domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMalta"The Strand" di Sliema era un tempo un tranquillo lungomare, ora è...

“The Strand” di Sliema era un tempo un tranquillo lungomare, ora è un “night club”

I residenti di The Strand, a Sliema, sono allo stremo delle forze di fronte al crescente caos che regna sul lungomare, un tempo tranquillo, sotto i loro appartamenti, a causa della nascita di un centro di intrattenimento “senza legge” negli ultimi due anni.

Esprimendo frustrazione per il deterioramento della loro qualità di vita, un gruppo si è riunito per alzare la voce al di sopra del frastuono che devono sopportare dalle feste in barca dall’altra parte della strada e dai bar sottostanti.

Rifiutandosi di soccombere all’inquinamento acustico e al caos, hanno descritto a Times of Malta l’incubo di sentirsi intrappolati nei loro appartamenti, poiché i “cubicoli” sui marciapiedi e le strade fuori dai ristoranti bloccano l’accesso alle loro case.

Nel frattempo, i rumori forti della “scena dei locali notturni” e i forti odori di cibo impediscono loro di godersi le terrazze in cui hanno investito e devono chiudersi in casa.

Anna Maria Baldacchino ha sostenuto che l’affitto delle aree esterne a questi ristoranti era a basso costo e che gli spazi interni rimanevano vuoti.

Ha detto che gli altoparlanti suonano musica tutto il giorno, mandando vibrazioni nelle loro case, e che i residenti di Sliema stanno pensando di fare come a La Valletta, dove i festaioli si sono visti gettare addosso un secchio d’acqua.

Baldacchino ha fatto notare che gli ampliamenti “all’aperto” dei ristoranti e dei bar hanno causato il restringimento del marciapiede, creando uno stretto tunnel.

Questo era ulteriormente affollato da avventori che bevevano, il che significa che i pedoni potevano a malapena farsi strada a gomitate e le uscite degli edifici erano ostruite.

Dove c’era una rara apertura sulla strada, le auto erano addirittura parcheggiate, bloccandola.

Baldacchino temeva che se si fosse verificato un incidente negli appartamenti e negli alberghi che costeggiano la strada, i servizi di emergenza non avrebbero avuto accesso perché i cosiddetti cubicoli per sedie e tavoli creavano ostacoli.

La signora ha detto che non erano sicuri nemmeno per gli avventori, descrivendo la situazione come un incidente in attesa di accadere mentre le auto sfrecciavano intorno a loro.

“Devono morire delle persone prima che ci rendiamo conto che questa è un’arteria principale e che dovrebbe essere riservata alle auto e non alle persone che siedono in mezzo alla strada?”.

Baldacchino ha sottolineato la mancanza di sicurezza riferendosi anche al recente ribaltamento di un’auto in corsa proprio accanto alle tettoie, sotto le quali si sedevano le persone, facendo cadere un palo dell’elettricità.

Doppi e tripli parcheggi all’ordine del giorno

Altri problemi sono stati la mancanza di parcheggi – già una “rarità” a Sliema – che sono stati sostituiti dai posti a sedere all’aperto.

Inoltre, senza baie di carico/scarico, i furgoni per le consegne hanno bloccato la strada con parcheggi doppi e tripli, il che significa che l’arteria principale a due corsie di Sliema si è ridotta a una sola, causando congestione del traffico e pericolo.

Sottolineando i rischi del restringimento della strada, Baldacchino ha citato, come esempio, un recente incendio in un ristorante di Sliema: “Le ambulanze, le autopompe e la polizia sono state bloccate”, ha detto, mentre il traffico si accumulava sulla strada.

Baldacchino ha chiesto a Transport Malta e ad altri enti collegati di ridurre il parcheggio riservato ai pullman sul lato del lungomare, ma gli è stato risposto che non era possibile perché avrebbe causato un doppio parcheggio su una strada principale e sarebbe stato pericoloso.

La signora si è chiesta come mai lo stesso ragionamento non valesse per il lato opposto della strada principale, dove i box sporgono all’interno e i veicoli parcheggiano in modo disordinato, ostruendo persino i garage.

La Baldacchino ha contattato le varie autorità per mesi, ma ha l’impressione di essere in balia delle onde, visto che viene passata da una all’altra.

“A loro interessa solo servire le imprese e i residenti sono completamente dimenticati”, ha detto la signora.

“Questa è una zona residenziale”.

Ironia della sorte, i cartelli su The Strand recitano: “Questa è una zona residenziale. Non disturbare i residenti. Fate silenzio”.

Ma Josette Farrugia, che vive lì da 21 anni, sa bene che non significano nulla.

I residenti non solo hanno dovuto affrontare la musica ad alto volume dei bar in quella che è stata descritta come “Paceville a Sliema”, ma anche il mal di testa delle “abominevoli” feste in barca che partono da The Strand.

Il ritmo “incredibile” dei bassi inizia quando si preparano a partire alle 17.00, presumibilmente per attirare i festaioli, ha detto Farrugia.

A mezzanotte, questi sbarcano ubriachi, al suono di un’altra musica che fa drizzare le orecchie, comprano altri drink da sotto gli appartamenti e sporcano tutto il traghetto, ha proseguito, descrivendo lo stato spaventoso del mare sporco al mattino dopo che le barche sono state pulite.

“Vivere qui è diventato insopportabile in tutti i sensi. Non si può stare sul balcone o in camera a meno che non si chiudano le porte”, ha continuato Farrugia.

“La situazione sta andando di male in peggio. Viviamo in una terra senza legge“, ha detto la donna, che ha investito in un appartamento sul mare per poi ritrovarsi a vivere in questo modo.

E non finisce qui, ha detto Monica Wittkemper, una cittadina tedesca che vive in un altro condominio, che ha parlato anche del disturbo causato dalla raccolta dei rifiuti commerciali e del suono “riverberante” della frantumazione dei vetri nelle prime ore del mattino.

Wittkemper è arrivata a Malta 13 anni fa e ha affittato il suo appartamento prima di acquistarlo, essendosi innamorata della zona “bella e tranquilla”, degli odori del mare e dei suoni delle onde.

Ora, dal 2020 circa, non può più godersi tutto questo perché l’odore “insopportabile” della cucina le impedisce di arieggiare l’appartamento e, come altri residenti, sente di essere cacciata.

Come se non bastasse, ristoranti come il Gourmet Cocktail Bar and Grill e la Trattoria del Mare erano pieni di illegalità e, nonostante gli avvisi di accertamento, hanno continuato a operare.

La Wittkemper sta pensando di andarsene, pur sapendo che il valore del suo appartamento non è più quello di una volta con l’indisciplina da cui è circondato.

Nel frattempo, la donna non ha mai smesso di lottare, denunciando continuamente il rumore alla polizia e partecipando a innumerevoli udienze in tribunale come testimone.

Tuttavia, questi casi vengono costantemente rinviati per mesi e mesi, facendo il gioco dei proprietari degli esercizi commerciali, e la musica ad alto volume continua ad esistere.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...