domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaStudente palestinese a Malta: "Il nostro tempo sta per scadere"

Studente palestinese a Malta: “Il nostro tempo sta per scadere”

La casa di Nour Zaqout (a lato) prima di essere colpita dai missili israeliani. A destra: La casa dopo il primo attacco.

Nour Zaqout, che sta raccogliendo fondi in crowdfunding per portare la sua famiglia fuori da Gaza, sente di “non avere più tempo”, poiché sostiene che la loro casa è stata bersagliata dai missili e “bruciata come se non fosse mai esistita prima”.

Nour Zaqout ha raccontato che suo padre e i suoi zii, che erano rimasti, erano partiti solo un paio di giorni prima che la casa fosse colpita una settimana fa.

“Li chiamavo instancabilmente per convincerli ad andarsene. Si sono rifiutati, ma per fortuna alla fine se ne sono andati”, ha raccontato Zaqout.

La 27enne dice di essersi sentita impotente e frustrata da quando ha lasciato la Palestina per proseguire gli studi a Malta, poco prima che iniziassero i bombardamenti israeliani come rappresaglia agli attacchi di Hamas del 7 ottobre.

“Sono partiti per vivere nelle tende”, ha detto, parlando della situazione disperata della sua famiglia in un campo affollato e insalubre, senza accesso ad acqua pulita, cibo, medicine o elettricità.

“Ma ora hanno evacuato anche le tende perché anche queste sono state prese di mira. Non c’è un posto sicuro e continuano a fuggire”, ha detto Zaqout.

“Non ho più tempo e invece di osservare dall’esterno, voglio aiutare la mia famiglia. Voglio che almeno siano al sicuro”.

“Il quartiere in cui vivo è stato preso di mira con fosforo bianco, missili e razzi”, ha scritto sulla sua pagina di crowdfunding, aggiornando i donatori mentre cerca di raccogliere fondi per aiutare la sua famiglia a evacuare e attraversare l’Egitto.

“Si sono salvati per un pelo, ma hanno perso tutto quello che avevamo”.

Zaqout sostiene che è un “segreto aperto” che a Rafah, l’unico valico di frontiera, sono state richieste tasse salatissime, fino a 9.000 euro a persona e in aumento.

Ha raccolto più di 22.000 euro dei 64.000 che le servono per far passare la sua famiglia attraverso il confine con la sua campagna: “Escaping Genocide: Gaza Evacuation for My Family”.

La studentessa, che insiste sul fatto che sarebbe rimasta a casa se avesse saputo cosa l’aspettava solo due settimane dopo la partenza, ha detto che i membri della sua famiglia non sono ancora al sicuro nel sud della Striscia di Gaza.

“La situazione sta peggiorando e diventando sempre più pericolosa, i bombardamenti sono pesanti e si stanno verificando numerosi massacri ovunque, soprattutto nel sud ‘sicuro'”.

Zaqout è informato che gli aerei militari sono ovunque e “sparano letteralmente a tutto ciò che si muove”.

The damaged house
La casa danneggiata

L’ultimo contatto con la sua famiglia risale a due settimane fa, a causa del completo blackout delle telecomunicazioni e di internet.

“Negli ultimi mesi hanno vissuto in una situazione di costante paura e violenza. Sono stati costretti a fuggire da un luogo all’altro, cercando riparo in tende, scuole, ospedali o in qualsiasi altro posto possibile.

“Sono esposti al freddo e alla pioggia, e alla costante minaccia di nuovi attacchi. Temo che saranno colpiti, visto che molte tende sono state prese di mira e travolte da carri armati e bulldozer”.

L’ultima volta che sono dovuti fuggire è stato quando alloggiavano vicino all’ospedale Nasser di Khan Younis, una delle poche strutture sanitarie funzionanti nella Striscia di Gaza, ha raccontato Zaqout.

“Molte donne sono morte o hanno perso i loro bambini a causa della mancanza di cure adeguate e della paura e dello stress costanti”.

L’area è stata tra le più colpite di Gaza: l’esercito israeliano ha preso d’assalto e assediato gli ospedali, impedendo ai pazienti e al personale medico di entrare e uscire.

“Si sono salvati per un pelo, ma hanno perso tutto quello che avevamo. Si sono uniti a migliaia di altri sfollati che non avevano un posto dove andare”.

Tra loro c’è la cugina di Zaqout, Lama, che sta per dare alla luce il suo secondo figlio con un parto cesareo. Ma gli ospedali sono sovraffollati, privi di personale e mal attrezzati, e i pazienti vengono curati senza anestesia, elettricità o acqua, ha detto Zaqout.

“Molte donne sono morte o hanno perso i loro bambini a causa della mancanza di cure adeguate e della costante paura e stress”, ha detto.

“Lama, come molte altre, è terrorizzata e soffre. Non sa quando o dove partorirà, né se lei e il suo bambino sopravviveranno. Non ha accesso a cure prenatali, ecografie o altri servizi medici. Non ha un luogo sicuro, perché le bombe e i razzi possono colpire qualsiasi edificio in qualsiasi momento”.

Zaqout ha continuato a lanciare un appello al mondo dalla sua casa di Malta “affinché ascolti la nostra voce, veda la nostra sofferenza, senta il nostro dolore, fermi questa follia, ponga fine a questo conflitto”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...