giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaUna donna fa causa allo Stato per il congelamento dei beni per...

Una donna fa causa allo Stato per il congelamento dei beni per 20 anni

Il governo ha recentemente modificato la legge relativa agli ordini di congelamento, limitandoli alla somma ricavata dal reato in questione. Foto: Matteo Mirabelli

Una donna la cui vita è stata “paralizzata” quando i suoi beni sono stati congelati per più di 20 anni, e che alla fine è stata scagionata per il suo presunto coinvolgimento in un complotto per contrabbandare droga a Malta, ha fatto causa allo Stato per violazione dei suoi diritti umani fondamentali.

Yvette Muscat, 58 anni, di Baħar iċ-Ċagħaq, ha presentato due cause presso la Prima Aula della Corte Civile nella sua giurisdizione costituzionale, sostenendo che lo Stato ha violato il suo diritto al godimento della proprietà e il diritto a un processo equo, poiché il suo caso ha richiesto quasi 21 anni per essere concluso.

Muscat è stata una delle persone arrestate nel novembre 2002 per il loro presunto coinvolgimento in un racket del traffico di droga coordinato dal penitenziario di Corradino, dove quattro delle persone accusate stavano scontando la pena.

Si tratta di Emanuel Camilleri, detto “Leli l-Bully”, Charles Muscat detto “Il-Pips”, Alfred Bugejail-Porporina” e Mario Camilleri “l-Imnieħru”, ucciso insieme al figlio Mario Junior in un duplice omicidio 11 anni dopo.

Il caso risale al 2001, quando la Squadra antidroga ricevette una soffiata su un complotto, presumibilmente coordinato da alcuni detenuti di Corradino assistiti da persone all’esterno, per importare a Malta una notevole quantità di droga.

Un’operazione congiunta tra la polizia e i suoi omologhi italiani aveva portato alla luce il progetto di far passare circa due chili di cocaina, un chilo di eroina e circa 2.000 pasticche di ecstasy dai Paesi Bassi alla Sicilia e infine a Malta.

Tuttavia, il piano è stato sventato e la droga non è mai arrivata a destinazione. La polizia italiana è intervenuta in tempo per fermare due maltesi, Fabio Psaila e Raymond Borg, che stavano per prendere in consegna la partita a Catania.

Le indagini hanno rivelato che Yvette Muscat, moglie di Charles Muscat, era tra i parenti che avrebbero ricevuto istruzioni dai loro congiunti in carcere per effettuare i pagamenti relativi al traffico di droga.

Il caso si è concluso nel 2018, quando la Corte Magistrale ha dichiarato tutti gli imputati colpevoli di tutte le accuse per mancanza di prove.

Il Procuratore generale ha fatto ricorso in appello e la Corte d’appello ha confermato l’assoluzione cinque anni dopo. In uno dei suoi casi, Muscat ha sostenuto che il suo diritto a un processo equo è stato violato quando il tribunale ha impiegato quasi 21 anni per concluderlo.

L’ordine di congelamento di tutte le sue proprietà “ha letteralmente paralizzato la sua vita”.

In un altro caso, Muscat ha denunciato di aver trascorso oltre 20 anni senza poter condurre una vita normale. Oltre a partecipare regolarmente alle sedute del tribunale, per tutto questo tempo le sono stati congelati tutti i beni, impedendole di effettuare semplici transazioni e di avere un conto bancario a suo nome.

La donna ha insistito sul fatto che l’ordine di congelamento di tutti i suoi beni “ha letteralmente paralizzato la sua vita” in termini di proprietà, denaro bancario, assicurazione del veicolo e altri pagamenti di base, per cui non poteva nemmeno utilizzare una semplice carta di credito o una carta Visa. L’ordine le ha negato la possibilità di fare investimenti per il suo futuro.

La madre di quattro figli ha raccontato che il figlio più piccolo aveva solo quattro anni quando è iniziato il caso, e l’ordine di congelamento l’ha lasciata incapace di mantenere i suoi figli e dipendente in larga misura dai suoi genitori, con i quali ha vissuto per molti anni insieme ai suoi figli e ad altri parenti.

Ha detto che vivere con poco meno di 14.000 euro all’anno era un’impresa impossibile, soprattutto per far fronte alle esigenze di quattro figli. Quando il figlio maggiore ha contratto un mutuo per l’acquisto di una casa, la donna è stata costretta a trasferirsi perché non aveva fondi sufficienti per pagare l’affitto e non poteva nemmeno chiedere un prestito per l’acquisto di una casa.

Ha insistito sul fatto che è stata effettivamente privata del godimento della sua proprietà, soprattutto durante un periodo così lungo in cui era presunta innocente.

Tramite i suoi avvocati Kathleen Calleja Grima e Franco Debono, Muscat ha citato diverse sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo, una delle quali si soffermava sul ragionevole rapporto di proporzionalità tra i mezzi impiegati e lo scopo che si vuole raggiungere. L’altra aveva rilevato che un individuo era costretto a sostenere “un onere eccessivo”.

La donna ha quindi chiesto alla corte di dichiarare che il caso, durato 21 anni, e l’ordine di congelamento hanno violato i suoi diritti.

Un’altra co-accusata, anch’essa scagionata da ogni responsabilità penale, l’ex campionessa di bowling, sette volte sportiva dell’anno e insignita dell’onorificenza Ġieħ ir-Repubblika nel 1999, Sue Abela, ha recentemente presentato un’istanza in tribunale chiedendo un risarcimento per l'”accusa dolosa”.

Il governo ha recentemente modificato la legge relativa agli ordini di congelamento, limitandoli alla somma ricavata dal reato in questione.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...