sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltasono stato ingenuo, sono stato ferito": l'ex capo dell'ente di controllo della...

sono stato ingenuo, sono stato ferito”: l’ex capo dell’ente di controllo della cannabis

Mariella Dimech ha parlato con Andrew Azzopardi su 103 Malta’s Heart.

L’ex capo dell’autorità di controllo della cannabis ha detto sabato di essere ingenua a pensare di poter assumere un tale ruolo senza una qualche forma di alleanza politica.

La psicoterapeuta Mariella Dimech, che nel 2022 ha lasciato la carica di presidente esecutivo dell’Autorità dopo soli 10 mesi, ha parlato con il conduttore radiofonico Andrew Azzopardi.

La Dimech era l’Autorità per l’Uso Responsabile della Cannabis (ARUC) dopo che Malta aveva legalizzato la coltivazione e il possesso di cannabis alla fine del 2021.

Sabato ha detto ad Azzopardi su RTK103 che quando si parla di cannabis, il più grande problema locale è la mancanza di informazioni tra il pubblico.

“La gente ascolta solo i politici. I laburisti ascoltano il PL e i nazionalisti ascoltano il PN. Non è l’unico modo per ottenere informazioni: dobbiamo costruire una società in cui siano i professionisti e le persone con esperienza a sentirsi liberi di esprimere le proprie opinioni.

“Non parlo a nome di nessun [politico], e sono stato molto ingenuo a pensare di poter entrare in questo ruolo [senza alcuna alleanza].

“Non posso credere che, alla mia età, io possa essere così ingenuo. Non sono una persona che capisce la politica. Anche se sono resistente, deciso e sicuro di me, gli attacchi [personali] mi hanno distrutto”

Un’emozionata Dimech ha detto ad Azzopardi che non riusciva a capire come le persone non credessero che il denaro non fosse una priorità per una persona che aveva passato 30 anni ad aiutare le persone colpite dal consumo di droga.

Video: il cuore di 103 Malta

Prima di dirigere l’Autorità per la cannabis, Dimech ha lavorato per 21 anni con il servizio di riabilitazione dalle droghe Caritas, 10 dei quali come coordinatrice dei programmi e dei servizi radiofonici di Tama Ġdida.

Come coordinatrice, era responsabile della creazione di programmi clinici per tutti i servizi dell’organizzazione. Per sei anni ha diretto la Comunità terapeutica San Blas. Si è specializzata in psicoterapia e ha gestito una clinica privata per 12 anni.

Il suo contratto come presidente esecutivo dell’autorità per la cannabis valeva fino a 82.000 euro l’anno e il suo mandato doveva durare tre anni.

la Commissione ha fornito informazioni sulla sua remunerazione attraverso una richiesta di libertà di informazione, riferendosi alla Dimech come “sorella di Salvatore Balzan”. Balzan è il proprietario della casa editrice concorrente Malta Today.

Lo Shift ha riferito che la Dimech forniva consulenza al governo sulla prevenzione dell’uso di droghe.

sì, mi state facendo del male, ben fatto”

“Se The Shift voleva farmi del male, ci è riuscito. So che il motivo per cui The Shift riferisce di me non è nell’interesse del Paese, di nessun partito politico o della società.

“Vogliono fare del male e vendicarsi non solo di me, ma anche di mio fratello. Non riusciranno a vendicarsi molto di mio fratello… Ma io sì, mi state facendo del male, ben fatto”, ha detto.

Dimech ha negato di fornire servizi di consulenza: “Non sono un consulente. Sto portando avanti una ricerca che ho iniziato nel 2009 sotto una PN [amministrazione]… Devo essere un vero e proprio galleggiante”, ha osservato.

Ha detto che la ricerca che sta conducendo (nota anche come “studio di esito”) deve essere condotta attraverso il governo, poiché si tratta di uno studio nazionale.

“È il mio sogno chiudere il capitolo delle dipendenze e avere uno strumento che possa valutare, in modo oggettivo, l’efficacia della riabilitazione a Malta”

Quando è stata licenziata da capo dell’autorità per la cannabis, Dimech aveva detto che per 10 mesi aveva lavorato con “nessun ufficio funzionale, nessuno staff, nessun budget e una strategia politica e decisionale con cui non ero d’accordo”.

Sabato ha dichiarato di non aver ricevuto una motivazione per il suo licenziamento.

Ha detto di ritenere che diverse cose abbiano creato un effetto a catena e abbiano portato al suo licenziamento: “Non avrei mai immaginato che sarebbe stata un’esperienza così difficile a diversi livelli. Non avrei mai immaginato che ci sarebbero stati articoli e enfasi su di me come persona”, ha detto.

Sebbene ritenga che ci fosse “molto entusiasmo” per la nuova legge sulla cannabis, non è stato fatto molto lavoro di preparazione. Le conseguenze della mancanza di preparazione si sono fatte sentire fino ad oggi, quando l’uso illegale di cannabis non è diminuito, ha aggiunto.

Rispondendo alle domande sulla proposta del governo di rivedere i limiti sulla quantità di droghe con cui una persona può essere catturata ed essere processata in tribunale, ha messo in guardia contro il ripetersi della mancanza di preparazione per la nuova legge sulla cannabis.

“Non abbiamo fretta: c’è un grande problema di consumo di droghe, salute mentale, depressione, ansia e suicidi e non stiamo tenendo il passo.

“Fermiamoci e valutiamo le conseguenze sulla salute mentale. I cambiamenti motiveranno un consumatore o un tossicodipendente a smettere di consumare droghe?”

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE