sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaUn presunto assassino perde una causa sui diritti umani per dichiarazioni illegali...

Un presunto assassino perde una causa sui diritti umani per dichiarazioni illegali della polizia

Il magazzino di Qormi dove il 3 luglio 2016 √® stato trovato il corpo di Eleonor Mangion-Walker (a destra). Foto d’archivio:mark Zammit Cordina. A sinistra nell’inserto: Andrew Mangion

Un uomo in attesa di processo per il presunto omicidio della moglie separata ha perso una causa sui diritti umani in cui sosteneva che il suo diritto a un processo equo era stato violato con la rimozione di dichiarazioni illegali dalle prove.

Andrew Mangion aveva affermato, durante l’interrogatorio, che due uomini armati avevano afferrato sua moglie, Eleonor Mangion-Walker, mentre usciva dal suo garage di Swieqi e l’avevano uccisa davanti ai suoi occhi.

Ha anche detto alla polizia che i due uomini li tenevano sotto tiro. Ha affermato che uno degli uomini ha preso una tavola di legno da una borsa a tracolla e l’ha colpita ripetutamente alla testa con Mangion-Walker.

Queste dichiarazioni erano state rimosse dal fascicolo del processo in seguito a una richiesta del suo avvocato, ma Mangion afferma ora di non aver incaricato il suo avvocato, che ora ha cambiato, di chiederne la rimozione.

Mangion non è riuscito a convincere il giudice Joanne Vella Cuschieri che non gli è stato garantito un processo equo perché questa prova Рche secondo lui dimostrerebbe la sua innocenza Рnon è stata ammessa come prova.

La corte ha anche respinto il suo reclamo secondo cui la pubblicit√† pre-processuale data al suo caso, con tutti i resoconti dei media e i dettagli emersi dalla compilazione delle prove, √® stata dannosa per il suo caso perch√© i giurati che saranno scelti per ascoltare il suo caso sono gi√† stati “pregiudicati” nei suoi confronti.

Mangion rischia una potenziale condanna all’ergastolo per il suo presunto coinvolgimento nell’omicidio della moglie separata, il cui corpo √® stato trovato dalla polizia abbandonato sotto pallet di legno in un magazzino di Qormi il 3 luglio 2016.

Mangion si √® costituito pochi giorni dopo l’omicidio. √ą accusato di aver ucciso la madre della sua giovane figlia, che dice di non vedere da nove anni.

La corte ha sentito come Mangion avesse consultato un avvocato di sua scelta prima dell’interrogatorio subito dopo l’omicidio. La legge dell’epoca consentiva agli indagati di consultare il proprio avvocato per un massimo di un’ora prima dell’interrogatorio. In una fase successiva, la presenza dell’avvocato fu resa obbligatoria.

Le dichiarazioni di Mangion alla polizia durante i due interrogatori del 12 e 13 luglio 2016 sono state “piuttosto voluminose” e, sebbene non abbia ammesso di aver ucciso Mangion-Walker, ci sono stati diversi casi in cui ha incriminato se stesso.

Secondo le recenti sentenze della Corte costituzionale, le dichiarazioni rilasciate senza il diritto all’assistenza legale durante l’interrogatorio non comportano automaticamente una violazione del diritto a un equo processo.

La Corte ha affermato che √® prematuro, in questa fase del procedimento, dichiarare che si √® verificata una violazione, poich√© l’intero processo giudiziario non si √® ancora concluso.

Il giudice Vella Cuschieri ha stabilito che il tribunale penale è stato corretto dal punto di vista procedurale e legale quando ha respinto la richiesta di riammissione delle dichiarazioni come prova, soprattutto sapendo che le dichiarazioni erano state rilasciate in violazione dei suoi stessi diritti.

D’altra parte, ha detto, nulla impedisce a Mangion di testimoniare e fornire la sua versione alla giuria, alla quale pu√≤ anche consegnare una copia delle sue dichiarazioni alla polizia, perch√© non pu√≤ violare i suoi diritti fondamentali.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE