti a insegnare in base ai loro capricci. Alcuni bambini cresceranno cercando di imparare l’algebra quando non gli è mai stata insegnata correttamente l’addizione e la sottrazione”, ha detto.

“Il calcio non è un gioco di pensiero. È un gioco di abitudine. Il gioco è diventato così veloce che nessun calciatore in campo ha il tempo di pensare a cosa fare con la palla. I nostri giocatori devono acquisire buone abitudini tattiche fin da giovani, in modo che il gioco diventi una seconda natura per loro quando crescono e affrontano giocatori internazionali che sono già stati educati con questo tipo di allenamento.

“Nessun uomo d’affari può fare buoni affari senza avere come seconda natura il concetto di addizione e sottrazione“.

Tutto ciò che non si impara da piccoli nel calcio, non si impara da grandi.
Questo è stato probabilmente il motivo per cui i giocatori maltesi sono sembrati in gran parte incapaci di effettuare passaggi efficaci e di mantenere il possesso palla venerdì, non perché non abbiano talento, ma perché sono poco allenati a queste tattiche di base.

“E tutto ciò che non si impara da piccoli nel calcio, non si impara da grandi. Il cambiamento deve avvenire all’inizio. Altrimenti è inutile investire nella vecchia generazione di giocatori”, ha detto.

Inoltre, i vivai sono in gran parte fedeli al loro nome, agendo solo come asili – luoghi in cui i bambini vengono mandati per essere accuditi e non luoghi in cui i bambini ricevono una buona educazione che li aiuta a crescere, ha detto.

Poiché gli allenatori rimangono sottopagati, sono pochi i professionisti che spiegano ai genitori che cosa è veramente necessario perché i loro figli si trasformino in buoni giocatori.

‘La scusa del piccolo Paese non è una scusa’


Nel tentativo di consolarsi durante il fine settimana, molti tifosi di calcio maltesi sui social media hanno affermato che la squadra maltese non si è comportata così male, considerando che stava giocando contro i vice-campioni d’Europa con una squadra contenente giocatori che avevano appena vinto la Champions League la settimana precedente.

Ma Schembri ha detto che non c’è nulla di cui essere orgogliosi. Sebbene non si aspettasse che la squadra maltese vincesse, si aspettava almeno una prestazione più dignitosa e qualche tiro in porta.

“Il fatto che siamo piccoli non è una scusa. Ho giocato a calcio all’estero per più di 13 anni e, credetemi, noi maltesi abbiamo tutte le carte in regola per essere all’altezza delle grandi squadre.

“Siamo soliti dire che andiamo male perché siamo un Paese piccolo, ma questa teoria è stata invalidata dall’Islanda, un Paese con una popolazione inferiore alla nostra che è arrivato ai Mondiali del 2018 e ha stupito tutti con le capacità dei suoi giocatori, tutti professionisti all’estero.

“È lì che dobbiamo puntare. Lo dico da tempo perché ci sono stato e, a un certo punto, ci si stanca di perdere”, ha detto Schembri, che ha giocato in diversi campionati europei.

Schembri ha cercato di mettere alla prova le sue teorie nella sua accademia di calcio, che ha lanciato di recente, gestendo un sistema che cerca di cambiare la formazione calcistica a livello di base per fornire agli allenatori un curriculum per una formazione calcistica più strutturata e per aiutare a educare i genitori e guidare gli amministratori dell’accademia in una visione a lungo termine per i giovani atleti.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...